Franco Manfroi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Franco Manfroi
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 177 cm
Peso 70 kg
Sci di fondo Cross country skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Squadra Fiamme Oro
Ritirato 1969
Palmarès
Mondiali 0 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Franco Manfroi (Canale d'Agordo, 11 giugno 1939Belluno, 12 ottobre 2005) è stato un fondista e un allenatore di sci nordico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera sciistica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi fatto notare ai Campionati italiani juniores di sci nordico 1958, vincendo la staffetta e chiudendo al 5º posto la gara individuale, l'anno dopo entrò in nazionale[1].

In carriera ha partecipato a due edizioni dei Giochi olimpici invernali, Innsbruck 1964 (19° nella 50 km) e Grenoble 1968 (32° nella 15 km, 25° nella 30 km), e a tre dei Campionati mondiali, vincendo la medaglia di bronzo a Oslo 1966 insieme a Giulio De Florian, Gianfranco Stella e Franco Nones.

Ai Campionati italiani ha vinto due titoli, entrambi in staffetta; nella gara a squadre fu ininterrottamente sul podio nei Campionati italiani di sci nordico dal 1961 al 1969, mentre in quelle individuali non riuscì mai a conquistare un oro, pur vincendo varie altre medaglie nella 15 km, nella 30 km e nella 50 km[1].

Carriera da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Agli XI Giochi olimpici invernali di Sapporo 1972 fu aiuto-allenatore della nazionale italiana e negli anni successivi, fu a lungo maestro di sci sulla Marmolada[1].

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

L'8 ottobre 2000 prese parte a una puntata del programma televisivo Ciao Darwin 3, nella sfida Bagnini contro maestri di sci[senza fonte].

Morì il 12 ottobre 2005, all'età di 66 anni, all'Ospedale civile di Belluno, a causa di una grave forma di leucemia[2].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

  • 1 medaglia:

Campionati italiani[modifica | modifica wikitesto]

Campionati italiani juniores[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2009 sono state dedicate a Manfroi la pista invernale di sci fondo in Val di Gares e una gara di sci fondo, il "Trofeo Franco Manfroi"[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Scheda Fondoitalia.it. URL consultato il 18 ottobre 2011.
  2. ^ Dario Fontanive, Due scie nel vento. Franco Manfroi, una vita per lo sci, pag. 9.
  3. ^ Dario Fontanive, Manifestazione Coppa Italia sci di fondo - Omaggio al fondista Franco Manfroi in Myportal.regione.veneto.it, 15 marzo 2009. URL consultato il 13 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Fontanive, Due scie nel vento. Franco Manfroi, una vita per lo sci, Rocca Pietore, Grafisma, 2007.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]