Francesco Stelluti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Stelluti

Francesco Stelluti (Fabriano, 1577Roma, 1653) è stato un naturalista e letterato italiano. Trasferitosi a Roma in giovane età seguì gli studi di giurisprudenza. Fu, con Federico Cesi, Johannes van Heeck e Anastasio De Filiis, fra i quattro fondatori dell'Accademia dei Lincei, della quale fu prima Consigliere Maggiore, poi Procuratore Generale e Amministratore (1612). Quivi insegnò matematica, astronomia e altre materie di carattere scientifico. Nel 1613 promosse l'apertura di una seconda sede dell'Accademia dei Lincei a Napoli. Assistente e amico di Federico Cesi, gli dedicò Il Pegaso, componimento dedicato a Federico Cesi e Isabella Salviati (1617). Fra i suoi saggi ebbe una certa diffusione negli ambienti scientifici il Logicae Physicae et Metaphysicae Brevissimum Compendium (1604).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Autori vari, La Letteratura italiana vol. 8, Edizione speciale per il Corriere della Sera, R.C.S. Quotidiani S.p.A., Milano 2005, p. 242; Titolo dell'opera originale: Natalino Sapegno ed Emilio Cecchi (diretta da) Storia della letteratura italiana, Garzanti Grandi opere, Milano 2001 e De Agostini Editore, Novara 2005

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 45100299