Fronte di liberazione del popolo eritreo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fronte di Liberazione del Popolo Eritreo
Flag of the EPLF.svg
Leader Isaias Afewerki
Stato Eritrea Eritrea
Fondazione anni settanta
Dissoluzione 1993, trasformatosi in
Fronte Popolare per la Democrazia e la Giustizia
Ideologia

Il Fronte di Liberazione del Popolo Eritreo (FLPE) ( in tigrino: ህዝባዊ ደሞክራስያዊ ግንባር ኤርትራ, ህደግኤ, in arabo: الجبهة الشعبية لتحرير إريتريا, in inglese Eritrean People's Liberation Front EPLF) è stato un movimento politico-militare che aveva come obiettivo il conseguimento dell'indipendenza dell'Eritrea.

Il gruppo nacque nei primi anni '70 scindendosi dal Fronte di Liberazione Eritreo sulla base di differenze ideologiche e, in misura minore etnico-religiose. In pochi anni il FPLE divenne la guida della resistenza eritrea contro l'occupazione etiope fino alla vittoria nel 1991. Nel 1993 si tenne il referendum che sancì l'indipendenza dell'Eritrea ed il gruppo, poco dopo, si trasformò in partito politico col nome di Fronte Popolare per la Democrazia e la Giustizia.