Francesco Baldini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Baldini
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 184 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra Sestri Levante Sestri Levante
Ritirato 2011 - giocatore
Carriera
Giovanili
1986-1991 Lucchese Lucchese
Squadre di club1
1991-1993 Lucchese Lucchese 19 (0)
1993-1994 Juventus Juventus 3 (0)
1994-1995 Lucchese Lucchese 32 (0)
1995-2001 Napoli Napoli 153 (0)
2001-2002 Reggina Reggina 9 (0)
2002-2003 Napoli Napoli 25 (1)
2003-2006 Genoa Genoa 73 (4)[1]
2006-2007 Perugia Perugia 23 (2)
2007-2008 Lugano Lugano 16 (0)
2008-2010 San Marino San Marino 42 (3)[2]
2010-2011 Juvenes/Dogana Juvenes/Dogana  ? (?)
Nazionale
1993 Italia Italia Olimpica 0 (0)
Carriera da allenatore
2011-2012 Bologna Bologna Allievi
2012-2014 Bologna Bologna Primavera
2014- Sestri Levante Sestri Levante
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 2 luglio 2014

Francesco Baldini (Massa, 14 marzo 1974) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi e l'esperienza juventina[modifica | modifica sorgente]

Difensore centrale cresciuto nelle giovanili della Lucchese[3], fa il suo esordio in prima squadra nel campionato 1991-1992, con Marcello Lippi[3], in Serie B. Nella stagione successiva il nuovo allenatore Corrado Orrico lo esclude dal giro della prima squadra[3]; vi rientra quando sulla panchina toscana arriva Franco Scoglio[3], e disputa 17 partite tra i cadetti.

Nel 1993 viene acquistato dalla Juventus per 3 miliardi di lire[4], nell'ambito di una politica di ringiovanimento della formazione bianconera[5]. Giovanni Trapattoni lo fa esordire in serie A il 2 gennaio 1994 in Udinese-Juventus (0-3), e in quella stagione colleziona in tutto 2 presenze nella massima serie; con la formazione Primavera, inoltre, vince il Torneo di Viareggio, battendo in finale la Fiorentina[6]. Negli anni successivi i bianconeri decidono di farlo tornare in prestito alla Lucchese, con cui disputa un campionato cadetto da titolare, e nella stagione 1995-1996 ritorna in Serie A: è il Napoli ad acquistarlo, sempre in prestito[7].

La lunga avventura napoletana[modifica | modifica sorgente]

A Napoli diventa stabilmente titolare nella massima serie, raggiungendo la finale di Coppa Italia persa contro il Vicenza, e diventa capitano dopo la partenza di Ayala, nella stagione 1998-1999[8][9]. Nello stesso periodo, tuttavia, inizia ad accusare problemi ai legamenti del ginocchio, che lo porteranno a un lungo stop nella stagione 1999-2000, conclusa con la promozione in Serie A[8][10].

Nel corso della stagione 2000-2001 ritrova il posto da titolare, tuttavia subisce pesanti contestazioni da parte dei tifosi[11] a causa dei risultati negativi della squadra, che a fine campionato retrocede in Serie B. A causa di questi problemi e di dissapori all'interno dello spogliatoio viene sostituito nel ruolo di capitano da Oscar Magoni[9], e in agosto si trasferisce in prestito alla Reggina[12], anch'essa appena retrocessa in Serie B.

Nell'anno in maglia amaranto ottiene la promozione in Serie A, agli ordini di Franco Colomba, a spese proprio del Napoli; Baldini disputa solamente 9 partite, anche a causa di un'infezione[10]. A fine stagione torna al Napoli, dove ritrova Colomba[13]: a causa delle difficoltà della squadra in campionato e del suo ruolo di capitano, subisce una nuova pesante aggressione[14]. A fine stagione, conquistata la salvezza nel campionato cadetto, lascia definitivamente il Napoli per trasferirsi al Genoa[10], in uno scambio che porta Mario Cvitanovic sotto il Vesuvio[15].

Gli ultimi anni[modifica | modifica sorgente]

Con rossoblu rimane per tre stagioni, ottenendo nel 2005 un'altra promozione in serie A. Lo scandalo dell'illecito commesso da Enrico Preziosi fa però retrocedere il Genoa in Serie C1, e Baldini rimane con i Grifoni, indossando anche la fascia di capitano dopo la cessione di Giovanni Tedesco[16]. Anche a Genova viene duramente contestato dai tifosi[17], tuttavia a fine stagione può festeggiare la promozione in Serie B[16]. Nell'estate 2006 si trasferisce in prestito al Perugia[18], sempre in Serie C1, prima di accettare un anno dopo l'offerta del Lugano in Svizzera, dove gioca un campionato[19].

Il 24 ottobre 2008 firma un biennale con il San Marino, in Lega Pro Seconda Divisione[19]. Rimane in forza ai Titani per due stagioni, ottenendo una salvezza ai play-out; nel 2010, dopo aver lasciato la squadra[20] passa allo Juvenes/Dogana[21], formazione del campionato sammarinese con cui conquista una Coppa Titano prima di concludere la carriera a 37 anni.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Ha fatto parte della rappresentativa olimpica che ha partecipato ai Giochi del Mediterraneo del 1993, senza mai scendere in campo nelle quattro gare giocate dagli Azzurrini.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Nella stagione 2011-2012 inizia la carriera di allenatore con gli allievi nazionali del Bologna, e il 30 giugno 2012 passa alla guida della squadra Primavera[22].

Dal 1° luglio 2014 allena il Sestri Levante in Serie D[23].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Juventus: 1994
Juvenes/Dogana: 2010-2011

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 77 (4) se si comprendono i play-off.
  2. ^ 43 (3) se si comprendono i play-off.
  3. ^ a b c d Baldini, l'ex di lusso: "Cara Lucchese, domenica sarà una gran bella gara. A San Marino come scelta di vita: amo troppo questo sport e continuo a divertirmi" Gazzettalucchese.it
  4. ^ Una campagna da 24 miliardi, La Repubblica, 25 luglio 1993, pag.27
  5. ^ Parma e Inter, le mosse giuste per lo scudetto, La Repubblica, 16 luglio 1993, pag.24
  6. ^ (EN) Coppa Carnevale - Torneo Internazionale Giovanile di Viareggio Rsssf.com
  7. ^ La cura Boskov, "Il sorriso dopo i pericoli", La Repubblica, 18 agosto 1995, pag.44
  8. ^ a b L'identikit dei 25 protagonisti azzurri: tra esordi, conferme e partenze, La Repubblica, 5 giugno 2000, pagg. 2-3 - sezione Napoli
  9. ^ a b Baldini: 'Un anno da dimenticare ma non scappo', La Repubblica, 23 luglio 2001, pag.3 - sezione Napoli
  10. ^ a b c Baldini, la terza carriera 'Il Grifone porta fortuna', La Repubblica, 28 luglio 2003, pag.7 - sezione Genova
  11. ^ Napoli, colpo grosso al 90', La Repubblica, 5 febbraio 2001, pag,4 - sezione Napoli
  12. ^ De Canio, addio a Baldini Bierhoff, una pista per i gol, La Repubblica, 10 agosto 2001, pag.9 - sezione Napoli
  13. ^ Colomba ridisegna il Napoli, La Repubblica, 23 giugno 2002, pag.10 - sezione Napoli
  14. ^ Pugni e calci per una partita la notte da incubo di Baldini, La Repubblica, 1º dicembre 2002, pag.45
  15. ^ Bidoni azzurri - Prima inventò il 'cross di stinco', poi rischia di rompere il gemellaggio con il Genoa Calcionapoli24.it
  16. ^ a b Baldini, capitano tra felicità e rabbia 'Volevo smettere, Tedesco mi aveva tradito', La Repubblica, 19 giugno 2006, pag.3 - sezione Genova
  17. ^ Tensione a Pegli, schiaffo a Baldini, La Repubblica, 28 aprile 2006, pag.17 - sezione Genova
  18. ^ UFFICIALE: Baldini al Perugia Tuttomercatoweb.com
  19. ^ a b UFFICIALE: San Marino, colpo Ciccio Baldini Tuttomercatoweb.com
  20. ^ UFFICIALE: San Marino, risoluzione consensuale per Baldini Tuttomercatoweb.com
  21. ^ Baldini, l’esperienza al servizio della Juvenes/Dogana Sanmarinoworld.sm
  22. ^ Francesco Baldini è il nuovo allenatore della Primavera Bolognafc.it
  23. ^ Serie D, Francesco Baldini è il nuovo allenatore del Sestri Levante Tuttolevante.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]