Freedom Ship

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Freedom Ship
Costruttori Freedom Ship International
Cantiere Palm Harbor, Florida, USA
Caratteristiche generali
Lunghezza 1,371 m m
Altezza 106,7 m m
Numero di cabine 33 000 (18 000 abitacoli, 3000 unità commerciali, 2400 unità per il tempo libero e 10 000 unità hotel)

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

La Freedom Ship (Nave della libertà) è stato un progetto di nave di tipo "città galleggiante", proposto alla fine del 1990. [1] La nave, che sarebbe stata in realtà un insieme di tante chiatte collegate, fu chiamata così perché potrebbe facilitare e rendere più "libero" lo stile di vita dei passeggeri, in grado di viaggiare e allo stesso tempo lavorare/svagarsi.

Il progetto della Freedom Ship prevedeva una città vera e propria [2], lunga più di un chilometro e con necessità di trasporto rapido, comprendente alloggiamenti a condominio per 50 000 persone [2], una pista d'atterraggio per accogliere aeroplani a turboelica, duty-free shop, casinò e altri servizi. La nave avrebbe dovuto circumnavigare il globo, facendo sosta in alcuni porti significativi. [3]

Costruzione[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante la copertura mediatica iniziale sul settimanale di attualità Weekend Edition della National Public Radio e sul documentario Ingegneria estrema di Discovery Channel, il progetto non ha visto sviluppi rilevanti. Nonostante si fosse stabilito come anno di varo il 2001, all'inizio del 2011 la costruzione della Freedom Ship non è ancora iniziata. [senza fonte]

La Freedom Ship International aveva stimato nel 1999 un costo di costruzione netto di 6 000 000 000 . Tuttavia, nel 2002 la stima crebbe a 11 000 000 000 . [3] L'ultimo aggiornamento sul sito della società, nel luglio del 2008, fu un comunicato stampa che spiegava le difficoltà di ottenere un sostegno finanziario affidabile e da allora non furono mai rilasciati gli eventuali nomi degli sponsor. [senza fonte]

Progetti simili[modifica | modifica wikitesto]

Con numerosi altri progetti simili, come il ResidenSea, si è tentato di "colonizzare il mare" allo stesso modo, mantenendo però sempre lo stile di nave convenzionale. In fatto di flessibilità economica e "libertà" che queste opere danno, viene da pensare che esse siano la realizzazione del concetto di Città Mobile all'avanguardia del 1964 (retro-futurismo) di Ron Herron, del gruppo Archigram.

Il Seasteading è un progetto simile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robert Trigaux, "Water World", sfgate.com, from St. Petersburg Times, Jul. 5, 1999.
  2. ^ a b Floating Cities at How Stuff Works; discussione sulle città flottanti con la Freedom Ship come esempio
  3. ^ a b Floating City, NPR Weekend Edition, 13 aprile 2002.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marina