Frankenstein '80

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Frankenstein '80
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1972
Durata 85 min
Colore
Audio sonoro
Genere orrore, fantascienza
Regia Mario Mancini
Soggetto Mary Shelley (romanzo, non accreditata)
Sceneggiatura Ferdinando De Leone, Mario Mancini
Produttore Benedetto Graziani
Casa di produzione MGD Film
Distribuzione (Italia) Les Films 2R Roma
Fotografia Emilio Varriano
Montaggio Enzo Micarelli
Effetti speciali Carlo Rambaldi
Musiche Daniele Patucchi
Interpreti e personaggi

Frankenstein '80 (scritto anche Frankenstein 80) è un film horror fantascientifico del 1972 scritto e diretto da Mario Mancini.

È un ennesimo libero riadattamento del romanzo Frankenstein di Mary Shelley,[1] con un'ambientazione contemporanea.

Il titolo è un richiamo al più celebre film statunitense Frankenstein 70 del 1958 (benché il film italiano non ne costituisca un seguito).

Trama[modifica | modifica sorgente]

Di giorno, il dottor Otto Frankenstein lavora innocentemente nel suo laboratorio, mentre di notte lavora per perfezionare Mosaico, una creatura mostruosa assemblata con pezzi di cadaveri, proseguendo gli studi del suo celebre avo.

Per prevenire le crisi da rigetto, il dott. Frankenstein ruba al professor Schwarz un siero antilinfocitario inventato da quest'ultimo, sottraendolo a una donna che è convalescente da un delicato intervento al cuore. L'ispettore Schneider della polizia indaga e il giornalista Karl Schein, fratello della donna, inizia a sua volta a investigare, indirizzando i suoi sospetti sul dottor Frankenstein, ma senza riuscire a trovare prove a suo carico.

Il colosso fugge dal laboratorio, animato da una furia omicida. Mosaico giunge al vicino villaggio spargendo il terrore al suo passaggio e rapisce la giovane nipote dello scienziato, il quale rimane ucciso mentre tenta di fermarlo. L'ispettore e il giornalista si adoperano per bloccare la furia di Mosaico, che sta per uccidere anche la giovane donna, quando gli effetti del farmaco si esauriscono, causando la fine del mostro.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film fu una produzione italiana a basso costo. I trucchi del mostro sono firmati da Carlo Rambaldi.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film fu distribuito in Italia per la prima volta il 12 dicembre 1972.

La pellicola è entrata nel pubblico dominio negli Stati Uniti.

È conosciuto anche con i titoli Mosaic e Mosaico.[1]

Critica[modifica | modifica sorgente]

Fantafilm scrive che è una "Mediocre rielaborazione del racconto di Mary Shelley al quale l'ex operatore Mario Mancini (Eva, la Venere selvaggia), qui in veste di regista e co-sceneggiatore, si sforza di attribuire una patina di credibilità scientifica" e che "Gli attori [...] appaiono sottotono e neppure l'apparizione dell'esordiente Dalila Di Lazzaro [...], né il make-up di Carlo Rambaldi, servono a salvare il film dall'oblio."[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Frankenstein 80 in Fantafilm. URL consultato il 31 gennaio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]