Fratelli di San Francesco Saverio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Fratelli di San Francesco Saverio (in latino Congregatio Fratrum a S. Francisco Xaverio, in inglese Xaverian Brothers) sono un istituto religioso maschile di diritto pontificio: i membri di questa congregazione laicale, detti comunemente Fratelli Saveriani, pospongono al loro nome la sigla C.F.X.[1]

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

La congregazione venne fondata a Bruges, in Belgio, il 5 giugno 1839 da Theodor Rijken (1797-1871) per istruire ed educare la gioventù,[2] specialmente in terra di missione: il vescovo di Bruges François-René Boussen approvò il primo regolamento della fraternità il 4 settembre 1841 e il 22 ottobre 1846 i primi postulanti emisero la loro professione dei voti religiosi.[3]

Dal Belgio, i religiosi si diffusero prima in Inghilterra (1848) e poi soprattutto negli Stati Uniti d'America e nel Congo belga.[2]

L'istituto ottenne il pontificio decreto di lode il 10 dicembre 1927: le sue costituzioni vennero approvate dalla Santa Sede il 12 gennaio 1931 e, definitivamente, il 7 novembre 1939.[3]

Attività e diffusione[modifica | modifica sorgente]

I Fratelli Saveriani si dedicano all'istruzione e all'educazione cristiana della gioventù.[1]

Sono presenti in Belgio, Bolivia, Congo, Haiti, Kenya, Lituania, Regno Unito e Stati Uniti:[4] la sede generalizia è a Baltimora.[1]

Al 31 dicembre 2005, la congregazione contava 82 case e 227 religiosi.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Ann. Pont. 2007, p. 1504.
  2. ^ a b Enciclopedia Rizzoli Larousse, vol. XIII (1970), ad nomen, voce saveriani.
  3. ^ a b DIP, vol. IV (1977), coll. 702-704, voce a cura di J. Devadden.
  4. ^ Xaverian Brothers: Ministries. URL consultato l'11-7-2009.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo