François Duquesnoy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

François Duquesnoy (Bruxelles, 12 gennaio 1597Livorno, 18 luglio 1643) è stato uno scultore fiammingo, tra i massimi esponenti del barocco romano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Jérôme Duquesnoy il Vecchio (autore del celebre Manneken Pis), fratello minore di Jérôme il Giovane, si formò presso il padre, scultore di corte dell'arciduca Alberto d'Asburgo, governatore dei Paesi Bassi. Nel 1618 si trasferì a Roma, dove era conosciuto come "François Fiammingo" o come Francesco Fiammingo.

A Roma incominciò a specializzarsi nella produzione di statuette in legno o in avorio presso Carlo Lorenese.

In un secondo tempo ricevette l'aiuto del mecenate Pieter Visscher,[1] e dal 1624 iniziò a frequentare il pittore francese Nicolas Poussin, la cui influenza è evidente nel classicismo delle sue prime opere romane.

Sant'Andrea

Avvicinatosi a Gian Lorenzo Bernini, allora impegnato nei lavori del baldacchino di San Pietro - opera che lo vide collaborare alla decorazione scultorea - papa Urbano VIII nel 1629 gli commissionò la statua di Sant'Andrea (di cui nella basilica si conservava la reliquia della testa) da posizionare in uno dei pilastri che sorreggono la cupola michelangiolesca. Portò a termine l'opera nel 1640: contemporaneamente lavorò a quello che è considerato il suo capolavoro, la Santa Susanna per la chiesa romana di Santa Maria di Loreto.

Altre opere del periodo furono la Tomba di Adriano Vryburch (1629) e la Tomba di Ferdinand van den Eynde (1629-1633), entrambe nella chiesa romana di Santa Maria dell'Anima, e la Tomba di Bernardo Guglielmi, sita invece in San Lorenzo fuori le mura. Quest'ultima tradisce, come altri lavori coevi, l'influenza berniniana.[2]

Nel frattempo, l'artista ricevette numerose commissioni da parte di nobili e cardinali, tra le quali si annoverano un pregevole busto del cardinale Maurizio di Savoia (1635) e un rilievo con Concerto d'angeli ai SS.Apostoli di Napoli.

Morì a Livorno nel 1643, durante il viaggio per raggiungere la Francia dove il cardinale de Richelieu l'aveva nominato scultore di corte; fu sepolto nella chiesa della Madonna.

La sua produziione influenzò la scultura francese, tedesca e olandese del Settecento, e se da una parte rispetto al Bernini rappresentò un'antitesi di gusto purista, dall'altra lo stesso Duquesnoy evidenziò elementi berniniani, rientrando nella corrente accademica barocca.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b "Le Muse", De Agostini, Novara, 1965, Vol. IV, pag.286
  2. ^ J. L. Morales y Marín, Barocco e Rococò, Novara, De Agostini, 1991, p. 162

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mariette Fransolet, Frans Duquesnoy, Bruxelles, 1942

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 71667283 LCCN: nr89003455