Franco Sacchetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Franco Sacchetti

Franco Sacchetti (Ragusa di Dalmazia, 1332San Miniato, 1400) è stato un poeta e scrittore italiano.

Visse principalmente nella Firenze del XIV secolo. È oggi ricordato soprattutto per la sua raccolta Il Trecentonovelle.

Nota biografica[modifica | modifica wikitesto]

Franco Sacchetti nacque a Ragusa di Dalmazia fra il 1332 e il 1334. Figlio di un mercante fiorentino, esercitò fin da giovane la mercatura costituendo una società insieme ad Antonio Sacchetti e Antonio Corradi durata fino al 1354.

Sacchetti era un uomo pratico, formatosi, più che a scuola, a contatto con ambienti diversi. Visse in un periodo in cui la grande fioritura letteraria in volgare stava per finire per l'assenza di grandi capolavori. Tutto il secolo che va dalla morte del Boccaccio (1375) alle Stanze di Poliziano (1475) venne definito parafrasando la formula del Croce “secolo senza poesia”.

I limiti della sua educazione culturale gli impedirono di vedere che quella crisi era dovuta al sorgere dell'Umanesimo e della società ad esso legata. Tutta la sua produzione poetica tende a ripercorrere modelli letterari precedenti. Negli anni fra il ’52 e il ’54 compose la sua prima opera letteraria, La battaglia delle donne di Firenze con le vecchie, poemetto in ottave che rielabora in quattro cantari motivi boccacceschi. E proprio nel ’54 sposò Felice Strozzi, dalla quale ebbe numerosi figli.

Cominciò a comporre nel ’63 cacce, madrigali e ballate che poi raccolse nel suo Il Libro delle rime, aggiungendovi quei componimenti di ispirazione morale o civile che scrisse nell’età matura e nella vecchiaia. L’opera è ordinata secondo una successione rigidamente cronologica: sono trattate in maniera convenzionale la tematica moralistica, quella amorosa, la produzione per musica, mentre significative sono alcune sperimentazioni comiche che a volte anticipano felicemente il nonsense burchiellesco.

Rimasto a Firenze nel 1363, dopo aver viaggiato in Italia e all’estero per le sue attività commerciali, ebbe incarichi politici da parte del Comune fiorentino e di altre comunità fuori di Firenze: fu anche ambasciatore a Bologna (1376), presso Bernabò Visconti (1382), membro degli Otto di Balìa(1383), priore (1384), podestà di Bibbiena (1385), di Faenza (1396), di Portico di Romagna (1398-99) e di San Miniato (dove probabilmente scrisse la sua opera più celebre e morì nel 1400 forse di peste). Con i 49 capitoli delle Esposizioni dei Vangeli (Sposizioni dei Vangeli, 1378-1381), scritto in un periodo di lutti familiari e di gravi incertezze politiche (la morte della moglie nel ’77 e il tumulto dei Ciompi nel ’78), il Sacchetti si aprì alla prosa, a una nuova forma espressiva che raggiunse gli esiti più alti con il Trecentonovelle . L'opera, che viene conservata nel manoscritto del codice Magliabechiano VI, 112 (fino alla novella CXXXIX) nella Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze e nel codice Laurenziano XLII, 12 (dalla novella CXL in poi), piuttosto danneggiata, venne data alle stampe da A. M. Biscioni a cura di G. Bottari nel 1724 . La raccolta, che quasi certamente fu progettata dal Sacchetti durante il suo incarico di priore nel 1385 a Bibbiena, è stata scritta agli inizi del 1392 durante il podestariato di San Miniato per essere sviluppata in diversi momenti tra il 1393 e la sua morte. Essa contiene, così come è stata serbata, duecentoventotto novelle, alcune delle quali incomplete.

