Francesco Olgiati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Olgiati (Busto Arsizio, 1º gennaio 1886Milano, 21 maggio 1962) è stato un religioso, docente universitario e filosofo neoscolastico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Giuseppe Olgiati e Teresa Ferrario, completò i suoi studi nei seminari milanesi e, il 13 giugno 1908, venne ordinato sacerdote dal cardinal Andrea Carlo Ferrari. Dopo una pausa di alcuni anni in seguito ad una malattia, collaborò con padre Agostino Gemelli e Vico Necchi alla Rivista di filosofia neoscolastica e fondò con loro il periodico Vita e pensiero. Fu insignito da Pio XI del titolo di Cameriere Segreto e da Pio XII di Protonotario Apostolico. Inoltre fu, assieme ad Agostino Gemelli, uno dei fondatori dell'Università Cattolica del Sacro Cuore.[1] Presso tale ateneo insegnò nelle facoltà di Lettere, di Magistero e di Giurisprudenza. Dal 1922 fu condirettore della Rivista del clero italiano insieme ad Agostino Gemelli. Fu autore di innumerevoli scritti relativi alla religione e all'istruzione.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Medaglia d'oro ai benemeriti della scuola, della cultura e dell'arte - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro ai benemeriti della scuola, della cultura e dell'arte
— 1955

Note[modifica | modifica sorgente]

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Francesco Olgiati, Schemi di conferenze, Società Editrice "Vita e Pensiero", Milano 1938.
  • Francesco Olgiati, I fondamenti della filosofia classica, Società Editrice "Vita e Pensiero", Milano 1964.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Francesco Olgiati in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato l'11 settembre 2014.