Francese belga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Francese belga/Francese del Belgio (Français de Belgique)
Parlato in Belgio Belgio
Francia Francia settentrionale
Persone circa 4 milioni
Classifica vedi lingua francese
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Lingue romanze
  Lingue galloromanze
   Lingua d'oïl
    Francese
     Francese belga
Statuto ufficiale
Nazioni Belgio Belgio (come francese)
BelgieGemeenschappenkaart.png
Il francese belga si parla soprattutto nella Comunità francofona del Belgio (in rosso).

Il francese belga o francese del Belgio (in francese: français de Belgique) è la varietà del francese parlato dai francofoni del Belgio. Il francese del Belgio e quello della Francia sono quasi identici, e pertanto mutuamente intelligibili, anche se esistono notevoli differenze lessicali e fonologiche.

Influenze[modifica | modifica wikitesto]

Fino agli inizi del XX secolo, gli abitanti della Vallonia, la regione francofona del Belgio, parlavano il vallone. Molti parlanti erano bilingui in francese e vallone, e per quello quest'ultima lingua ebbe grande influenza nello sviluppo del francese belga. Anche l'olandese (o fiammingo) e, in minor misura, il tedesco, hanno arricchito il francese del Belgio di parole e locuzioni, specialmente a Bruxelles.

Inoltre, il fatto che il Belgio sia stato politicamente separato dalla Francia durante vari secoli (tranne che per un breve periodo di tempo, sotto il dominio napoleonico) ha contribuito alla divergenza tra le due varietà di francese, che si evidenzia in particolare in settori come gli alimenti e la pubblica amministrazione.

Differenze di pronuncia[modifica | modifica wikitesto]

Esistono poche differenze fonologiche notevoli tra il francese della Francia e quello del Belgio, e inoltre non sono solitamente più cospicue di quelle che esistono tra i dialetti regionali di Francia. Le principali sono:

  • Mancanza della /ɥ/ approssimante: la combinazione /ɥi/ si vede sostituita da /wi/, e in altre situazioni /ɥ/ diventa una vocale piena /y/. Per quello, per la maggior parte dei Belgi, le parole enfuir ("fuggire") e enfouir ("seppellire") sono omonime, che non esiste in italiano quasi di una u molto chiusa e palatale
  • Si mantiene la distinzione tra le vocali nasali /ɛ̃/ e /œ̃/, mentre in molte regioni della Francia questi due suoni non si distinguono. In questo modo, anche se per molti Francesi brin ("briciola") e brun ("bruno") sono omofone, per i Belgi no.
  • Esiste una distinzione più chiara tra le vocali brevi e lunghe.
  • La lettera "w" si pronuncia quasi sempre /w/, come in fiammingo, mentre in Francia si suole pronunciare /v/, come in tedesco. Per esempio, la parola wagon ("vagone") si pronuncia /vagɔ̃/ in francese standard, mentre in francese belga è /wagɔ̃/.
  • Alcuni parlanti hanno la tendenza a non pronunciare le ultime sillabe o a farlo con un suono sordo, ossia, "d" diventa "t", "b" diventa "p", e "g" diventa "k". Combinato con la perdita delle consonanti nei gruppi consonantici finali, ciò fa sì che si pronunci /gʁɑ̃t/ al posto di /gʁɑ̃d/ ("grande") e /taːp/ al posto di /tabl/ ("table").

Ciononostante, certi accenti, come quelli urbani (specialmente quelli di Bruxelles e di Liegi), così come quelli dei parlanti più anziani, presentano una maggiore deviazione rispetto alla pronuncia francese standard. Per esempio, nel dialetto che si parla a Liegi e dintorni, specialmente tra le persone più anziane, la lettera "h" si pronuncia in certe posizioni, mentre nel francese standard non si pronuncia mai. Questo dialetto è conosciuto anche per la sua intonazione lenta, quasi melodiosa, un tratto che è più diffuso all'est, nella zona di Verviers.

