Francesco Fontana (cardinale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Fontana, B.
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalnobishopCOAPioM.svg
Incarichi ricoperti Prefetto della Congregazione de Propaganda Fide
Nato 28 agosto 1750, Castel Maggiore
Creato cardinale 8 marzo 1816 da papa Pio VII
Deceduto 19 marzo 1822, Roma

Francesco Luigi Fontana (Castel Maggiore, 28 agosto 1750Roma, 19 marzo 1822) è stato un cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Castel Maggiore, vicino a Bologna, il 28 agosto 1750, entrò nell'ordine dei Barnabiti e fu ordinato sacerdote nel 1774.

Nel 1806 divenne Generale dell'Ordine barnabita. Fu incarico di redigere la bolla di scomunica Quam memorandam, contro Napoleone, e per questo fu fatto arrestare dall'imperatore e deportato in Francia. Fu recluso a Parigi nel castello di Vincennes per tre anni.

Allievo del cardinal Sigismondo Gerdil, figura di altissimo rilievo della corte sabauda, la cui nomina a papa al concilio del 1800 era stata bloccata dal veto austriaco, nel 1815 Fontana era stato scelto da Vittorio Emanuele I, come arcivescovo di Torino[1]. Papa Pio VII, tuttavia, preferì tenerlo a Roma e lo elevò al rango di cardinale nel concistoro dell'8 marzo 1816, assegnandogli il titolo presbiterale di Santa Maria sopra Minerva.

Il 24 dicembre 1818 fu nominato prefetto della Congregazione de Propaganda Fide.

Morì il 19 marzo 1822 all'età di 71 anni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Colombo, Profili biografici di insigni barnabiti effigiati sotto i portici del Collegio San Francesco in Lodi, Crema, Campanini, 1870, pp. 24-27, 35-36

Predecessore Cardinale presbitero di Santa Maria sopra Minerva Successore CardinalCoA PioM.svg
Giulio Maria della Somaglia 8 marzo 1816 - 19 marzo 1822 Francesco Bertazzoli
Predecessore Prefetto della Congregazione de Propaganda Fide Successore Emblem Holy See.svg
Lorenzo Litta 24 settembre 1818 - 19 marzo 1822 Giovanni Battista Quarantotti
  1. ^ Cfr. A. Segre, Il primo anno del ministero Vallesa, «Biblioteca di storia italiana recente», vol. X, Torino, Bocca, 1928, pp. 222-226.