Fratelli d'Italia (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fratelli d'Italia
Autore Alberto Arbasino
1ª ed. originale 1963
Genere romanzo
Lingua originale italiano

Fratelli d'Italia è un romanzo di Alberto Arbasino.

Scritto inizialmente nel 1963 ma rifatto nel 1967 e poi ancora nel 1991, il romanzo è la summa dello stile di Arbasino: narra le vicende estive di due giovani omosessuali (Antonio e l'Elefante) che girano l'Italia e l'Europa. La vicenda è solo l'occasione per raccontare l'ambiente culturale italiano in un imprecisato momento degli anni sessanta.

Differenze tra le edizioni[modifica | modifica sorgente]

Nella prima edizione di Fratelli d'Italia l'amico del narratore si chiama Antonio. Nella seconda versione ampliata (Einaudi, 1976) il nome diventa Andrea. Ritorna Antonio nella terza monumentale versione, pubblicata da Adelphi nel 1993.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

  • Alberto Arbasino, Fratelli d'Italia, Feltrinelli, Milano, 1963, pp. 532.
  • Alberto Arbasino, Fratelli d'Italia, Einaudi, Torino, 1976, pp. 663. ISBN 88-06-25106-6
  • Alberto Arbasino, Fratelli d'Italia, Adelphi, Milano, 1993, pp. 1130. ISBN 88-06-25106-6

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura