Francis Patrick Moran

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francis Patrick Moran
cardinale di Santa Romana Chiesa
Patrick Cardinal Moran.jpg
Coat of arms of Patrick Francis Moran.svg
Omnia omnibus
Nato 16 dicembre 1830, Leighlinbridge
Creato cardinale 27 luglio 1885 da papa Leone XIII
Deceduto 17 agosto 1911

Francis Patrick Moran (Leighlinbridge, 16 dicembre 1830Sydney, 17 agosto 1911) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico irlandese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 dicembre fu elevato al rango di vescovo, ricevendo il titolo di vescovo titolare di Olba e contemporaneamente divenne vescovo ausiliare di Ossory. L'anno successivo, l'11 agosto, dopo la morte del vescovo Edward Walsh, divenne vescovo di Ossory.

Fu arcivescovo di Sydney dal 1884 al 1911. Sotto la sua direzione tra il 14 e il 29 novembre 1885 si svolse il primo concilo plenario d'Australia nella cattedrale di Sydney.

Papa Leone XIII lo creò cardinale nel concistoro del 27 luglio 1885 ed il 30 luglio successivo ricevette la beretta con il titolo di Santa Susanna. Tuttavia non ebbe modo di partecipare al Conclave del 1903, per l'eccessiva distanza dell'Australia da Roma.

Nel 1904 papa Pio X ricordò al cardinal Moran che a distanza di ormai dieci anni da secondo concilio plenario d'Australia era tempo di convocarne un terzo. il concilio fu convocato dal 2 al 10 settembre 1905 nella cattedrale di Sydney. Oltre a Moran vi presero parte quattro arcivescovi, 14 vescovi, l'abate nullius di New Norcia, i procuratori di due vescovi, l'amministratore apostolico di Rockhampton, teologi ed altre personalità. Nella sua lettera, Pio X aveva anche anticipato approssimativamente l'ordine del giorno del concilio, cioè la diffusione del Vangelo ogni giorno di più in quella lontana e nobilissima regione e la raccolta di frutti più abbondanti nella fede cristiana e nei costumi. I 371 decreti ratificati dal concilio si riferiscono agli stessi temi dei concili plenari precedenti: la fede, il clero, i sacramenti, educazione della gioventù, il foro ecclesiastico. Dopo avervi apportato alcune modifiche, Roma approvò i decreti conciliari il 24 settembre 1906 [1].

Morì il 17 agosto 1911 all'età di 80 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Storia del Cristianesimo 1878-2005 - Vol . 8 - Le missioni cattoliche, Periodici San Paolo, Milano, 2005, pag. 207

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN69303407 · LCCN: (ENno93029014 · ISNI: (EN0000 0001 1827 602X · GND: (DE172278066 · NLA: (EN35144321