Francesco Foggia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Foggia

Francesco Foggia (Roma, 1603Roma, 8 gennaio 1688) è stato un compositore italiano.

Note biografiche[modifica | modifica sorgente]

Francesco Foggia, figlio di Giacomo e della romana Angela Alberici, nacque a Roma prima del 17 novembre 1603, data in cui fu battezzato a S. Luigi dei francesi; si suppone che la famiglia Foggia fosse in rapporti con Giovanni Bernardino Nanino, maestro di cappella a S. Luigi. Il piccolo Francesco fu dapprima putto cantore al Collegio Germanico dal 1611 al 1613 sotto Ottavio Catalano; fu poi mandato a Bonn come fanciullo cantore della cappella musicale di Ferdinando di Baviera. Tornato a Roma proseguì gli studi con Antonio Cifra e Paolo Agostini, entrambi allievi del Nanino. Come già Paolo Agostini, che aveva sposato Vittoria, figlia del proprio maestro Bernardino Nanino, anche Foggia nell'ottobre 1631 sposò Eugenia, figlia del defunto Agostini.
Francesco Foggia fu uno dei più importanti maestri di cappella nella Roma seicentesca; svolse inizialmente questo ruolo a S. Maria in Aquiro, a Narni e a Montefiascone. Tornò definitivamente a Roma ricoprendo lo stesso incarico prima a S. Maria in Trastevere e dal 1637 a S. Giovanni in Laterano, dove rimase sino al 1660. Fu ancora maestro di cappella in molte altre importanti chiese romane, e gli anni dal 1655 al 1675 furono quelli più intensi per la sua notevole attività compositiva, svolta tra il 1642 e il 1681. Il 13 giugno 1677 ottenne la nomina di maestro a S. Maria Maggiore, succedendo ad Antonio Maria Abbatini, e contemporaneamente chiese e ottenne che il figlio Antonio divenisse suo coadiutore. Francesco Foggia fu un celebre esponente e diretto erede della tradizione della Schola Romana; scrisse messe, mottetti, oratori (in italiano e in latino), litanie, salmi, etc. Tra i suoi allievi figurano Giovanni Battista Bianchini, Giuseppe Ottavio Pitoni e il figlio Antonio Foggia, che nel 1688 gli succederà nell'incarico a S. Maria Maggiore.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Oratori[modifica | modifica sorgente]

  • David fugiens a facie Saul;
  • Tobiae oratorium;
  • S Giovanni Battista, (perduto; pubblicato in Sacra melodia d’oratorii musicali, Roma, 1678)
  • Daniele (op. dub.)

Altre composizioni (sacre)[modifica | modifica sorgente]

  • Concentus ecclesiastici (1645);
  • Missa et sacrae cantiones, op.3 (1650);
  • Litanie et sacrae cantiones, op.4 (1652);
  • Psalmi (1660);
  • Sacrae cantiones, op.6 (1661);
  • Octo missae (1663);
  • Sacrae cantiones, op.8 (1665);
  • Psalmodia vespertina, liber 2, op.13 (1667);
  • Messe, op.15 (1672);
  • Litanie, op.16 (1672);
  • Motetti et offertorii, op.16;
  • Offertoria, op.18 (1681).

A questo elenco si aggiungono diverse composizioni, alcune delle quali perdute, altre manoscritte.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Saverio Franchi, Francesco Foggia in «Dizionario Biografico degli Italiani».
  • Stephen Roark Miller, Francesco Foggia, in «New Grove Dictionary».

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 67681078 LCCN: nr91026535