Fox Mulder

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fox Mulder
FBI-FoxMulder.jpg
Universo X-Files
Saga X-Files
Autore Chris Carter
1ª app. in Al di là del tempo e dello spazio
Ultima app. in La verità (seconda parte)
Interpretato da David Duchovny
Voce italiana Gianni Bersanetti
Specie Umana
Sesso Maschile
Data di nascita 13 ottobre 1961
Professione Agente Speciale dell'FBI
Affiliazione FBI
Parenti
  • William Mulder (padre)
  • C.G.B. Spender (padre biologico)
  • Teena Mulder (madre)
  • Samantha Mulder (sorella)
« Voglio crederci »
(Fox Mulder)

Fox William Mulder è un personaggio della serie televisiva X-Files, interpretato da David Duchovny, con la voce italiana di Gianni Bersanetti, allora accreditato come Gianni Ludovisi.[1]

È un agente speciale dell'FBI fermamente convinto dell'esistenza degli extraterrestri e di una cospirazione governativa, finalizzata a nascondere o negare la verità sulla loro esistenza. Assieme alla collega Dana Scully, interpretata da Gillian Anderson, lavora nell'ufficio X-Files dell'FBI, nel quale vengono trattati i cosiddetti "X-Files", casi particolarmente misteriosi, lasciati irrisolti e accantonati dall'FBI. Mulder considera gli X-Files lo scopo principale della vita, e abita solo in un appartamento nei pressi di Washington, D.C.

Background del personaggio[modifica | modifica sorgente]

L'ufficio di Fox Mulder

Fox William Mulder nasce il 13 ottobre del 1961 in Massachusetts, New England da William (Bill) e Teena Mulder. Si scoprirà successivamente che il padre biologico è C.G.B. Spender, cioè l'uomo che fuma. Le sue prime parole, all'età di 11 mesi, sono "JFK" (le iniziali di John Fitzgerald Kennedy). Sua sorella Samantha nasce quando lui ha 4 anni. Mulder e la sua famiglia passano le loro estati in una baita a Quonochontaug, Rhode Island.

Durante la sua infanzia, Fox soffre di incubi in cui sogna di essere l'ultima persona rimasta sulla terra e l'unica cosa che lo riporta alla realtà e che lo convince di non essere solo, è il suono di suo padre che sgranocchia semi di girasole (vizio che prenderà anche lui). Durante la sua infanzia, mentre si arrampica su un albero e si trova faccia a faccia con una mantide religiosa, ebbe un incidente che gli causa un profondo disgusto per gli insetti. Fox sviluppa anche il terrore per il fuoco: questa fobia gli nasce da quando una notte è rimasto a guardia contro i saccheggiatori, della casa del suo miglior amico che era bruciata in un incendio. Da piccolo, amava travestirsi da Spock, personaggio di Star Trek.

La sparizione di Samantha[modifica | modifica sorgente]

La notte del 27 novembre 1973 la sorella di Fox, Samantha, viene rapita dalla propria casa. I genitori non erano in loco perché andati dai vicini e Fox era incaricato di tenerla d'occhio. Fox aveva 12 anni e sua sorella 8: nel momento in cui il fatto accadde, i due fratelli stavano facendo una partita a Stratego e stavano discutendo su quale programma guardare in televisione. Improvvisamente va via la corrente, la casa comincia a tremare una luce accecante irradia la stanza attraverso la porta che si era aperta.

Fox ricorderà di aver visto sua sorella galleggiare nell'aria, sparire attraverso la finestra in una scia di luce accecante. Per molti mesi, Fox distribuisce e attacca volantini per tutto il quartiere. Sviluppa un sentimento di colpa per non aver potuto far niente tanto da portarlo ad aprire la porta della camera di Samantha con gli occhi chiusi, sperando un giorno di riaprirli e di rivederla apparire, come se niente fosse successo. Quando diventa un agente dell'FBI, apre un caso su sua sorella: il file X-40253.

Oxford e FBI[modifica | modifica sorgente]

Fox Mulder frequenta la Oxford University in Inghilterra dal 1983 al 1986. Prende una laurea di primo livello in psicologia ed entra a far parte dell'FBI appena rientrato dall'Inghilterra. Il primo addestramento come agente avviene all'Unità Investigativa di Supporto, dopo una formazione all'accademia dell'FBI a Quantico, con Bill Patterson. Più tardi, Mulder e Scully collaboreranno con lo stesso Patterson in un caso su un Serial Killer e dopo aver dato la caccia a tutti questi mostri, lo stesso Patterson diventa un assassino.

Nel 1988, l'FBI cattura l'imprendibile Serial killer Monty Props, dopo aver seguito il libro scritto da Mulder a Oxford "Serial Killer e Occulto". Nel 1989 viene assegnato alla Sezione Crimini Violenti. In questo periodo entra nella task-force incaricata di catturare John Barnett ed è grazie a un'intuizione di Mulder che questo avviene. Il primo incontro con i Pistoleri Solitari avviene nel 1989, quando lo aiutano nel caso di Suzanne Modeski. Ha diversi alleati al Congresso che lo aiuteranno nel tempo a scovare nuovi segreti sull'esistenza di una razza aliena, tra i quali il Senatore Richard Matheson.

Gli X-Files[modifica | modifica sorgente]

Mulder scopre gli X-Files nel 1990, cercando tutto quello che era stato scoperto dall'FBI riguardo al paranormale, l'occulto e i rapimenti alieni. Nel 1993, gli viene assegnato come collega l'Agente Dana Scully. Lavorano insieme per sette anni su tutti i casi, cercando di scoprire la grande cospirazione riguardo al Sindacato e agli extra-terrestri. Scully, pur essendo stata assegnata a Mulder per tenerlo d'occhio, nel corso degli anni sviluppa per lui una fiducia tale da diventarne una grande amica ed una fidata alleata. Durante la loro collaborazione, Mulder e Scully si avvicinano un passo alla volta alla grande macchinazione riguardo agli alieni, che secondo le loro indagini vogliono colonizzare la terra. La data fissata per questa colonizzazione è il 2012. Durante questi anni, Mulder viene avvicinato da un informatore che si fa chiamare Gola Profonda (come l'informatore dello scandalo Watergate del 1972) che gli rivela segreti e varie informazioni.

Gola Profonda verrà poi ucciso su ordine dell'Uomo che fuma, durante un tentativo per salvare Mulder. Alla fine della Stagione 1, gli X-Files vengono chiusi e Mulder viene assegnato alla sezione di sorveglianza. L'Agente Scully intanto sparisce perché consegnata agli alieni dai membri della cospirazione aliena (l'Uomo che fuma) e viene assegnato a Mulder un nuovo collega, Alex Krycek. Quest'ultimo cerca di guadagnarsi la fiducia di Mulder dicendogli che ammira molto il suo lavoro, ma in realtà lo spia per conto dell'Uomo che fuma. Sarà il vicedirettore dell'FBI, Walter Skinner (anche lui grande alleato di Mulder), che dopo i risvolti dovuti alla sparizione di Scully riaprirà di sua volontà gli X-Files.

Vari sviluppi[modifica | modifica sorgente]

Durante la seconda stagione, Mulder entra in possesso di un documento del Dipartimento della Difesa, trascritto in lingua Navajo. Dopo averlo fatto tradurre, viene a scoprire che si tratta di un'operazione governativa in atto già da 50 anni. Dai piani alti cercano di screditarlo, alterandogli l'acqua del suo stabile con una sostanza che lo rende sempre più violento. In queste circostanze scopre che suo padre ha qualcosa a che fare col documento Navajo, e per questo Bill viene assassinato da Krycek per ordine del Consorzio, prima che possa svelare a Mulder quello che sa.

