Francesco Illy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Illy

Francesco Illy (in ungherese Ferenc Illy; Timişoara, 7 ottobre 1892Trieste, 1956) è stato un imprenditore e inventore ungherese, fondatore della Illycaffè[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Il giovane Francesco trascorse l'infanzia e la gioventù a Timişoara dove studiò economia. Dopo il liceo si trasferì a Vienna, dove lavorò per due grandi aziende della Transilvania. Nel 1914, all'età di 22 anni, si arruolò nell'esercito austro-ungarico, combattendo su vari fronti e prendendo parte alla battaglia di Kraśnik e alle battaglie dell'Isonzo.

Dopo la guerra rimase con la sorella a Trieste, dove sposò una bella ragazza triestina. Trovò lavoro presso alcune aziende che si occupano di cacao e torrefazione. In seguito inventò e brevettò un suo metodo per mantenere la qualità del caffè appena tostato in modo che potesse essere consegnato conservando l'aroma del caffè, metodo perfezionato negli anni ed ancora in uso. Per iniziare la sua avventura imprenditoriale in Italia costituì una società con un produttore locale di caffè, la Hausbrandt.

Nel 1933 fondò la Illycaffè, e inventò la prima macchina da caffè automatica che sostituisce l'acqua in pressione con il vapore. La Illetta divenne il predecessore dell'attuale macchina per caffè espresso. Suo figlio Ernesto Illy (1925-2008) assunse la gestione della società, la quale attualmente è diretta della terza generazione della famiglia Illy.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ In dialogo con Riccardo Illy - Orizzonti culturali italo-romeni

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie