Frank O'Hara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Frank O'Hara (Baltimora, 27 marzo 1926Fire Island, 25 luglio 1966) è stato un poeta, scrittore e critico d'arte statunitense, membro della scuola di New York.

Nacque a Baltimora, nel Maryland, ma crebbe a Grafton, nel Massachussets.

Nel 1944 si è arruolato in marina, e dopo aver servito e combattuto per due anni nel Pacifico, è tornato a Boston, dove ha frequentato l'università di Harvard, laureandosi in musica nel 1950. Nel 1951 si è trasferito a New York, e ben presto diviene uno dei protagonisti della scuola di New York. Nello stesso periodo inizia la sua collaborazione con il museo d'arte moderna, di cui diverrà poi curatore della sezione pittura e scultura. Diventa amico di molte figure di primo piano del panorama artistico newyorchese, tra cui Willem DeKooning, Larry Rivers e Joan Mitchell. O'Hara fu anche un ottimo pianista.

Il 24 luglio del 1966 fu investito da una dune buggy a Fire Island, e morì il giorno successivo, all'età di 40 anni. Sulla sua tomba sono incisi alcuni versi della sua poesia" In memory of my feelings", i quali recitano: "La fortuna di nascere e vivere quanto più diversamente si possa".

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Nella serie televisiva statunitense Mad Men sono presenti molteplici riferimenti alle poesie di Frank O'Hara. In particolare, in coda al primo episodio della seconda stagione, il protagonista Don Draper recita la poesia Mayakovsky, tratta dalla raccolta Meditations in an Emergency.[1]

Bibliografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) http://www.youtube.com/watch?v=9XKN0iZG_4s. URL consultato il 21 febbraio 2014.

Controllo di autorità VIAF: 51698966 LCCN: n79042130

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie