Francesco Filomusi Guelfi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Francesco Filomusi Guelfi
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Senato del Regno d'Italia
Luogo nascita Tocco da Casauria
Data nascita 21 novembre 1842
Luogo morte Tocco da Casauria
Data morte 22 ottobre 1922
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Docente universitario
Legislatura XXIII
Incarichi parlamentari

Commissione d'accusa dell'Alta Corte di giustizia (6 marzo 1917-29 settembre 1919), Commissione per l'esame del disegno di legge "Capacità giuridica delle donne" (10 marzo 1919)

Francesco Filomusi Guelfi (Tocco da Casauria, 21 novembre 1842Tocco da Casauria, 22 ottobre 1922) è stato un docente e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Michele ed Eufrosina Scamolla Guelfi, dopo aver studiato all'Università di Napoli vi si laureò in giurisprudenza nel 1869[1], dedicandosi quindi all'insegnamento che iniziò presso l'Università di Roma[1] nel 1873 dove divenne professore emerito, al compimento dei 75 anni, quando dovette lasciare l'insegnamento[1].

Oltre che all'attività accademica si dedicò alla scrittura di testi giurici spaziando sia nel campo del diritto civile che in quello penale. La sua opera più rappresentativa fu l'Enciclopedia giuridica[1].

Nel 1889 venne scelto da re Umberto I quale insegnante di diritto del principe ereditario Vittorio Emanuele III.[1]

Scrisse in diverse riviste di diritto ed entrò a far parte dei consessi più importanti della nazione. Fra questi fu membro della Società reale di Napoli nel 1902 e quindi dell'Accademia dei Lincei nel 1906[1].

A seguito della fama acquisita venne nominato senatore del Regno d'Italia il 26 gennaio 1910[1].

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g Biografia sul sito del Senato della Repubblica

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie