Fotografia aerea con i piccioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un piccione fotografo.

La fotografia aerea con i piccioni è una tecnica fotografica inventata dal farmacista tedesco Julius Neubronner nei primi anni del XX secolo.

L'idea nacque dall'intenzione di seguire i tragitti compiuti dai pennuti, munendoli di un apparecchio fotografico di peso ridotto.

In seguito al brevetto del 1908 e ad alcuni perfezionamenti, l'idea venne utilizzata in entrambe le guerre mondiali per operazioni di ricognizione fotografica.

L'invenzione di Neubronner[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Julius Neubronner.
Neubronner unisce due sue passioni: quella per la fotografia e quella per i piccioni.

Julius Neubronner fu il farmacista della città tedesca di Kronberg. Fin dal 1903 il piccione fu per lui un volatile molto prezioso, in quanto utilizzato per il trasporto di medicinali e medicazioni di peso poco superiore ai 75 grammi. Durante i viaggi da una città all'altra capitò che un piccione si smarrisse, a causa della fitta nebbia. Quando quattro settimane dopo tornò a Kronberg in forma e ben nutrito, al dottore nacque la curiosità di conoscere il tragitto intrapreso dal volatile.

Decise quindi di munire dei volatili di un apparecchio fotografico di dimensione e peso ridotti, unendo la sua passione per la fotografia, con quella per i piccioni. Fu lui stesso a progettare e costruire i primi prototipi di fotocamere di peso compreso tra i 30 e i 75 grammi, adattabili al petto del piccione tramite un'imbragatura.[1] Dopo un accurato addestramento dei volatili,[2] il farmacista sperimentò la tecnica liberandoli in un luogo distante circa 60 Km da casa.[3] I piccioni percorrevano la rotta prestabilita per il ritorno ad un'altezza compresa tra i 50 e i 100 metri dal suolo[4] e a distanza di tempi prestabiliti, il timer di autoscatto provvedeva alla registrazione fotografica.

Nel 1908, dopo un primo rifiuto da parte dell'ufficio brevetti per la stranezza dell'invenzione, Neubronner riuscì ad ottenere il brevetto per la fotografia aerea con piccioni.[5]

Collage di alcune fotografie scattate da un piccione fotografo:
  • A destra: i tre piccioni "assunti" per scattare alcune foto su Kronberg.
  • In alto a sinistra: lo Schloss Friedrichshof (si notino le ali del volatile ai lati della foto).
  • A sinistra e al centro: Francoforte.

La tecnica iniziò a divenire conosciuta l'anno successivo, quando i piccioni fotografi si esibirono presso la Mostra fotografica internazionale di Dresda.[6] L'inventore ebbe infatti l'occasione di presentare agli spettatori dimostrazioni pratiche in volo e vendere pubblicamente delle cartoline, raffiguranti fotografie aeree ricavate in fase sperimentale.[7][8]

Giornali del Novecento annunciavano così l'invenzione della fotografia tramite piccioni:[9]

(EN)
« Carrier Pigeons Take Aerial Photos With New Camera
It is no longer necessary to send planes over enemy lines to get photos of troop operations - carrier pigeons have now been pressed into service for this hazardous task.
 »
(IT)
« Piccioni Viaggiatori Scattano Fotografie Aeree Con La Nuova Macchina Fotografica
Non è più necessario inviare aerei oltre le linee nemiche per scattare fotografie raffiguranti le operazioni delle truppe - i piccioni viaggiatori sono stati assunti per questo compito pericoloso.
 »
Il brevetto che descrive l'invenzione di Julius Neubronnen

Le foto di Neubronner ricevettero diversi premi nell'esibizione e dal salone internazionale dell'aeronautica e dello spazio di Parigi-Le Bourget.[10] Tra le varie fotografie, la foto di un piccione sopra Schloss Friedrichshof rimane tutt'oggi la più celebre, grazie alla presenza accidentale delle ali del volatile all'estremità della stessa. Nel 1929 venne perfino inserita in un cinegiornale senza alcuna citazione verso l'autore, pertanto ne conseguì una violazione del copyright.[11]

Nello stesso anno Neubronner pubblicò un libro dove descrisse i seguenti apparecchi fotografici da lui utilizzati:

  • Una fotocamera dotata di due obbiettivi di lunghezza focale pari a 40 mm; Il primo era diretto verso l'alto, mentre l'altro verso il basso. L'apparecchio, munito di un singolo piano focale, era capace di produrre due lastre fotografiche contemporaneamente.
  • Una fotocamera stereoscopica simile alla precedente, ma con entrambi gli obbiettivi puntati nella stessa direzione.
  • Un prototipo in grado di trasportare film e di scattare più istantanee consecutive.
  • Una fotocamera simile ad una reflex dalla lunghezza focale pari a 85 mm.
  • Una fotocamera di peso inferiore a 40 grammi. Neubronner si sarebbe basato su questo apparecchio per realizzare la Doppel-Sport creata nel 1912, la quale era dotata di un timer che registrava il tempo tra i vari scatti ed era in grado di produrre immagini panoramiche in formato 3 x 8 cm.

Nel 1920, dopo 10 anni di creazione e sperimentazione da parte del farmacista, l'invenzione si trovava su varie enciclopedie e incominciava a prendere piede nel campo bellico.[5] Più tardi gran parte del materiale sperimentale verrà esposto al Deutsches Technikmuseum Berlin[12] ed al Deutsches Museum.[13]

Prima guerra mondiale[modifica | modifica sorgente]

Una colombaia militare utilizzata per il trasporto dei piccioni.

