Frédéric Beigbeder

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Non mi piace parlare bene di me, preferisco parlare male degli altri »
(F. Beigbeder)
Frédéric Beigbeder a Cracovia, 23 ottobre 2004

Frédéric Beigbeder (Neuilly-sur-Seine, 21 settembre 1965) è uno scrittore, critico letterario, pubblicitario ed editore francese.

Considerato un nichilista ed un provocatore, è noto per la sua capacità di spaccare l'opinione pubblica su vasti temi a partire da spunti autobiografici. Beigbeder ama la critica e la provocazione, ma fondamentalmente è un pessimista edonista (ama la vita sfrenata in quanto convinto dello sfacelo sopraggiungente) non privo di una punta di narcisismo.

Ha scritto numerosi romanzi, per la gran parte di contenuto autobiografico.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Beigbeder nasce da una famiglia piuttosto agiata: sua madre Christine de Chasteigner è traduttrice di romanzi rosa, mentre suo padre Jean-Michel Beigbeder è reclutatore di talenti. Terminati gli studi nei licei Montaigne e Louis-le-Grand, all'età di 24 anni si laurea in scienze politiche all'Institut d'Etudes Politiques di Parigi.

Diventato copywriter in una grande agenzia pubblicitaria, la Young & Rubicam dove rimane cinque anni, Beigbeder collabora anche come critico letterario in alcune riviste come Elle e Paris Match.

Nel 2000, conscio che la pubblicazione gli avrebbe causato il licenziamento, dà alle stampe il romanzo che gli è valsa la celebrità, Lire 26.900 (titolo originale francese: 99 francs), impietosa denuncia del mondo della pubblicità divenuta un caso editoriale con 380.000 esemplari venduti.

Più tardi Beigbeder si lancia nell'avventura televisiva (conduce un programma su "Paris Première" e "Canal+"), ma il tentativo si rivela un fallimento. Tuttavia, nel gennaio 2003, la casa editrice Flammarion propone allo scrittore di cambiare fronte e di diventare editore. Da quel momento ha pubblicato circa 25 libri.

Il suo romanzo Windows on the world, che si ambienta nelle Torri Gemelle di New York durante gli attentati dell'11 settembre, gli è valso il premio Interallié 2003. Il romanzo stesso è in corso di adattamento cinematografico da parte del regista anglo-francese Max Pugh.

Nel 2005 fu, con Alain Decaux i Jean-Pierre Thiollet, uno dei maggiori partecipanti al Salone del Libro di Beirut.

Beigbeder è divorziato ed ha una figlia, Chloë. Dal 2004 al 2007 è stato unito sentimentalmente all'attrice francese Laura Smet.

Nel 2012 ha debuttato come regista, girando L'amore dura tre anni, film basato sul soggetto del suo omonimo romanzo.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • 1990: Mémoires d'un jeune homme dérangé, La Table Ronde
  • 1994: Vacances dans le coma, Grasset
  • 1997: L'amour dure trois ans, Grasset
  • 1999: Nouvelles sous ecstasy, Gallimard
  • 2000: 99 francs (euro 13,89), Grasset
  • 2001: Dernier inventaire avant liquidation, Grasset
  • 2002: Rester normal, Dargaud
  • 2003: Windows on the World, Grasset
  • 2004: Rester normal à Saint-Tropez, Dargaud
  • 2004: Je crois, moi non plus - dialogue entre un évêque et un mécréant, Calmann-Lévy
  • 2005: L'égoïste romantique, Grasset
  • 2007: Au secours pardon, Grasset
  • 2009: Un roman français, Grasset


Opere tradotte in italiano[modifica | modifica sorgente]

  • 2001: Lire 26.900, Feltrinelli
  • 2003: L'amore dura tre anni, Feltrinelli
  • 2004: Windows on the World, Bompiani

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 56649388 LCCN: n94079707