Frisa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando specie di pane di grano duro tipico del Salento (territorio), vedi frisa.
Frisa
comune
Frisa – Stemma Frisa – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
Provincia Provincia di Chieti-Stemma.png Chieti
Amministrazione
Sindaco Rocco Di Battista (Lista civica Frisa Unita) dal 15/04/2008
Territorio
Coordinate 42°16′00″N 14°22′00″E / 42.266667°N 14.366667°E42.266667; 14.366667 (Frisa)Coordinate: 42°16′00″N 14°22′00″E / 42.266667°N 14.366667°E42.266667; 14.366667 (Frisa)
Altitudine 237 m s.l.m.
Superficie 11 km²
Abitanti 1 823[1] (31-10-2013)
Densità 165,73 ab./km²
Frazioni Badia, Colle Alto, Colle della Fonte, Guastameroli, Vallone
Comuni confinanti Crecchio, Lanciano, Ortona, Poggiofiorito, San Vito Chietino
Altre informazioni
Cod. postale 66030
Prefisso 0872
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 069037
Cod. catastale D803
Targa CH
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti frisani
Patrono san Pantaleone
Giorno festivo 27 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Frisa
Posizione del comune di Frisa all'interno della provincia di Chieti
Posizione del comune di Frisa all'interno della provincia di Chieti
Sito istituzionale

Frisa (Frìsce in abruzzese[2]) è un comune italiano di 1.823 abitanti della provincia di Chieti in Abruzzo, alla periferia nord-ovest di Lanciano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni reperti di epoca romana, attestano che il territorio di Frisa era abitato già in antichità, tuttavia le prime documentazioni letterarie risalgono all'XI secolo quando il territorio di Frisa fu possesso di Trasmondo III, conte di Chieti.[3]

La più antica frazione di Frisa è Guastameroli di cui si hanno notizie sin dall'XI secolo in un atto (forse notarile) di compravendita risalente all'anno 1087 dell'Abbazia di San Giovanni in Venere, ove la frazione viene citata come "Lo Vasto Meruli".[4]

All'inizio del 1400 il borgo divenne feudo della città di Lanciano, mentre nel 1425 fu dei Caldora indi dei Cotugno ma poi, per l'estinzione di questa famiglia, passò al demanio regio. Nei vari conteggi dei fuochi, Frisa contò 62 fuochi nel 1447, 55 nel 1601 e 67 nel 1737. Dal 1657 fino all'estinzione delle feudalità il paese fu feudo dei Caccianini (famiglia di origine lombarda) di cui il membro principale fu Felice Saverio Caccianini che fu consigliere di Intendenza sotto il governo borbonico. Nel 1809 la popolazione arrivò a 1281 abitanti e nel 1901 si arrivò a 1954 abitanti.[4]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Ex chiesa e Convento di Santa Lucia, siti in Piazza principe di Piemonte. La prima notizia della chiesa è attestata da un atto di donazione del 1056, mentre il campanile risale al XIV secolo. Del XVIII secolo è la costruzione della sacrestia sul passaggio di collegamento fra il Castro ed i nuovi quartieri del paese. Il campanile ha delle aperture a tutto sesto forse dell'impianto originario.[5]
  • Chiesa di Santa Maria (Badia di Frisa), sita in contrada Badia. La prima notizia della chiesa si ha in un atto di donazione del 1049 dove viene citato dell'annesso monastero. Forse l'impianto attuale è dovuto a rimaneggiamento ed ampliamenti nel tempo. La facciata presenta uno sviluppo orizzontale non simmetrico al suo asse. Il campanile è a vela. Un'apertura circolare è posta sopra il portale. L'interno è a tre navate con volte a vela.[6]
  • Il Santuario Madonna del Popolo di Frisa, sita in via Madonna del Popolo a Frisa in provincia di Chieti. 
    Il Santuario è sorto nell’arco di tempo che va dal 1664 al 1669, nei pressi di un crocicchio dove esisteva un’edicola votiva con l’immagine della Vergine Santissima, una pia donna pregava, come usava fare tutte le mattine, davanti a tale immagine, le apparve la Vergine, esprimendole il desiderio che il Popolo edificasse una chiesa e promettendo una specialissima protezione in tutte le necessità. Sparsasi tale notizia, accorsero a venerare l'immagine fedeli dei vicini paesi e molti ammalati furono guariti. La fama dei miracoli aumentò il concorso dei fedeli crescevano sempre di numero. Con le offerte di essi si iniziò la costruzione del Santuario. In due anni di lavoro il Santuario fu costruito Il Lunedì di pentecoste del 1666 si svolse la prima processione della miracolosa Madonna del Popolo. Secondo un'iscrizione il Santuario venne terminata nel 1669 ed inaugurata al culto nello stesso anno. Le elemosine dei fedeli furono ben amministrate dai procuratori laici del tempio che si arricchì velocemente di preziosi arredi religiosi e di opere d’arte. Nel contempo, intorno al culto della Madonna del Popolo e al suo Santuario, nacquero delle opere pie che originarono un “monte del grano” e l’adozione dei bambini abbandonati davanti alla chiesa (quest’ultima pia pratica è testimoniata fino all’Unità d’Italia). Di tutta l’antica ricchezza decorativa ed artistica, oggi resta solo il presbiterio (decorato nel 1697 con figure a tutto tondo) poiché nel 1943, durante la loro ritirata dal fronte del Sangro, i tedeschi minarono il campanile che crollò su tutto il resto del Santuario, distruggendola quasi interamente. Finita la guerra, il Santuario fu ricostruito ed ampliato dai fedeli e di nuovo consacrato nel 26 luglio 1947. All’interno, in un altare barocco era conservata l’immagine sacra della Madonna del Popolo su tela del cinquecento che fu trafugata dai ladri il 30 dicembre 1980. Alcuni fedeli e il parroco, attraverso la televisione, rivolsero un invito a restituire il quadro rubato ma senza esito (andarono alla Trasmissione televisiva di Rai 2 di Portobello). Il famoso pittore Pietro Annigoni ascoltando l‘invito del parroco e dei fedeli offrì un suo dipinto in sostituzione di quello trafugato. La comunità Frisana accettò la nuova immagine, ovviamente molto diversa da quella antica, fu consacrata l’8 dicembre 1981 e collocata sull’altare. Anche con una nuova immagine il culto della Madonna del Popolo continua ad essere vivo, poiché profondamente radicato nella gente di Frisa. Dal 1º maggio 2013 al 9 giugno del 2014, si svolgerà l’anno Giubiliare del Santuario della Madonna del Popolo. L’evento religioso ricade in occasione della ricorrenza del 350º anniversario dall’apparizione della Madonna del Popolo di Frisa. Sito ufficiale e del http://www.madonnadelpopolofrisa.it/index.html. Storia raccontata da un fedele http://www.lopinionista.it/notizia.php?id=926 Sangroaventino, 2004, http://www.sangroaventino.it/sezioni/-Frisa/pagine.asp?idn=1843. URL consultato il 13 dicembre 2009. Il Cammino dell'apostolo Tommaso" la via abruzzese del pellegrinaggio fa parte integrante della rete dei Cammini della Fede d'Europa e un percorso di arte e spiritualità che tocca tutte e quattro le province abruzzesi il percorso si snoda per circa 450 chilometri unendo i luoghi dell'antica spiritualità cristiana, il Cammino di San Tommaso passa per il comune di Frisa nell'ultima tappa da Lanciano ad Ortona (di 26 km) il passaggio si trova a circa 1 km dal Santuario Madonna del popolo di Frisa.[7]
  • Chiesa di San Pantaleone, sita in contrada San Pantaleone. La prima citazione della chiesa è del 1627 quando si parla di una cappella, tuttavia le forme odierne della chiesa sono da ricercare nel 1742 (data posta sul portale), quando viene fatto un ampliamento dell'edificio religioso. La facciata è suddivisa in tre parti mediante delle paraste. Sopra il portale vi è una finestra ad arco ribassato. Il timpano è a cornici modanate con un'apertura circolare al suo interno. L'interno è ad aula unica.[8]
