Francesco Domenico Chiarello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Domenico Chiarello (Umbriatico, 5 novembre 1898Cirò Marina, 27 giugno 2008) è stato un militare e supercentenario italiano, cavaliere dell'Ordine di Vittorio Veneto. Insieme a Delfino Borroni è stato uno degli ultimi veterani italiani sopravvissuti alla prima guerra mondiale.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Chiamato dall'esercito come rinforzo nel 1918, si arruolò a Castrovillari. Trascorse tre mesi in addestramento e successivamente prestò servizio come fante a Cosenza. Dapprima destinato alle frontiere in Trentino, fu successivamente mandato a combattere sul fronte albanese dove contrasse la malaria ma guarì in un ospedale da campo. In seguito fu mandato in Montenegro dove prestò servizio per altri due anni nell'Esercito italiano.

Finita la guerra si sposò e gestì una fattoria ad Umbriatico, ma nel 1940 fu chiamato di nuovo come rinforzo per combattere nella Seconda guerra mondiale a Reggio Calabria, per poi essere congedato dopo sei mesi.

Nel 2008 è stato testimonial del calendario dell'esercito italiano dedicato al 90º anniversario della fine della Grande Guerra.

Ha vissuto i suoi ultimi anni a Cirò Marina.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine di Vittorio Veneto - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Vittorio Veneto
Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 1918 (1 anno di campagna) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 1918 (1 anno di campagna)
Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia
Medaglia commemorativa italiana della vittoria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa italiana della vittoria

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]