Franz Cumont

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Franz Valéry Marie Cumont (Aalst, 3 gennaio 1868Bruxelles, 25 agosto 1947) è stato uno storico e archeologo belga.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Si laureò in filosofia e lettere nel 1887. Nel 1892 divenne professore di filologia classica a Gand, nel 1899 conservatore del Museo reale di Bruxelles. Studioso in particolare del siriaco, del sanscrito e dell'ebraico, diresse importanti scavi nell'Asia anteriore. Nel corso dei suoi studi, si dedicò soprattutto alle religioni nel mondo romano, ponendo all'attenzione le correlazioni tra il culto mitriaco mediterraneo e il mazdeismo orientale.[1]. Nel 1936 fu insignito del Prix Francqui per le scienze umanistiche, il più prestigioso premio belga.

Tra le sue pubblicazioni spiccano:

  • Le religioni orientali nel paganesimo romano (1929)
  • Testi e monumenti figurati relativi ai misteri di Mitra (1894-1901)
  • Astrologia e religione tra i Greci e i Romani (1912)
  • L'al di là nel paganesimo romano (1922)
  • Lux perpetua (postuma del 1948)

Bibliotheca Cumontiana[modifica | modifica sorgente]

  • F. Cumont, Lux perpetua, B. Rochette, A. Motte (eds.), Turnhout, Brepols Publishers, 2010, ISBN 978-88-8419-423-7
  • F. Cumont, Les religions orientales dans le paganisme romain, C. Bonnet, F. Van Haeperen (eds.), Turnhout, Brepols Publishers, 2010, ISBN 978-88-8419-289-9
  • F. Cumont, Lo Zodiaco, Adelphi, 2012, ISBN 978-88-459-2667-9

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Franz Cumont, L'Egitto degli astrologi - Prefazione di Giuseppe Brezza, Mimesis Edizioni, p. 7. URL consultato l'11 agosto 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 71408810 LCCN: n50018732

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie