Francesco Antonio Zaccaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Antonio Zaccaria (Venezia, 27 marzo 1714Roma, 10 ottobre 1795) è stato un presbitero, storico e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione e attività pastorale[modifica | modifica wikitesto]

Entrato nella Compagnia di Gesù (provincia d'Austria) nel 1731, fu ordinato sacerdote a Roma nel 1740.
Per circa un decennio svolse opera pastorale ad Ancona, Fermo e Pistoia, distinguendosi come predicatore e insegnante.

Bibliotecario, professore e poligrafo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1751 fu chiamato a succedere a Ludovico Antonio Muratori come bibliotecario e archivista del Duca di Modena, ma fu rimosso nel 1768, a causa della sua opera Antifebronio, con la quale difendeva strenuamente le prerogative del pontefice romano.
Fu perciò chiamato a dirigere la biblioteca della Casa professa dei Gesuiti a Roma. Come riconoscimento dell'importanza dei suoi studi e dei servigi alla Santa Sede, ebbe il privilegio di una pensione da papa Clemente XIII, riconfermata da papa Clemente XIV, e aumentata da papa Pio VI, che lo nominò professore ordinario di Storia della Chiesa alla Sapienza e direttore dell'Accademia dei Nobili Ecclesiastici.
Fu un membro di numerosissime accademie italiane (almeno diciannove[1]).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Archeologia[modifica | modifica wikitesto]

  • Istituzione Antiquario-Lapidaria, Roma, 1770;
  • Istituzione Antiquario-Numismatica, Roma, 1772.

Liturgia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dell 'anno santo, Roma, 1774;
  • Bibliotheca ritualis, 2 voll., Roma, 1776-8;
  • Nuovo effermerologio universale, Roma, 1780;
  • Onomasticon rituale selectum, Faenza, 1787.

Teologia[modifica | modifica wikitesto]

  • Thesaurus theologicus, 13 voll., Venezia, 1762;
  • De causuisticae theologicae originibus, locis atque praestantia;
  • Apparatus omnigenae eruditionis ad theologiam et ius canonicum, Roma, 1773.

Scritti polemici[modifica | modifica wikitesto]

  • Antifebronio, Pesaro, 1767;
  • Storia polemica del sacro celibato, Roma, 1774;
  • Storia polemica delle proibizione de' libri (Roma, 1777);
  • Difesa di tre Sommi Pontefici Benedetto XIII, Benedetto XIV, e Clemente XIII, e del Concilio Romano tenuto nel 1775, Ravenna, 1784.

Storia della Chiesa[modifica | modifica wikitesto]

  • Serie Episcoporum Cremonensium, Milano, 1749;
  • Serie Episcoporum Laudensium Milano, 1763;
  • Serie Episcoporum Auximatium, Osimo, 1764;
  • Serie Episcoporum Vico Æquensium, Roma, 1778;
  • Serie Episcoporum Caesenatium, Cesena, 1779;
  • Serie Episcoporum Forocorneliensium, Imola, 1820;
  • De' Santi martiri Fedele, Carpoforo, Gratiniano, e Felino, Milano, 1750;
  • Acta SS. Bollandiana apologeticis in unum volumen nunc primum contractis libris vindicata, Anversa, 1755;
  • De rebus ad historiam atque antigitates ecclesiae pertinentibus, Foligno, 1781;
  • Raccolta di dissertazioni di storia ecclesiastica, 22 voll., Roma, 1792-7.

Storia della Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

  • Storia d'Italia Letteraria (con Leonardo Ximenes, Domenico Froili e Joachim Gabardi), 14 voll., Modena, 1750-57;
  • Excursus litterarii per Italiam, Venezia, 1754;
  • Iter Litterarium per Italiam, Venezia, 1762;
  • Saggio critico della corrente letteratura straniera, (con Domenico Froili e Joachim Gabardi) 3 voll., Modena, 1576;
  • Annali letterarii d'Italia , 3 voll., Modena, 1762-3;
  • Biblioteca antica e moderna di storia letteraria, 3 voll., Pesaro, 1766-8.

Edizioni commentate[modifica | modifica wikitesto]

  • Jacobus Menochius (Giacomo Menochio), Commentarius totius S. Scripturae, Venezia, 1743;
  • Dante Alighieri, Divina Commedia, Verona, 1749;
  • Tommaso Tamburini, Theologia Moralis, Venezia, 1755;
  • Herman Busenbaum, Pierre Lacroix, Theologia Moralis, 1755;
  • Domenico Viva, Opuscula omnis teologico-moralia, Ferrara, 1757;
  • Louis Abelly, Medulla theologica, Venezia, 1757;
  • Petavius, Opus de ulla theologica, (Venezia, 1757);
  • Vitus Pichler, Jus Cononicum, Pesaro, 1758;
  • Jacobus Tirinus (Tirini Jacobi o Jacques Tirin), In universam Scripturam Commentarius, Venezia, 1759;
  • Bartolomeo Gavanto, Opera teologico-canonica, Ferrara, 1760;
  • Honoré Tournély, Praelectiones, Venezia, 1765;
  • Alexander Natalis, Historia Ecclesiastica, Venezia, 1776-7;
  • Lucio Ferraris, Bibliotheca canonicojuridica, Roma, 1748-90;
  • Pietro Sforza Pallavicino, Istoria del Concilio di Trento, Faenza, 1797-7.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Così afferma la Catholic Encyclopedia (EN)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sommervogel, Bibliothéque de la Compagnie de Jesus, VIII, Bruxelles, 1898, pp. 1381-1435;
  • Cuccagni, Elogio storico dell'Abate Francesantonio Zaccaria, Roma, 1769;
  • Hurter, Nomenclator, V, Innsbruck, 1911, I, pp. 484-498.

Controllo di autorità VIAF: 4953412