Francesc Ferrer i Guàrdia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« (Taranto) Torquemeda disse ai monarchi : Uccidiamo il Pensiero! FERRER disse ai carnefici: Il Pensiero non muore. La Scuola Moderna scriverà col mio sangue la vostra condanna. »
(Epigrafe di Mario Rapisardi)

Francesc Ferrer i Guàrdia, noto anche con la variante castigliana di Francisco Ferrer y Guardia oppure di Francisco Ferrer (Alella, 10 gennaio 1859Barcellona, 13 ottobre 1909), è stato un anarchico, pedagogista e libero pensatore spagnolo.

Francesc Ferrer i Guàrdia

Dalla nascita alla fine del primo matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Nato ad Alella, una cittadina nelle vicinanze di Barcellona, da genitori cattolici e agricoltori benestanti, ben presto dimostrò il suo carattere libertario denunciando il parroco che aveva percosso sia lui che suo fratello: era stato infatti punito per aver voluto rendere l'ultimo saluto al defunto zio di idee libertarie che aveva voluto il funerale civile.

A 20 anni divenne controllore per le Ferrovie e approfittò del tempo libero per istruirsi da autodidatta; fu già da allora che si pose il problema dell'istruzione e dell'educazione come strumenti per l'emancipazione sociale.

Fu un seguace del capo repubblicano Manuel Ruiz Zorilla, ma il suo impegno politico gli procurò ben presto dei problemi perché perse il posto di lavoro per aver aiutato dei rifugiati politici a nascondersi sul suo treno. Inoltre nel 1885 fu esiliato a Parigi con la moglie Teresa Sanarti e i quattro figli perché implicato nell'insurrezione di Santa Coloma De Fernet. Ben presto però intervenne una crisi familiare dovuta sia all'educazione religiosa che la moglie impartiva ai figli in contrasto con le idee libertarie di Ferrer, sia alla prematura morte di due dei bambini. La crisi sfociò in modo violento con una revolverata della moglie a Ferrer per costringerlo a fargli dire dove si trovavano gli altri due bambini superstiti e finalmente divorziarono nel 1899. Ferrer si risposò poco dopo, con una facoltosa insegnante parigina.

Il pedagogista[modifica | modifica sorgente]

Nel 1901 tornò in Spagna e grazie all'eredità di una sua allieva (per racimolare qualche soldo Ferrer impartiva anche lezioni private di spagnolo) aprì la Escuela moderna per insegnare i valori sociali radicali ai ragazzi della borghesia. Nel 1906 la scuola contava 1700 allievi distribuiti tra la sede di Barcellona e le succursali. Quello stesso anno fu arrestato perché sospettato di essere coinvolto nell'attentato del 31 maggio attuato da Mateo Morral[1] al re Alfonso XIII, ma fu scagionato e rilasciato nel giugno 1907. Durante la carcerazione la sua scuola, accusata di essere una facciata per la propaganda anarchica, andò in fallimento e fu costretta a chiudere. Dopo il suo rilascio, scrisse nel 1908 la storia della Escuela moderna in un libro dal titolo "Le origini e gli ideali della Scuola Moderna".

Nel 1909 fondò a Madrid e Bruxelles la Lega Internazionale per l'Educazione Razionale. Si recò poi a Londra per cercare dei testi che rispecchiassero la sua pedagogia moderna, non impostata su diktat reazionari. Il 14 giugno dello stesso anno tornò dalla sua famiglia per assistere alla morte della figlia di suo fratello.

La Settimana Tragica e la condanna a morte[modifica | modifica sorgente]

In seguito alla dichiarazione della legge marziale nel 1909 durante la "Settimana Tragica", una rivolta scoppiata il 26 luglio quando la popolazione si ribellò alla Guardia Civile che aveva il compito di far imbarcare i coscritti (per la quasi totalità appartenenti alle classi povere) mandati a combattere nelle guerra coloniali in Africa.

Iscrizione su un monumento dedicato a Francisco Ferrer Guardia a Barcellona. L'iscrizione recita:

BARCELLONA RIPARA CON QUESTO MONUMENTO MOLTI ANNI D'OBLIO E D'IGNORANZA NEI CONFRONTI DI UN UOMO MORTO PER DIFENDERE LA GIUSTIZIA SOCIALE, LA FRATELLANZA E LA TOLLERANZA.

COMUNE DI BARCELLONA
FONDAZIONE FERRER I GUÀRDIA
13 ottobre 1990

Ferrer fu arrestato il 31 agosto con l'accusa di essere il fomentatore della rivolta. Sottoposto ad un processo farsa da parte del tribunale militare, venne condannato a morte con prove artefatte e fucilato a Barcellona, il 13 ottobre di quell'anno, nella fortezza di Montjuich.

Poco dopo la sua esecuzione, nacquero negli Stati Uniti varie "scuole moderne" sul modello di quella di Ferrer, la prima e più importante delle quali fu costituita a New York nel 1911.

Le reazioni in Europa alla condanna[modifica | modifica sorgente]

Quando diventa di dominio pubblico la notizia della condanna a morte di Françisco Ferrer, iniziano corpose manifestazioni di protesta che degenerano talvolta in scontri di piazza sia in Spagna ma anche a Parigi, a Bruxelles, a Berlino, a Londra e in Italia dove l'epicentro è Torino. Il movimento anarchico è vigoroso nel periodo a Torino e gli anarchici con altri compagni della sinistra presidiano la Camera del Lavoro chiedendo lo Sciopero generale, a tale presa di posizione seguono scontri con gli organi di repressione dello stato che assumono caratteristiche quasi insurrezionali nelle zone torinesi di Barriera di Milano e a Borgo San Paolo.

A nulla vale per salvar la vita di Françisco Ferrer questa estesa ondata solidaristica e nel 1910 Maurizio Garino e Pietro Ferrero con gli anarchici di Torino fondano il Circolo di Studi Sociali, che nel prosieguo prenderà nome Scuola Moderna, proprio a ricordo del pedagogista anarchico catalano. Pasquale Binazzi editore e redattore del Il Libertario a La Spezia nel 1910 scrive e pubblica 'opuscolo Abbattiamo il Vaticano! a memoria del grande pedagogista anarchico catalano.[2]

La Escuela moderna[modifica | modifica sorgente]

Secondo Ferrer, il fine ultimo della civiltà è la libertà dell'individuo in una società retta da patti liberi e sempre rescindibili. Per realizzare questo fine è necessaria una educazione razionale e scientifica da impartire fin dall'infanzia, in quanto il bambino non ha idee preconcette e l'educatore dovrebbe rispettarne la volontà fisica, morale e intellettuale, anche se questo dovesse andare contro gli interessi dello stesso educatore.

Nella scuola dovevano essere applicati i principi degli ideali sociali e umani di chi disapprovava le convenzioni e i pregiudizi della società contemporanea a Ferrer.

Il pensiero di Ferrer era caratterizzato anche da un forte anticlericalismo, dovuto anche alla situazione sociale della Spagna di quel periodo. Per Ferrer la fondazione di scuole libere avrebbe potuto combattere sia la Chiesa e i suoi privilegi che lo Stato e il suo strapotere sui cittadini-sudditi.

Già dalla rivoluzione del 1868 gli strati più evoluti della classe operaia avevano creato delle scuole laiche, tentando così di dare un'istruzione diversa ai propri figli. La Escuela moderna si presentava diversa dalle altre scuole laiche perché aveva un carattere apertamente rivoluzionario, volto ad emancipare i bambini delle classi povere rifiutando qualsiasi principio di autorità sia da parte dello Stato che della Chiesa.

La scuola di Ferrer pubblicava anche dei bollettini ai quali collaborarono personaggi illustri del tempo: il geografo Elisée Reclus, l'astronomo Camille Flammarion, lo scrittore e premio nobel Anatole France, il filosofo Herbert Spencer, il biologo Ernst Haeckel, l'antropologo Pëtr Kropotkin e Lev Tolstoj.

Quando gli chiesero da dove gli fosse venuta l'idea di creare la Escuela Moderna egli rispose: semplicemente dalla scuola della mia infanzia, facendo però esattamente tutto il contrario.

La commemorazione di Ferrer in Italia[modifica | modifica sorgente]

Targa in memoria di Francisco Ferrer nella piazza antistante il municipio di Arcevia, (AN):
NELLA BASTIGLIA DI MONTSUICH
FRANCESCO FERRER
EDUCATORE E PENSATORE
CADDE SOTTO IL PIOMBO DEL RE
E DEI GESUITI DI SPAGNA
COL GUARDO FISSO NEI SECOLI
CHE BENEDIRANNO COL SANGUE
DA UN MERIGGIO RADIOSO
DI VERITÀ E GIUSTIZIA
P. GORI
Francisco Ferrer - 14 set 1914
Questo monumento abbattuto dai fascisti nel 1924 risorge per volontà del popolo
Roccatederighi, 1948

In diverse città italiane sono presenti lapidi in memoria di Ferrer.

  • Una lapide commemorativa è stata collocata nel 1913 nella piazza del villaggio malcantonese di Novaggio[3].
  • Ad Arcevia (AN) viene posta una targa a memoria a firma di Pietro Gori.
  • A Carrara è presente una lapide commemorativa di Francesc Ferrer i Guàrdia. La targa, realizzata in marmo bianco, raffigura in altorilievo il mezzobusto di Ferrer; la lapide si trova nella centralissima Piazza Alberica. Ogni 1° di maggio gli anarchici commemorano la figura di Ferrer deponendo alla base della targa una corona di garofani rossi.
  • A Pisa, in via Pietro Gori, nell'ottobre del 2011, è stata ricollocata una epigrafe, a firma dello stesso Gori, dedicata al sacrificio di Francisco Ferrer, e datata 1910. Essa è collocata sulla facciata del palazzo stante poco prima l'entrata del vecchio "Teatro Redini".

Altre lapidi sono situate nelle piazze principali di:

  • Fabriano (AN),
  • Arcevia (AN)
  • Novi di Modena (MO)
  • Campiglia Marittima (LI).
  • Chiusi (SI) oltre la lapide sul palazzo Comunale ha intitolata anche una via.

Ancora:

  • a Perugia nella attuale Via Cesare Battisti
  • a Brescia in Via del Sebino
  • a Marino, in provincia di Roma, via sono una lapide in corso Vittoria Colonna sulla facciata dell'Istituto d'arte (ex-Scuole) ed una strada a lui intitolata ([4]).
  • Un busto di marmo di Francesco Ferrer, fatto togliere dal Fascismo ma non distrutto e conservato per molti anni seminascosto in uno spogliatoio della scuola elementare del paese e ora, dopo molti anni, nuovamente sul suo vecchio piedistallo, si trova anche a Roccatederighi (GR).
  • a Senigallia (AN) una lapide mel piazzale della Stazione Ferroviaria 8 Via Bonopera 55.
  • a Spoleto (PG) all'inizio di Corso Giuseppe Mazzini, è titolato alla sua memoria Largo Francisco Ferrer.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mateo Morral Roca (Sabadell, Barcellona) 1880 - Torrejón de Ardoz, Madrid, 1906 spagnolo anarchico spagnolo noto per l'attentato a Alfonso XIII e Victoria Eugenia e il 31 maggio 1906, il loro giorno di nozze. Figlio di un commerciante del ramo tessile di Barcellona, colto e parla molte lingue, si avvicina agli ideali anarchici durante un viaggio in Germania. Ritornato in Spagna lascia le aziende della famiglia e collabora con Françisco Ferrer con l'incarico di bibliotecario, nel contempo pubblica brevi lavoeri come "Pensieri di Nicolas Estévanez rivoluzionario", Nicolas Estévanez era l'ex ministro della guerra della prima Repubblica, pubblicato con una prefazione di Federico Urali. Il Re esce illeso, ma muoiono una trentina di persone. Morral fugge da Madrid forse con l'aiuto del giornalista José Nakens, ma il 2 giugno è individuato a Torrejón de Ardoz, dove aveva sostato per mangiare. Viene arrestato senza far resistenza ma portato nel carcere di Torrejón de Ardoz, si suicida. José Nakens, di idee liberali repubblicano sostenitore di Manuel Ruiz Zorrilla giornalista molto noto che nel 1898 è stato il più grande editore della rivista Vida Nueva
  2. ^ Il Biennio rosso a La Spezia: Un tentativo rivoluzionario
  3. ^ G. M. Staffieri. "Novaggio" in Malcantone. Testimonianze culturale nei comuni malcantonesi, Lugano-Agno 1985, 61.
  4. ^ [1]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Francisco Ferrer Guardia, La scuola moderna. Verso un'educazione senza voti né esami, a cura di Antonio Saccoccio, Avanguardia 21, Roma 2014. ISBN 978-88-98298-02-0
  • Codello, Francesco (1995). Educazione e anarchismo. Ferrara: Corso. 1995.
  • Bertolucci, Franco. "La diffusione del mito di Ferrer nella Toscana prefascista (1909-1922)". Rivista Storica dell'Anarchismo, 17 (2002), pp. 35–68.
  • Iurlano, Giuliana (2000). Da Barcellona a Stelton. Ferrer e il movimento delle scuole moderne in Spagna e negli Stati Uniti. Milano: M&B Publishing. ISBN 88-86083-95-5
  • Ferrer Guardia, Francisco. La Scuola Moderna. Milano: M&B Publishing.
  • Ferrer Guardia, Francisco. La Scuola Moderna. Lugano: La Baronata. ISBN 88-88992-00-6
  • Maurizio ANTONIOLI, Andrea DILEMMI, Jorge TORRE SANTOS (a cura di), CONTRO LA CHIESA. I moti pro Ferrer del 1909 in Italia, BFS Edizioni, 2009
  • Francisco Ferrer Guardia, Anselmo Lorenzo Lo sciopero generale Paul Avrich Collection (Library of Congress) Edizione del Risveglio, 1914
  • Tomaso Concordia Il martirio di Francisco Ferrer Tipografia P. Riva, 1947 trattasi di dramma storico sociale in cinque atti e nove quadri
  • Francisco Galceran Ferrer Difesa di Francisco Ferrer Guardia Casa Editrice 'La Controcorrente', 1912.
  • jean Wintsch, Francisco Ferrer Guardia, La scuola Moderna e lo sciopero generale. La scuola Ferrer di losanna 1910-1909. introduzione di Mario Lodi. Ed La Baronata 1980.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 9855615 LCCN: n79040158