Francis Leveson-Gower, I conte di Ellesmere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francis Leveson-Gower, I conte di Ellesmere
Ritratto del conte di Ellesmere di Edwin Long.
Ritratto del conte di Ellesmere di Edwin Long.
Conte di Ellesmere
In carica 1846 –
1857
Successore George Egerton, II conte di Ellesmere
Nascita 1º gennaio 1800
Morte 15 febbraio 1857
Dinastia Leveson-Gower
Padre George Leveson-Gower, I duca di Sutherland
Madre Lady Elizabeth Sutherland, XIX contessa di Sutherland
Consorte Lady Harriet Greville

Francis Leveson-Gower, I conte di Ellesmere (1 gennaio 180018 febbraio 1857), è stato un politico e viaggiatore inglese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era l'ultimogenito di George Leveson-Gower, I duca di Sutherland, e di sua moglie, Lady Elizabeth Sutherland, XIX contessa di Sutherland. Studiò a Eton e a Christ Church di Oxford.

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Entrò in Parlamento nel 1822, come membro del pocket boroughs di Bletchingley, nel Surrey, carica che ricoprì fino al 1826. Poi fu un esponente per il Sutherland tra il 1826 e il 1831, e per la South Lancashire tra il 1835 e il 1846.

In politica era un moderato conservatore di opinioni indipendenti, come è stato dimostrato dal suo sostegno alla proposta relativa all'istituzione dell'Università di Londra. Venne nominato Lord del Tesoro nel 1827, ricoprì la carica di primo segretario per l'Irlanda dal 1828 fino al luglio 1830, quando è diventato segretario in guerra per un breve periodo.

Nel 1833 ha assunto, grazie a una licenza reale, il cognome Egerton, succedendo alla morte di Francis Egerton, III duca di Bridgewater. Nel 1846 venne nominato conte di Ellesmere e visconte Brackley.

Scritti, viaggi e mecenatismo[modifica | modifica sorgente]

A vent'anni stampò un volume di poesie che fu seguito, dopo un breve intervallo, dalla pubblicazione della traduzione di Faust di Goethe, uno dei primi che è apparso in Inghilterra, con alcune traduzioni di testi in tedesco e alcune poesie originali. Nel 1839 visitò il Mediterraneo e la Terra Santa. Le sue impressioni del viaggio sono stati registrati in Mediterranean Sketches (1843), e nelle note di una poesia intitolata The Pilgrimage. Ha pubblicato numerose altre opere in prosa e in versi. La sua fama letteraria gli ha assicurato la posizione di rettore dell'Università di Aberdeen nel 1841.

Era presidente della Royal Geographical Society e presidente della Royal Asiatic Society (1849-1852), ed era un amministratore della National Gallery. Egli ha anche avviato la raccolta della National Portrait Gallery, con la donazione del ritratto Chandos di Shakespeare.

L'Isola di Ellesmere, in Canada, fu così chiamata in suo onore.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Sposò, il 18 giugno 1822, Harriet Greville. Ebbero sette figli:

  • George Egerton, II conte di Ellesmere (15 giugno 1823 - 19 settembre 1862);
  • Lord Francis Egerton (15 settembre 1824 - 15 dicembre 1895), sposò Lady Louisa Caroline Devonshire, ebbero figli;
  • Lord Algernon Fulke Egerton (31 dicembre 1825 - 14 luglio 1891), sposò Alice Louisa Cavendish, ebbero figli;
  • Lord Arthur Frederick Egerton (6 febbraio 1829 - 25 febbraio 1866), sposò Helen Smith, ebbero figli;
  • Lady Alice Harriot Frederica Egerton (10 ottobre 1830 - 22 dicembre 1928), sposò George Byng, III conte di Strafford, non ebbero figli;
  • Lady Blanche Egerton (22 febbraio 1832 - 20 marzo 1894), sposò John Montagu, VII conte di Sandwich, non ebbero figli;
  • Lord Granville Egerton (1834-1851).

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera

Controllo di autorità VIAF: 47143145 LCCN: n82157840