Francesco Saverio Quadrio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Saverio Quadrio

Francesco Saverio Quadrio (Ponte in Valtellina, 1 dicembre 1695Milano, 21 novembre 1756) è stato un presbitero, storico e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

All'età di 15 anni entrò nella Compagnia di Gesù. Dopo aver completato gli studi a Bologna ebbe la possibilità di conoscere il cardinale Prospero Lambertini, futuro Papa Benedetto XIV. Insegnò in diverse città italiane. Nel 1741 Bendetto XIV gli diede la possibilità di lasciare i Gesuiti, ritornare prete secolare e avere quindi libertà di viaggiare; si spostò in seguito anche a Parigi. A Milano viene invitato nell'Accademia dei Trasformati.

Poligrafo, scrisse componimenti in versi, opere di scienza, di storia e di critica letteraria. La sua prima composizione è "Il cavaliere errante", un poema eroicomico a noi sconosciuto poiché composto durante la sua giovinezza e poco tempo dopo distrutto. Anni dopo realizzò "Il mondo lunare scoperto", ma la sua opera più nota è "Della storia e della ragione di ogni poesia"[1], di cui era già uscita nel 1734 una prima parte sotto pseudonimo[2]; l'opera, che gli costò più di dieci anni di lavoro, è considerata fra i primi tentativi di una storia della letteratura italiana. Si ricorda di lui anche un'opera sulla Valtellina[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesco Saverio Quadrio, Della storia e della ragione d'ogni poesia volumi quattro di Francesco Saverio Quadrio, Milano, nelle stampe di Francesco Agnelli, 1739-1752.
  2. ^ Giuseppe Maria Andrucci, Della poesia italiana libri due di Giuseppe Maria Andrucci ne' quali prima si tratta appieno del verso, Venezia, appresso Cristoforo Zane, 1734.
  3. ^ Francesco Saverio Quadrio, Dissertazioni critico-storiche intorno alla Rezia di qua dalle Alpi, oggi detta Valtellina al santissimo padre Benedetto XIV P.O.M. dedicate dall'abate Francesco Saverio Quadrio, Milano, nella stamperia della Società Palatina, 1755-1756.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 59073351 SBN: IT\ICCU\RAVV\073561