Vocabolario[modifica | modifica wikitesto]

Le parole esclusive del francese belga si denominano "belgicismi" (in francese belgicismes), termine che si usa anche per designare le parole olandesi (fiamminghe) che si usano in Belgio e non nei Paesi Bassi. Ne esistono troppi per farne una lista in questa voce, però tra i più conosciuti si possono evidenziare:

  • L'uso di septante per "settanta" e nonante per "novanta", al posto del soixante-dix (letteralmente "sessanta-dieci") e del quatre-vingt-dix ("quattro venti e dieci") del francese standard. Queste parole si usano anche nel francese svizzero, però a differenza di questo, i Belgi non utilizzano mai huitante al posto di quatre-vingts ("quattro venti"). Sebbene considerate un elvetismo/belgicismo, septante e nonante erano comuni anche in francese fino al XVI secolo circa, quando cominciarono a dominare le forme attuali.[1]
  • Si utilizza il verbo savoir ("sapere") al posto di pouvoir ("potere") nel senso di "capacità di fare qualcosa" (in altre varietà del francese, "savoir" si utilizza esclusivamente con il significato di "sapere"). Così, nel francese belga, Je ne sais pas dormir significa "non posso dormire", mentre Je ne peux pas dormir significa "non posso dormire" nel senso di "non mi è permesso dormire". Questo usa può risultare divertente per i parlanti di altre varietà di francese, che intendono "non so dormire" nella prima frase.
  • Le parole per i cibi differiscono, come si indica nella tabella sottostante. Così, per la "colazione", l'uso nel francese belga, svizzero e quebecchese concorda con l'etimologia — déjeuner proviene da un verbo che significa "fare colazione". Nel francese standard, tuttavia, la colazione si traduce con petit-déjeuner. È possibile che questo cambio si debba alle pratiche di Luigi XIV, che si alzava a mezzogiorno per fare il suo primo pasto del giorno, che chiamava déjeuner. Posto che i domestici del re si dovevano alzare presto, facevano una piccola colazione che chiamavano petit déjeuner. Il tribunale francese adottò subito i cambiamenti, estendosi il nuovo uso della parola déjeuner in tutta la Francia, mentre Belgio, Svizzera e Canada rimasero con i termini antichi. Souper si usa in Francia per riferirsi al pasto che si fa intorno a mezzanotte, dopo essere andati all'opera o al teatro.
Italiano Francese belga, svizzero e canadese Francese
colazione déjeuner petit déjeuner
pranzo dîner déjeuner
cena (prima di uscire) souper dîner
cena (dopo essere usciti) - souper
  • Molte parole ed espressioni valloni sono passate nel francese belga, specialmente nelle regioni orientali della Vallonia. Esistono numerosi esempi, però sono quasi impossibili da trascrivere posto che il vallone non ha un'ortografia ufficiale. Alcuni di essi sono Ka tôt rât (equivalente a à bientôt, "a presto"), peket ("(distillato di) ginepro", "gin") o barakî ("coatto", personaggio volgare di bassa estrazione sociale).
  • Sono patenti anche le influenze germaniche. Si prenda ad esempio la costruzione Ça me goûte bien, un calco dai modelli germanici, come Das schmeckt mir gut o Het smaakt me (goed) in olandese, o anche Tu viens avec?, simile all'olandese Kom je mee?. In Belgio, il sindaco di una località si chiama bourgmestre (mentre nel francese standard è maire), il che riflette appunto l'influenza olandese. Per fare un altro esempio, la parola crole ("riso") viene da quella olandese krul.
  • Inoltre, ci sono alcune parole esclusive del francese belga e che non sono di origine vallone né olandese, come guindaille (una festa, specialmente tra studenti), syllabus ("appunti fotocopiati"), e l'uso di s'il vous plaît con il significato di voici.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Walther von Wartburg, Französisches Etymologisches Wörterbuch, Bonn, Basel, 1983.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  • Lingua vallone, una lingua romanza simile al francese, che si parla in Belgio.
  • Lingua fiamminga, la versione belga dell'olandese, che è la lingua più parlata del Belgio e una delle tre ufficiali, insieme al francese e al tedesco.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]