Francesco II Sforza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri membri del casato Sforza con questo nome, vedi Francesco Sforza (disambigua).
Francesco II Sforza
Francesco II Sforza in un ritratto ad affresco
Francesco II Sforza in un ritratto ad affresco
Duca di Milano
In carica 15211535
Predecessore Francesco I di Francia
Successore Filippo II di Spagna
Altri titoli Signore di Milano
Nascita Milano, 4 febbraio 1495
Morte Vigevano, 24 ottobre 1535
Casa reale Sforza
Padre Ludovico Sforza
Madre Beatrice d'Este
Consorte Cristina di Danimarca
Ducato di Milano
Casato degli Sforza

Arms of the House of Sforza.svg

Figli
Nipoti
Figli
Francesco II

Francesco II Sforza (Milano, 4 febbraio 1495Vigevano, 24 ottobre 1535) è stato il nono e ultimo Duca di Milano indipendente dal 1521 al 1535. Era il figlio minore di Ludovico Sforza, detto il Moro e di Beatrice d'Este.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Francesco II Sforza all'età di tre anni fu cacciato assieme al padre dal Ducato; rimase 21 anni in esilio in condizioni economiche indubbiamente inferiori rispetto a quelle in cui si trovava la corte milanese all'epoca del regno di suo padre.

Durante gli anni di governo restaurato di suo fratello Massimiliano, tra il 1512 e il 1515 egli non riuscì a tornare a Milano e quando questi ne venne cacciato nel 1515 dal ritorno dei francesi, Francesco (che si trovava a Trento) si adoperò subito per riprendere il possesso del Ducato di Milano, che nella sua ottica legittimamente spettava a lui. Egli riuscì finalmente a rientrare a Milano al seguito delle truppe di papa Leone X e dell'imperatore Carlo V nel 1521 (coalizzate nella cosiddetta Lega Santa), aiutati in questo anche dalla popolazione lombarda che si sentiva vessata fortemente da un dominio considerato estraneo.

Con l'acquisizione del Ducato, ad ogni modo per Francesco II non finirono le preoccupazioni: le pressioni dei francesi continuavano ad essere insistenti soprattutto lungo il confine con il Piemonte e lo sforzo bellico richiedeva sempre più denaro, che per uno stato di ridotte dimensioni come il Ducato di Milano rispetto al colosso francese, costituivano una uscita continua per buona parte delle entrate. Francesco II fu pertanto costretto a tassare fortemente la popolazione per difenderla e questo lo mise in cattiva luce, oltre a provocare l'insorgere di rivolte localizzate. Tra i maggiori fautori di queste rivolte ricordiamo Bonifacio Visconti, erede e lontano parente di quei Visconti che un tempo reggevano Milano e che vedeva gli Sforza come gli usurpatori di un potere che loro stessi avevano creato. Bonifacio Visconti perciò tentò di uccidere Francesco II per ottenere il possesso del Ducato, approfittando della situazione politica instabile, ma riuscì solamente a ferire il duca al collo ed alla spalla.

Nel 1534 Francesco ebbe in sposa Cristina di Danimarca, figlia di Cristiano II di Danimarca,Norvegia e Svezia e di Isabella, sorella dell'imperatore Carlo V. Costei ricevette Tortona come città dotale dopo che Francesco II, ammalatosi di una malattia che lo rese quasi cieco, morì nel castello di Vigevano nel 1535. Alla sua morte si estingueva la dinastia degli Sforza di Milano, non avendo egli avuto eredi. Perciò, per evitare altre pretese, Carlo V decise l'annessione diretta del Ducato di Milano ai suoi domini, passandolo successivamente al figlio Filippo che divenne re di Spagna e quindi portò in dote a quello stato il governo del milanese.

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Francesco II Sforza Padre:
Ludovico Sforza
Nonno paterno:
Francesco I Sforza
Bisnonno paterno:
Giacomo Attendolo
Trisnonno paterno:
Giovanni Attendolo
Trisnonna paterna:
Elisa Petraccini
Bisnonna paterna:
Lucia Terziani
Trisnonno paterno:
?
Trisnonna paterna:
 ?
Nonna paterna:
Bianca Maria Visconti
Bisnonno paterno:
Filippo Maria Visconti
Trisnonno paterno:
Gian Galeazzo Visconti
Trisnonna paterna:
Caterina Visconti
Bisnonna paterna:
Agnese del Maino
Trisnonno paterno:
Ambrogio del Maino
Trisnonna paterna:
Ne de Negri
Madre:
Beatrice d'Este
Nonno materno:
Ercole I d'Este
Bisnonno materno:
Niccolò III d'Este
Trisnonno materno:
Alberto V d'Este
Trisnonna materna:
Isotta Albaresani
Bisnonna materna:
Ricciarda di Saluzzo
Trisnonno materno:
Tommaso III di Saluzzo
Trisnonna materna:
Marguerite de Pierrepont
Nonna materna:
Eleonora d'Aragona
Bisnonno materno:
Ferdinando I di Napoli
Trisnonno materno:
Alfonso V d'Aragona
Trisnonna materna:
Gueraldona Carlino
Bisnonna materna:
Isabella di Chiaromonte
Trisnonno materno:
Tristano di Chiaromonte
Trisnonna materna:
Caterina di Taranto

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Marco Albertario, Francesco II Sforza. Iconografia ed iconologia tra i modelli della tradizione milanese ed il ritratto di Tiziano, Milano 2001
  • Rossana Sacchi, Il disegno incompiuto. La politica culturale di Francesco II Sforza e Massimiliano Stampa, 2 voll., Milano 2005

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Duca di Milano Successore Coat of arms of the House of Visconti (1395).svg
Claudia di Francia 15211535 Annessione del ducato ai domini del Regno di Spagna

Controllo di autorità VIAF: 32110035 LCCN: nr00013422