  • Chiesa di San Filippo Neri, sita nella frazione Guastameroli. La chiesa, o meglio la parte esterna dell'edificio, venne costruita tra il XVIII ed il XIX secolo. L'interno venne ultimato alla metà dell'Ottocento. La facciata è a capanna. Ai lati della chiesa vi sono delle coppie di lesene giganti. Il campanile è posto su di un fianco della chiesa e presenta delle cornici marcapiano. L'interno è a navata unica.[9]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Palazzo baronale Caccianini, sito in Piazza Principe di Piemonte. Il palazzo fu fatto costruire dalla famiglia Caccanini a partire dal XVII secolo come propria residenza inglobando varie strutture della cinta muraria nel proprio palazzo. Alla metà del Settecento risulta una sopraelevazione dell'edificio, mentre è degli inizi del XIX secolo l'aggiunta di un'ala trasversale dell'edificio precedente. È suddiviso in tre livelli. Solo il primo ed il terzo livello sono imbiancati, il piano centrale presenta una muratura a vista per via dello scrostamento della vernice. Al pian terreno vi sono vari ingressi per le abitazioni e i luoghi di deposito, aperti forse di recente. Le aperture al primo piano sono state murate per via dell'abbandono. Le aperture al secondo piano si affacciano su dei balconcini e incorniciate da rilievi in stucco. Nella parte del cortile il palazzo presenta due livelli anziché tre.[10]
  • Passaggio di raccordo tra antico castro e i nuovi quartieri, sito in Piazza principe di Piemonte. È stato realizzato nel 1747 come indicato da un'iscrizione sulla muratura presso la porta sul lato della sacrestia della chiesa di Santa Lucia. Il passaggio è costituito da tre campate con volte a crociera con mattoni con raccordo ad archi a tutto sesto.[11]
  • Torre, sita in Piazza principe di Piemonte. Attualmente è inglobata nel palazzo Caccianini e risulta abitata (sede del Gruppo volontari comunale di protezione civile Frisa)[12]. Fu costruita nel XIV secolo, mentre fu accorpata al XVII secolo al palazzo baronale. La base è circolare ed è costruito in pietre miste a mattoni in cui si aprono varie finestre.[13]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[14]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2008 Franco Spargoli Sindaco
2008 2008 Luciano Conti Commissario Prefettizio
2008 in carica Rocco Di Battista lista civica "Frisa unita" Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 ottobre 2013.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 288.
  3. ^ Autori Vari, Frisa e la sua storia, Sangroaventino, 2004. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  4. ^ a b Autori Vari, Archivio storico, Sangroaventino, 2004. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  5. ^ Autori Vari, Ex Chiesa e Convento di Santa Lucia, Sangroaventino, 2004. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  6. ^ Autori Vari, Chiesa di Santa Maria o Badia di Frisa, Sangroaventino, 2004. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  7. ^ Il Cammino dell'Apostolo Tommaso - Itinerari Religiosi Home Page
  8. ^ Autori Vari, Chiesa di San Pantaleo, Sangroaventino, 2004. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  9. ^ Autori Vari, Chiesa di San Filippo Neri, Sangroaventino, 2004. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  10. ^ Autori Vari, Palazzo Baronale Caccianini, Sangroaventino, 2004. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  11. ^ Autori Vari, Passaggio di Raccordo tra antico Castro e Nuovi Quartieri, Sangroaventino, 2004. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  12. ^ Procivil Chieti - Gruppo Comunale di Protezione Civile Frisa (CH)
  13. ^ Autori Vari, Torre dell'Antica Cerchia Muraria, Sangroaventino, 2004. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  14. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • D. D'Angelo, Frisa. Una comunità agricola in un'economia urbana in Quaderni di rivista Abruzzese n. 37, Lanciano, 2001.
Abruzzo Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Abruzzo