Francisco Costa Gomes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francisco da Costa Gomes (Chaves, 30 giugno 1914Lisbona, 31 luglio 2001) è stato un militare e politico portoghese, sedicesimo Presidente della Repubblica.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio del capitano dell'esercito António José Gomes, che lo lasciò orfano all'età di 7 anni, e di Idalina Júlia Moreira da Costa, frequentò il Colégio Militar dal 1925 al 1931, anno in cui si arruolò in Cavalleria. Assegnato al 9º Reggimento della stessa, venne nominato sottotenente nel 1935 e prestò inizialmente servizio nella Guardia Nazionale Repubblicana. Nel frattempo si laureò in matematica presso l'università di Oporto (1944).

Al termine della seconda guerra mondiale, venne assegnato al compito di sottocapo e poi di capo di stato maggiore della provincia di Macao (1949-1951). Nel 1952 sposò Estela da Costa Gomes, dalla quale ebbe un figlio.

Qualche anno più tardi (1958) fu chiamato dal generale Botelho Moniz, allora ministro della difesa, a ricoprire l'incarico di sottosegretario all'esercito; da tale carica venne però sollevato nel 1961, in quanto coinvolto nel tentativo di colpo di stato militare guidato dallo stesso Moniz. Venne trasferito alla caserma di Beja.

Dopo alcuni anni in cui fu destinato all'insegnamento presso l'Istituto di alti studi militari, tornò ai ruoli operativi nel 1965 con la nomina a comandante in 2° della regione militare del Mozambico, incarico che lasciò dopo quattro anni. Nel 1970 venne nominato Comandante della regione militare dell'Angola; in quella sede ristrutturò il comando in capo e fu il primo a ricercare e concludere un'alleanza militare con il movimento independentista UNITA contro i più radicali MPLA e FNLA.

Il 12 settembre 1972 fu richiamato in patria per rivestire la carica di Capo di stato maggiore delle forze armate, in sostituzione del generale Venâncio Deslandes. Venne esonerato dall'incarico nel marzo di due anni dopo, pochi giorni prima del colpo di stato (Rivoluzione dei garofani del 25 aprile 1974), ufficialmente per aver rifiutato di prestare giuramento di fedeltà al governo presieduto da Marcello Caetano nel corso di una cerimonia pubblica.

Subito dopo la Rivoluzione che pose fine al regime dello Estado Novo, fu uno dei sette componenti della Giunta di salvezza nazionale che prese il controllo del Paese. Dal 25 aprile al 30 settembre dello stesso anno fu la seconda autorità dello stato portoghese, subordinato al solo António de Spínola, come Capo di stato maggiore generale delle forze armate con funzioni di primo ministro. Divenne Presidente della Repubblica il 30 settembre 1974, su nomina della stessa Giunta, in seguito alle dimissioni di Spínola. Tenne la carica fino al 27 giugno 1976, data in cui venne nominato suo successore il generale Ramalho Eanes, in seguito alla prima elezione presidenziale portoghese, rifiutando la proposta del Partito Comunista Portoghese di candidarsi per quelle elezioni.

Successivamente aderì al Consiglio mondiale della pace, del quale fu vicepresidente e presidente del comitato portoghese.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze portoghesi[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine del Cristo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Cristo
Gran Maestro dell'Ordine della Torre e della Spada - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Torre e della Spada
Gran Maestro dell'Ordine di San Giacomo della Spada - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di San Giacomo della Spada
Gran Maestro dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis
Gran Maestro dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique
Gran Maestro dell'Ordine dell'Istruzione Pubblica - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dell'Istruzione Pubblica
Gran Maestro dell'Ordine dell'Impero - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dell'Impero

Personalmente è stato insignito dei titoli di:

Ufficiale dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis
— 16 settembre 1950
Commendatore dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis
— 28 dicembre 1953
Grand'Ufficiale dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis
— 20 agosto 1971
Commendatore dell'Ordine della Torre e della Spada - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Torre e della Spada
— 2 novembre 1972

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Grand'Ufficiale dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile)
— 21 novembre 1972
Ordine della Stella di Romania di I Classe (Romania) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Stella di Romania di I Classe (Romania)
— 15 aprile 1976
Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica di Polonia (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica di Polonia (Polonia)
— 7 maggio 1976
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
— 20 maggio 1976
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone (Senegal) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone (Senegal)
— 6 luglio 1976

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Presidente del Portogallo Successore Flag of the President of Portugal.svg
António de Spínola 1974 - 1976 António Ramalho Eanes

Controllo di autorità VIAF: 87391470 LCCN: n78050076

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie