Francesco Vigilio Barbacovi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Vigilio Barbacovi (Taio, 12 settembre 1738Trento, 23 luglio 1825) è stato un giurista italiano.

Fu Cancelliere e Ministro di Giustizia del Principato Vescovile di Trento, per il qual stato redasse un nuovo Codice giudiziario.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Giureconsulto trentino, fu estensore del nuovo Codice Giudiziario del Principato Vescovile di Trento in qualità di Cancelliere del Principe Vescovo Pietro Viglio dei Conti Thun.

Il Codice entrò in vigore nel 1788, dopo aver superato l'opposizione sia della Chiesa, nelle persone dei canonici Gentilotti e Pizzini, che dei consiglieri laici del Magistrato, che lo sottoposero alla revisione di esperti professori tra i quali C.A. Pilati.

Il codice rispose all'esigenza illuministica di rinnovare il diritto, rappresentata a Trento dagli scritti del citato Pilati.

Nel 1792 Barbacovi venne nominato dal Principe Vescovo Ministro di Giustizia, essendo podestà Giandomenico Romagnosi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • M.R. Di Simone, Legislazione e riforme nel Trentino del '700. F.V.Barbacovi tra assolutismo e illuminismo, Il Mulino, 1992.
  • Francesco Ambrosi, Commentari della storia trentina, 1887.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]