Freeride World Tour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Spettatori per l'ultima tappa del Freeride World Tour 2010, sotto al monte Bec des Rosses

Il Freeride World Tour (FWT) è un circuito internazionale di competizioni professionistiche di freeride e di sci e snowboard big mountain, che si svolge annualmente dal 2008 in diverse località di montagna nel mondo.[1]

È regolamentato dalla Pro Freeriders Board, un'organizzazione costituita da otto noti freerider e non affiliata al CIO.[2][3] Il regolamento stesso dell'FWT inoltre sottolinea l'importanza di promuovere la visibilità del freeride e delle stazioni sciistiche ad esso collegate, attraverso per esempio la pubblicità sui media.[4]

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

La Pro Freeriders Board (PFB, "commissione freerider professionisti"), l'associazione organizzatrice del FWT, si pone l'obiettivo di «assicurare le migliori condizioni possibili per la crescita del freeride» ed è composta da otto sciatori e snowboarder professionisti: Cyril Neri, Matt Annetts, Max Zipser, Jackie Paaso, Reine Barkered, Drew Tabke (segretario generale), Tom Leitner e Markus Eder. L'inclusione nella PFB avviene per cooptazione, su proposta di uno dei membri.[5]

La Pro Freeriders Board non afferisce né alla Federazione Internazionale Sci né ad altre federazioni sportive riconosciute dal Comitato Olimpico Internazionale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Freeride world tour si svolse per la prima volta nel 2008, per iniziativa della Nissan e degli organizzatori di alcune competizioni europee di freeride; vennero fissate cinque tappe e venne posto per premio la più grande cifra mai stabilita per una gara di sci fuoripista.[2] Dal 2013 è sponsorizzato da Swatch e The North Face.

La prima edizione del torneo è stata disputata esclusivamente da atleti invitati, ma dalla seconda è stato fissato un turno di qualificazione.[6]

In breve tempo, il FWT si è imposto come la più importante competizione di sci big mountain al mondo, e, in parte nel 2012, del tutto nel 2013, ha assorbito il più vecchio Freeskiing World Tour.[7][8]

La gara[modifica | modifica wikitesto]

La partenza del pendio della Russian Adventure 2009 a Krasnaja Poljana

Sciatori e snowboarder gareggiano in due discipline separate, a loro volta divise nelle categorie maschile e femminile. Ogni tappa del tour vede gareggiare ogni categoria ordinatamente (o solo alcune) secondo un percorso libero che inizia da un cancelletto di partenza sulla cima di un monte e finisce con il traguardo a valle. Gli atleti sono liberi di scegliere la linea che preferiscono senza tuttavia poterla provare prima della gara – questo vincolo aggiunge difficoltà alla discesa[9]. All'arrivo sono giudicati da una giuria che assegna loro un punteggio da 0 a 100.

I criteri su cui si basano i giudici sono cinque[10][11]:

linea di discesa
viene giudicata la scelta della linea di discesa in base alla sua difficoltà e originalità
Salti e acrobazie
numero e qualità dei salti e delle acrobazie affrontati; maggiore è la difficoltà del salto, più saranno i punti assegnati
fluidità
continuità della discesa; le pause vengono penalizzate mentre la velocità viene premiata
controllo
gli atleti che perdono l'equilibrio o il controllo della sciata vengono penalizzati
tecnica
viene anche giudicata la tecnica di discesa e delle curve.

Alla fine del torneo vengono premiati gli atleti che per ogni categoria hanno ottenuto un miglior totale rispetto alle quattro migliori discese[12].

Tappe[modifica | modifica wikitesto]

Nella seguente tabella sono indicate le tappe di ogni edizione:[6][13][14][15][16][17][18]

Eventi 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015
Stati Uniti Mammoth Challenge 22-26 gennaio
Canada Revelstoke 6-11 gennaio 7 gennaio 18 dicembre
Italia Courmayeur 24-29 febbraio[19] 19 gennaio[19] 18 gennaio[19]
Francia Chamonix 30 gennaio 22 gennaio 21-27 gennaio 26 gennaio 25 gennaio 24 gennaio
Svizzera St. Moritz 30 gennaio[19]
Norvegia Røldal 25 febbraio-2 marzo
Stati Uniti Masters of Crystal Mountain 7 febbraio[20]
Stati Uniti Kirkwood 25 febbraio[21] 27 febbraio 1 marzo
Russia Russian Adventure, Soči 31 gennaio-5 febbraio 20-25 gennaio 21 gennaio 5 marzo[19]
O'Neill Big Mountain Pro 24 febbraio-2 marzo[19]
Austria Fieberbrunn 12 marzo[19] 10-16 marzo[19] 9 marzo 1 febbraio 31 gennaio
Stati Uniti Tram Face Squaw Valley 27 febbraio-5 marzo 27 febbraio
Francia Tignes 9-12 marzo 8-14 marzo
Andorra Vallnord Arcalis 14 febbraio
Stati Uniti Alaska 14 marzo[19]
Svizzera Xtreme Verbier 14-23 marzo 20-29 marzo 20 marzo 19 marzo 24 marzo-1 aprile 22 marzo 22 marzo 28 marzo

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Matt Annetts, Mitch Toelderer e, sopra, Xavier de Le Rue sul podio del FWT 2010 (snowboarder uomini). De Le Rue è stato il vincitore del maggior numero di edizioni del torneo.

Sono presenti due discipline, sci e snowboard, ognuna con le categorie maschili e femminili:[22]

Anno Sci Snowboard
Uomini Donne Uomini Donne
2008 Svezia Henrik Windstedt Stati Uniti Elyse Saugstad Francia Xavier de Le Rue Svizzera Ruth Leisibach
2009 Francia Aurelien Ducroz Norvegia Ane Enderud Francia Xavier de Le Rue Stati Uniti Susan Mol
2010 Francia Candide Thovex Norvegia Ane Enderud Francia Xavier de Le Rue Germania Aline Bock
2011 Francia Aurelien Ducroz Svezia Janette Hargin Austria Mitch Tölderer Francia Anne-Flore Marxer
2012 Svezia Reine Barkered Svezia Christine Hargin Francia Jonathan Charlet Stati Uniti Maria DeBari
2013 Stati Uniti Drew Tabke Austria Nadine Wallner Stati Uniti Ralph Backstrom Francia Elodie Mouthon
2014 Francia Loic Collomb-Patton Austria Nadine Wallner Svizzera Emilien Badoux Stati Uniti Shannan Yates

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Colonna, pp. 232-233
  2. ^ a b (EN) The Freeride World Tour is born! in freeride.co.uk, 27 dicembre 2007.
  3. ^ FWT rules & tools, p. 5
  4. ^ FWT rules & tools, pp. 35-36
  5. ^ FWT rules & tools, p. 5
  6. ^ a b (EN) World Top Riders Confirmed to the First Freeride World Tour in freeride.co.uk, 7 dicembre 2007. URL consultato il 14 marzo 2013.
  7. ^ (EN) Freeskiing World Tour & Freeride World Tour Partner in newschoolers.com, 26 dicembre 2011. URL consultato il 14 marzo 2013.
  8. ^ (EN) Freeskiing World Tour to Merge with Freeride World Tour, Subaru Freeride Series, 19 luglio 2012. URL consultato il 14 marzo 2013.
  9. ^ Alberto Dolfin, Freeride World Tour, ci siamo A Courmayeur la tappa italiana in La Stampa.it, 21 gennaio 2013. URL consultato il 19 luglio 2013.
  10. ^ Andrea Chatrian, I funamboli dello sci si sfidano sul Bianco in La Stampa.it, 19 gennaio 2013. URL consultato il 19 luglio 2013.
  11. ^ (EN) RULES & TOOLS JUDGING (PDF), Freeride World Tour. URL consultato il 19 luglio 2013.
  12. ^ FWT rules & tools, p. 10
  13. ^ Francesco Macchi, Il Freeride World Tour annuncia la terza stagione in Neve Italia, 1 ottobre 2009. URL consultato il 14 marzo 2013.
  14. ^ Freeride World Tour calendario 2011 in skimag.it, 8 dicembre 2010. URL consultato il 14 marzo 2013.
  15. ^ (EN) The Swatch Freeride World Tour 2012 starts this week in Revelstoke, Canada (PDF), Freeride World Tour, 5 dicembre 2011. URL consultato il 14 marzo 2013.
  16. ^ (EN) Programma ufficiale 2013, Freeride World Tour. URL consultato il 16 aprile 2013.
  17. ^ (EN) FWT 2014 competition schedule announced, Freeride World Tour. URL consultato il 19 luglio 2014.
  18. ^ (EN) Announcement of the full calendar 2015, Freeride World Tour, 8 aprile 2014. URL consultato l'11 aprile 2014.
  19. ^ a b c d e f g h i solo uomini
  20. ^ solo snowboard
  21. ^ solo sci
  22. ^ (EN) Rankings, Freeride World Tour. URL consultato il 31 marzo 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Martino Colonna, Le gare di freeride in Freeride - scivolare liberi nella neve con sci, snowboard e telemark, Hoepli Editore, 2012, pp. 230-236, ISBN 978-8820350604.
  • Giulio Caresio, Intervista a Nicolas Hale-Woods. Tutta la storia del Freeride World Tour in ALP, nº 288, aprile 2013, pp. pp. 18-29.
  • (EN) Pro Freeriders Board, FWT rules & tools, 2013. URL consultato il 21 aprile 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

sport invernali Portale Sport invernali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport invernali