Franz Bücheler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Franz Bücheler

Franz Bücheler (Rheinberg, 3 giugno 1837Bonn, 3 maggio 1908) è stato un filologo tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Compì gli studi a Bonn dove si laureò in quella università.

Divenuto professore insegnò all'Università di Friburgo (1858), all'Università di Greifswald (1866) e all'Università di Bonn dal 1870. Nel 1878 divenne editore aggiunto al Rheinisches Museum für Philologie. Sia come insegnante che come oratore ebbe grande successo.

Opere (selezione)[modifica | modifica wikitesto]

  • Frontini de aquis urbis Romae (Lipsia, 1858)
  • Pervigilium Veneris (Lipsia, 1859)
  • Petronii satirarum reliquiae (Berlino, 1862; 3rd ed., 1882)
  • Hymnus Cereris Homericus (Lipsia, 1869)
  • Q. Ciceronis reliquiae (1869)
  • Herondae mimiambi (Bonn, 1892).

Scrisse anche Grundriss der lateinischen Deklination (1866), Des Recht von Gortyn (Francoforte sul Meno, 1885, con Ernst Zitelmann) e eseguì la supervisione dell'edizione del (1893) di Persii, Juvenalis, Sulpiciae saturae di Otto Jahn.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 167424 LCCN: n85297363