Francesco Sabatini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il linguista, vedi Francesco Sabatini (linguista).

Francesco Sabatini, alias Francisco Sabatini, (Palermo, 1722Madrid, 1797), è stato un architetto italiano. Trascorse la maggior parte della sua carriera professionale in Spagna, al servizio della Casa reale

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Famiglia[modifica | modifica sorgente]

Francesco Sabatini, figlio di Erasmo e di Olimpia Giuliani, nacque a Palermo, all'epoca capitale del Regno di Sicilia e studiò architettura a Roma dove sposò Maria Cecilia Vanvitelli, figlia del celebre architetto Luigi Vanvitelli autore della Reggia di Caserta, da cui ebbe quattro figli: Luigi (1766), Anna Maria (1771), Maria Teresa (1772) e Luigi (1773), nati tutti a Madrid e battezzati nella chiesa parrocchiale di San Martino e San Pietro Reale.[1]. Pietro e Francesco Vanvitelli, fratelli di Maria Cecilia, furono chiamati in Spagna dal cognato Francesco Sabatini come suoi aiutanti e furono anche i padrini di battesimo di tre dei suoi figli.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

I primi contatti con la dinastia dei Borbone risalgono alla sua partecipazione nella costruzione della Reggia di Caserta per il re di Napoli, Carlo VII di Borbone (poi divenuto Carlo III di Spagna).

Quando Carlo di Borbone salì al trono spagnolo, convocò Sabatini a Madrid nel 1760 e lo inserì tra gli architetti spagnoli più importanti del periodo. Inoltre il re lo nominò Gran Maestro delle Opere Reali, con rango di tenente colonnello del Corpo degli Ingegneri, oltre ad essere designato accademico onorario della Real Academia de Bellas Artes de San Fernando.

Lo stile di Sabatini rientra all'interno del Neoclassicismo, ma a differenza di altri autori del movimento, non si ispirò fondamentalmente alle antichità greco-romane, bensì all'architettura rinascimentale.

Il suo talento, unito ai favori da parte di re Carlo III, gli procurò numerosi incarichi e progetti, premiati a più riprese. In seguito fu promosso a tenente generale del Corpo degli Ingegneri, fu rivestito dell'abito di cavaliere dell'Ordine di Santiago ed ottenne accesso diretto al circolo di confidenza del re dopo la sua designazione a gentiluomo della Camera Reale.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Tra le numerose opere compiute da Sabatini si segnalano:

I Giardini di Sabatini, situati di fronte alla facciata nord del Palazzo Reale di Madrid, sebbene non siano stati disegnati dall'architetto, presero il suo nome dopo la loro realizzazione negli anni trenta del XX secolo, in quanto si trovano nei luoghi dove erano collocate le stalle costruite da Sabatini per la servitù del palazzo.

Inoltre, al di fuori della corte reale, l'architetto costruì la Fabbrica delle Armi di Toledo, un quartier generale per la Guardia Vallone a Leganés (oggi parte dell'Università Carlo III di Madrid), il convento di Sant'Anna a Valladolid, quello delle Comendadoras de Santiago a Granada, e la Capella dell'Immacolata nella Cattedrale di Burgo de Osma, chiamata anche Cattedrale di Palafox.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (ES) Fonte: Matias Fernandez Garcia - presbitero - Caparrós editores 2004 Parroquias madrileñas de San Martín y San Pedro el Real: algunos personajes pag.50

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]