Francisco Bayeu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Francisco Bayeu (1795), di Goya, Museo del Prado, Madrid.

Francisco Bayeu y Subías (Saragozza, 9 marzo 1734Madrid, 4 agosto 1795) è stato un pittore spagnolo, membro di una famosa famiglia di artisti che comprendeva anche i suoi fratelli Ramón e Manuel.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu allievo di José Luzán e Antonio González Velázquez e si laureò presso la Real Academia de Bellas Artes de San Fernando nel 1758. Iniziò svolgendo lavori su committenza delle chiese e dei conventi della sua città natale.

Nel 1763 Anton Raphael Mengs lo chiamò a Madrid per farlo collaborare alla decorazione del Palazzo Reale. Grazie alla protezione di Mengs, divenne uno degli artisti più influenti della capitale e, nel 1767, fu nominato pittore della corte di re Carlo III di Spagna.

Assieme al fratello Ramón e sotto la direzione di Mengs, realizzò cartoni per arazzi per la Fabbrica Reale di Tapices.

Fu uno dei primi protettori del giovane Goya, introducendolo a corte: Goya divenne suo cognato sposando la sorella di Francisco, Josefa Bayeu, nel 1773.

Dipinse scene allegoriche per i palazzi reali di Madrid, il Palazzo reale di Aranjuez, il Palazzo Reale di El Pardo, La Granja de San Ildefonso, e per varie chiese: la Collegiata di San Ildefonso, il Monastero reale dell'Incarnazione (Madrid), la Basilica del Pilar (Saragozza), il chiostro della cattedrale di Toledo.

Nel 1788 fu nominato direttore dell'Academia de Bellas Artes. Negli ultimi anni si dedicò in modo particolare ai ritratti.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

San Tommaso d'Aquino trionfa sugli eretici (c. 1760), Museo di Saragozza
El Olimpo: batalla con los gigantes, 1764

La maggior parte dei suoi soggetti fu di carattere religioso o storico. Influenzato inizialmente dall'arte barocca italiana, in seguito Bayeu, sotto l'influsso di Mengs, si orientò decisamente verso i dettami neoclassici.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 54958157 LCCN: n80098733