Francesco Boccia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
on. Francesco Boccia
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Francesco Boccia
Luogo nascita Bisceglie, BT
Data nascita 18 marzo 1968 (46 anni)
Titolo di studio Laurea in Scienze Politiche
Professione Docente universitario
Partito PD (dal 2008)
Legislatura XVI, XVII
Gruppo PD (dal 2008)
Coalizione PD-IdV-PR (2008), Italia. Bene Comune (2013)
Circoscrizione XXI
Regione Puglia
Incarichi parlamentari
  • XVII Legislatura:
    • Presidente della V Commissione(Bilancio, Tesoro e Programmazione)
    • Componente della Commissione speciale per l'esame di atti del Governo
  • XVI Legislatura:
    • Componente della V Commissione(Bilancio, Tesoro e Programmazione)
    • Componente della Commissione Parlamentare per l'attuazione del federalismo fiscale
Pagina istituzionale

Francesco Boccia (Bisceglie, 18 marzo 1968) è un politico ed economista italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Studi e carriera accademica[modifica | modifica sorgente]

Laureato in Scienze politiche a Bari, ha ottenuto un MBA alla Bocconi, ha svolto per quattro anni attività di ricerca alla London School of Economics ed è stato Visiting Professor alla University of Illinois, Chicago, nel 2002. Professore associato di Economia aziendale presso la LIUC di Castellanza dal 2003, è stato consigliere economico del Ministro dell'Industria Enrico Letta (dal 1998 al 2001) e poco dopo ha aderito alla Margherita.

Carriera politica e parlamentare[modifica | modifica sorgente]

In vista delle elezioni regionali del 2005 si candida alle elezioni primarie dell'Unione che si tengono il 16 gennaio 2005 per decidere chi sarà il candidato presidente della Puglia: riceve 38.894 voti (49,2%) e viene sconfitto di misura da Nichi Vendola[1].

È stato Assessore all'economia al comune di Bari dal luglio del 2004 a ottobre 2006. Nel Governo Prodi, dal 2006 al 2008, è stato Capo del Dipartimento per lo Sviluppo delle Economie Territoriali della Presidenza del Consiglio dei ministri. Sempre dal 2006 al 2008, è stato commissario liquidatore e presidente dell'organo straordinario di liquidazione del dissesto finanziario del Comune di Taranto.

Eletto alla Camera dei deputati alle elezioni politiche del 13 e 14 aprile 2008 nella lista del Partito Democratico per la circoscrizione XXI (Puglia). Dal novembre 2009 è stato eletto componente dell'Ufficio di Presidenza del Gruppo Pd alla Camera in qualità di Segretario e Coordinatore delle Commissioni Economiche alla Camera per il Pd. Nel gennaio 2010 si candida nuovamente alle elezioni primarie del centrosinistra, ma viene ancora una volta sconfitto dal Governatore uscente Nichi Vendola, con un risultato decisamente più netto rispetto al 2005 (27% contro 73%)[2].

Il 30 dicembre 2012 vince le primarie per il Parlamento nella provincia di Barletta-Andria-Trani per la circoscrizione elettorale Puglia con il 71%, arrivando primo tra 7 candidati.

Candidato alle elezioni politiche italiane del 2013, viene rieletto deputato nelle liste del PD[3]. Oggi è Presidente della V Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione della Camera dei Deputati.

Il 26 e 27 maggio 2013 nelle elezioni amministrative, viene eletto nel Pd come maggior suffragato nelle liste del centrosinistra, consigliere comunale di Bisceglie

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Il 23 dicembre 2011 si è sposato civilmente con la allora deputata del Popolo della Libertà, Nunzia De Girolamo. Hanno una figlia di nome Gea[4].

Opere[modifica | modifica sorgente]

È autore di numerosi testi economico-finanziari:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Piero Ricci, Vendola: Francesco come vice in La Repubblica, 18 gennaio 2005, p. 2. URL consultato il 10-02-2010.
  2. ^ Michele Ottolino, Puglia, Vendola ha stravinto In 200mila al voto per le primarie in La Repubblica, 24 gennaio 2010. URL consultato il 10-02-2010.
  3. ^ Puglia - Camera - Elezioni Politiche 24-25 febbraio 2013 - la Repubblica.it
  4. ^ Boccia-De Girolamo, sposi dopo l'estate

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]