Francesco Colonnese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Colonnese
Francesco Colonnese.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 2006 - giocatore
Carriera
Giovanili
Avigliano Avigliano
Squadre di club1
1989-1991 Potenza Potenza 39 (0)
1991-1992 Giarre Giarre 22 (0)
1992-1994 Cremonese Cremonese 66 (0)
1994-1995 Roma Roma 5 (0)
1995-1997 Napoli Napoli 47 (0)
1997-2000 Inter Inter 56 (2)
2000-2004 Lazio Lazio 12 (0)
2004-2006 Siena Siena 34 (1)
Nazionale
1993
1993-1994
Italia Italia Olimpica
Italia Italia U-21
4 (0)
6 (0)
Carriera da allenatore
2013-2014 Padova Padova Assistente
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Oro Francia 1994
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º luglio 2014

Francesco Colonnese (Potenza, 10 agosto 1971) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver iniziato la sua scalata nelle giovanili dell'Avigliano e aver fatto esperienza nel Potenza (sua città natale, nell'allora categoria C2), Giarre (C1) e Cremonese (serie B, con cui vince il 27 Marzo 1993, nello stadio di Wembley, la coppa Anglo-Italiana contro il Derby County), nella stagione 1994-1995 approda in serie A alla Roma alla corte di Carlo Mazzone, dove gioca 5 gare.

Nella stagione 1995-1996 viene acquistato dal Napoli allora allenato da Vujadin Boskov. Dopo poche partite si guadagna stabilmente la maglia da titolare e nella stagione successiva, con mister Gigi Simoni in panchina sfiora la conquista della Coppa Italia, persa solo dopo i tempi supplementari contro il Vicenza. A partire dalla stagione 1997-1998, indossa la maglia dell'Inter, con cui vince la Coppa UEFA e sfiora la convocazione in Nazionale per la spedizione ai Mondiali di calcio di Francia '98.

Dopo la sua miglior stagione lui e tutta la squadra subiscono una inesorabile flessione culminata con l'esonero di Luigi Simoni e l'approdo in panchina di Mircea Lucescu. Nella stagione successiva, sotto la guida tecnica di Marcello Lippi non ricopre più il ruolo di titolare e a termine della stagione viene ceduto alla Lazio.[1]

Dal 2000 al 2004 milita nella squadra capitolina dove riesce a conquistare, seppur relegato ad un ruolo da comprimario, una Coppa Italia e una Supercoppa italiana.

Dal 2004 al 2006 milita nel Siena. La prima stagione termina con una sudata salvezza all'ultima giornata sotto la guida tecnica di Gigi Simoni prima e Luigi De Canio (suo corregionale) poi. Nella seconda stagione è protagonista di una salvezza meno sofferta e riesce a togliersi la soddisfazione di realizzare il gol decisivo del 2-3 all'Olimpico contro la Roma, in quella che è stata una partita storica per la Robur segnata dai gol di 3 ex laziali: Paolo Negro, Enrico Chiesa e appunto lui.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con la Nazionale Under-21 vanta la vittoria dell'Europeo di categoria del 1994 sotto la guida di Cesare Maldini, formando con Francesco Toldo, Fabio Cannavaro e Christian Panucci una barriera contro il Portogallo di Rui Costa, Joao Pinto e Luis Figo.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 dicembre 2012 inizia a frequentare a Coverciano il corso di abilitazione per il master di allenatori professionisti Prima Categoria-Uefa Pro.[2]

Il 28 settembre 2013 siede sulla panchina del Padova in Serie B, in qualità di assistente di campo di Bortolo Mutti[3] e successivamente di Michele Serena.[4]

Opinionista[modifica | modifica wikitesto]

È stato opinionista sportivo presso varie testate Telecapri e Premium Calcio e dalla stagione 2014-2015 partecipa alla trasmissione 90°minuto condotta da Marco Mazzocchi.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Lazio: 2003-2004
Lazio: 2000

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Cremonese: 1992-1993
Inter: 1997-1998

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

1994

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L' Italia fa la festa al resto del mondo archiviostorico.corriere.it
  2. ^ Master Uefa a Coverciano: iscritti anche Stramaccioni e Inzaghi calciomercato.com
  3. ^ Ore 14.30, presentazione allo Stadio Euganeo di Bortolo Mutti e il suo staff padovacalcio.it
  4. ^ Nello staff c’è ancora posto per Colonnese mattinopadova.gelocal.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]