L’opera esordisce con un proemio nel quale l'autore dichiara i suoi intenti: secondo il modello del Boccaccio, il Sacchetti raccoglie tutte le novelle dalle antiche alle moderne, oltre ad alcune in cui egli stesso fu protagonista. Il testo, che è costruito sul tipo dell'exemplum, si rifà al Decameron ma anche alla tradizione orale del popolo, ed è scritto in una lingua che risente di dialettismi, parole del gergo, modi della lingua parlata e con notevoli libertà di carattere sintattico. Si ricava pertanto dall'opera la predisposizione all'autobiografia e un marcato senso moralistico, che viene spiegato dall'autore stesso quando dichiara di voler prendere a modello Dante “che quando avea a trattare di virtù e lode altrui, parlava egli, e quando avea a dire è vizi e biasimare altrui, lo facea dire agli spiriti” . Vi è da dire, che per quanto il Sacchetti riprenda più o meno apertamente i motivi boccacceschi, il suo stile si stacca notevolmente dall'arte del narrare tipico di quest'ultimo, fino a dar vita ad un’opera per molti versi completamente differente dal Decameron. Le novelle infatti non sono incluse in una “cornice narrativa”, ma si dipanano liberamente senza seguire alcun progetto unitario di contenuto. Sacchetti si rifà piuttosto alla tradizione dugentesca della raccolta disorganica di tipo arcaico, mostrando uno spiccato gusto per la narrazione aneddotica, comica e realistica. (si ricordi almeno la Novella del Grasso legnaiuolo). Le novelle, quasi tutte di ambientazione fiorentina, trattano del potere del signore o del comune, del tema della burla, e raccontano le avventure di giullari di professione o di burlatori d'occasione. Proprio in questo contesto assume particolare rilievo il genere comico della beffa, che rimarrà vitale nella cultura popolare fiorentina anche per tutto il secolo successivo. Alcune novelle sono dedicate ad illustri personaggi dell'epoca, come Bernabò Visconti, Guglielmo di Castelbarco, Martino della Scala, Ludovico Gonzaga e un intero ciclo al giullare Dolcibene. Quasi tutte le novelle riportano in conclusione la cosiddetta moralisatio, dove l'autore rimprovera l'avarizia e l'ipocrisia, condanna il clero, i magistrati corrotti e le donne tronfie per mettere in risalto l'onestà, l'intelligenza e l'umorismo. L’autore nei confronti delle donne nutre una vera e propria diffidenza (le presenta sempre in cattiva luce: la donna per il Sacchetti vale solo se ha utili funzioni economiche e familiari).

La grande innovazione del Sacchetti consiste nel proporsi come narratore delle proprie novelle, assottigliando la distanza fino allora esistente tra narratore e destinatario. Egli pertanto conduce il racconto in un contesto più ristretto di vita municipale, narrando le storie di personaggi e casi curiosi, di piccole vicende di vita quotidiana, del minuto mondo cittadino. Cosicché, assente qualsiasi disegno complessivo d'insieme, ogni novella ha il sapore del fatto accaduto ed è l'occasione per dedurre dalla realtà non solo un insegnamento morale, ma anche particolari peculiari sulla vita sociale dei personaggi[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  1. La battaglia delle belle donne di Firenze con le vecchie (ante 1354) in rima
  2. il Libro delle rime in cui sono raccolte in ordine cronologico liriche di argomento amoroso
  3. Sposizioni dei Vangeli (1378-1381), in 49 capitoli, meditazioni in prosa su brani del Vangelo
  4. Il Trecentonovelle raccolta inizialmente integra di cui ci sono giunte solo 223 novelle

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'alimentazione nel Medioevo

Bibliografia minima sulle opere di Franco Sacchetti[modifica | modifica wikitesto]

  1. R. Fornaciari, F. Sacchetti, Ritratto letterario, in “Nuova Antologia”, XV, 1º ottobre 1970, p. 286-311.
  2. F. Sacchetti, Il Trecentonovelle, a cura di E. Faccioli, Einaudi, Torino 1970, cit., p. XXII e p. XXVIIII.
  3. G. Ferroni, Profilo storico della letteratura italiana, Einaudi Scuola, Milano 1992, cit., p. 197.
  4. R. Scrivano, Aspetti della narrativa sacchettiana, in “Rassegna della letteratura italiana”, LXIV, n. 3, settembre-dicembre 1960, p. 432-445.
  5. Per un approfondimento sullo stile del Trecentonovelle si veda C. Segre, Tendenze stilistiche nella sintassi del Trecentonovelle in “Archivio glottologico italiano”, XXXVI, p. 1-42.
  6. G. Scaramella, Personaggi sacchettiani, in “Rassegna bibliografica della letteratura italiana”, XXI, 1913, p. 324-328.
  7. A. Borlenghi, La questione delle morali nel Trecentonovelle, in “Studi Urbinati”, XXVII, 1953, n. 2, p. 73-111.
  8. Per un approfondimento sui risvolti sociali del Trecentonovelle si veda R. Giangregorio, Il Trecentonovelle di F. Sacchetti come fonte per la storia dell'alimentazione nel basso Medioevo, 2009, p. 272.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 88851993 LCCN: n85350164