Oltretutto, Mulder diventa il principale sospettato. Intanto Scully viene ritrovata e Mulder si reca in Nuovo Messico per avere ulteriore conferma della validità del documento. Viene seguito dall'uomo che fuma che cerca di ucciderlo, ma alcuni Navajo della riserva lo salvano e Mulder recupera le forze dopo una lunga convalescenza. Tornato a Washington D.C., chiede aiuto ai Pistoleri Solitari, dato che è entrato in possesso di una foto, risalente agli anni Settanta, che ritrae suo padre con un gruppo di uomini, tra cui l'Uomo che fuma.

Scheda del personaggio[modifica | modifica sorgente]

  • Nome completo: Fox William Mulder
  • Data di nascita: 13 ottobre 1961
  • Peso: 77 kg
  • Altezza: 1,83
  • Capelli: castani
  • Occhi: verdi
  • Numero del distintivo dell'FBI: JTT047101111
  • Arma utilizzata: Smith and Wesson 1056 9 mm
  • Gruppo sanguigno: 0 negativo
  • Indirizzo: 2630 Hegal Place, appartamento 42, Alexandria, Virginia (USA)
  • Telefono: (202) 555-9355
  • E-mail all'FBI: F_Mulder@FBI.gov (non attivo)
  • Password utilizzata: Trustno1
  • Pseudonimi utilizzati: M.F. Luder, George Hale, Reynard Muldrake, Marty Mulder, Mr. Kaplan, Dolmer.

Informatori di Fox Mulder[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Il suo soprannome, affibbiatogli in maniera dispregiativa dagli altri colleghi, è "Spooky" (spettrale).
  • Uno dei suoi pseudonimi è George Hale, un astronomo americano.
  • La sua bevanda preferita è il tè freddo.
  • Segue uno stile di vita salutista e si dedica al jogging tutte le sere.
  • Nonostante gli anni di collaborazione, lui e Scully si chiamano sempre per cognome.
  • Possiede una memoria fotografica.
  • È daltonico.
  • In un episodio ambientato nel 1990, intitolato Travelers, lo si è visto fumare una sigaretta. Inoltre è visibile una fede nuziale al suo anulare sinistro.
  • Il creatore di X-Files, Chris Carter, diede al personaggio il cognome da nubile di sua madre; il nome invece deriva da un suo amico d'infanzia.
  • Comunica di voler incontrare i suoi informatori, mettendo due strisce di scotch a formare una X sulla finestra del suo appartamento che da sulla strada.
  • Possiede una discreta collezione di film e riviste hard.
  • Possiede un acquario.
  • Dorme sempre sul divano fino a quando, nel doppio episodio Dreamland (Area 51), l'uomo che prende il suo posto libera la sua camera da letto da tutti gli scatoloni e la arreda con mobili ed un letto con materasso ad acqua.
  • Tifa per la squadra di football Washington Redskins.
  • Nel suo ufficio, sopra la scrivania si notano matite conficcate nel soffitto.
  • Nel primo capitolo del gioco di spionaggio Tom Clancy's Splinter Cell, quando ci si introduce negli uffici della CIA, c'è un ufficio particolare: si chiama "UFO" e se si usa il computer si verrà in possesso di una nota cifrata inviata a un certo "F.M.FBI", Fox Mulder FBI.

Lista Episodi[modifica | modifica sorgente]

Fox Mulder è presente nei seguenti episodi:

  • Prima Stagione
    • Tutti gli episodi
  • Seconda Stagione
    • Tutti gli episodi
  • Terza Stagione
    • Tutti gli episodi
  • Quarta Stagione
  • Quinta Stagione
    • Tutti gli episodi
  • X-Files - Il film
  • Sesta Stagione
    • Tutti gli episodi
  • Settima Stagione
    • Tutti gli episodi

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il mondo dei doppiatori: La pagina di Gianni Bersanetti (Ludovisi). URL consultato il 4 settembre 2007.