Precedentemente alla prima guerra mondiale, il campo della ricognizione fotografica militare subì importanti evoluzioni, che portarono alla sostituzione di apparecchi volanti primitivi come razzi, aquiloni e palloni, con aeromobili progettati per gli specifici compiti ricognitivi. Malgrado ciò, il piccione presentava diversi vantaggi rispetto alle nuove tecnologie. Di fatti poteva volare a velocità e quota inferiore senza mettere a rischio vite umane, producendo foto più dettagliate e rimanendo indifferente verso le esplosioni di ordigni.[5]

Basandosi su questi motivi, Neubronner tentò di vendere la sua invenzione allo stato tedesco. Furono diverse le prove che i piccioni dovettero superare per l'arruolamento, tra cui la ricognizione fotografica dell'impianto idrico del quartiere di Tegel e della città un tempo tedesca di Strasburgo.

Contemporaneamente alla fase sperimentale scoppiò la prima guerra mondiale ed i volatili vennero mandati a svolgere diverse missioni ottenendo dei buoni risultati.[14] Tra quelle compiute con maggior successo si ricordano la battaglia di Verdun e quella della Somme.[5]

Fotografia rappresentante un piccione fotografo, con l'apposita attrezzatura appesa al collo. Quest'ultima può essere regolata in modo che scatti fotografie in tempi predeterminati o in luoghi specifici.[15]

Durante i conflitti, i piccioni venivano trasportati da un luogo all'altro tramite delle colombaie mobili, nelle quali venivano allevati da principio e vivevano quotidianamente. In questo modo si evitavano problemi di disorientamento dovuti allo spostamento da una colombaia fissa ad una mobile.[16]

Tuttavia il loro utilizzo non fu molto frequente e forse per lo stesso motivo il ministro della guerra tedesco, al termine dei conflitti, negò la possibilità di riutilizzare i volatili in campo bellico nel futuro.[11]

Seconda guerra mondiale[modifica | modifica sorgente]

Un giocattolo tedesco in cui un soldato è raffigurato nell'atto di rilasciare un piccione fotografo.

Nel 1932, contro le decisioni precedentemente prese, l'esercito tedesco continuò gli addestramenti dei piccioni.[17][18] Furono numerose le evoluzioni che si apportarono alla tecnica militare.

In primo piano, vennero addestrati dei cani per il trasporto dei pennuti.[19] La Francia creò e adattò al petto dei volatili delle cineprese leggere, le quali vennero nel tempo perfezionate dall'orologiaio di Schmiedrued Christian Adrian Michel, che le adattò a sua volta al formato cinematografico 16 millimetri brevettando il tutto nel 1937.[20][21] Lo stesso progettista tentò di vendere l'invenzione del peso di 70 grammi allo stato svizzero nel periodo precedente al secondo conflitto mondiale, ma non trovò fortuna.[22]

Pertanto i piccioni combatterono anche la seconda guerra a favore del fronte tedesco, non è chiaro se lo fecero in qualità di fotografi o se svolsero altre mansioni.

A testimonianza dell'evoluzione della tecnica in questo periodo, il Musée suisse de l'appareil photographique di Vevey conserva oltre un migliaio di scatti sperimentali, svolti dall'orologiaio svizzero.[22]

Al termine dei conflitti i piccioni divennero ancor più conosciuti, al punto da essere stati riprodotti sotto forma di giocattoli dall'azienda tedesca Elastolin.[23]

Il periodo successivo alla seconda guerra mondiale[modifica | modifica sorgente]

La fotocamera sviluppata ed utilizzata dalla CIA.

Nel periodo postbellico l'invenzione di Neubronner continuò, seppure con minor successo, a prestarsi per servizi minori.

La CIA fu interessata per fini di spionaggio all'utilizzo dei piccioni. Creò pertanto una fotocamera alimentata a pile che prestò servizio per l'agenzia americana durante gli anni settanta.[24][25] Secondo alcune fonti anche gli eserciti svizzero e francese adoperarono la tecnica per lo stesso fine.[26]

Il fotografo Febo de Vries-Baumann utilizzò i pennuti per fotografare alcune strade di Basilea.

Nel 2002 Amos Latteier, residente nella città di Portland (Oregon), sviluppò una fotocamera con l'Advanced Photo System, che fece utilizzare ai suoi piccioni per fotografare la città.[27]

L'utilizzo della tecnica andò col tempo a sparire, ma rimasero dei riferimenti in numerose opere letterarie e cinematografiche, in particolare si ricorda un adattamento della famosa fiaba La bella addormentata.[28]

Inoltre la tecnica venne adattata ad aquile, falchi ed astori, per produrre alcuni cortometraggi.[29][30]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Neubronner, 1910, p. 77-96.
  2. ^ Neubronner, 1908, p. 814-818.
  3. ^ AA. VV., 1908, p. 485-487.
  4. ^ Feldhaus, p. 544-553.
  5. ^ a b c d Neubronner, 1920, p. 23-31.
  6. ^ (FR) Les pigeons photographes (Berlino), Le Matin, 12 giugno 1909.
  7. ^ Bruhn, p. 58-63.
  8. ^ (EN) History of Aerial Photography, PAPA International. (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2011). .
  9. ^ (EN) Carrier Pigeons Take Aerial Photos With New Camera, Uncovered!, 1932.
  10. ^ Wittenburg, p. 16-22.
  11. ^ a b Brons, p. 17-36.
  12. ^ (DE) Faszination des Augenblicks: Eine Technikgeschichte der Fotografie (in PDF), 2007.
  13. ^ (EN) Foto + Film: From Daguerre to the DVD, Deutsches Museum, 2007. (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2011). .
  14. ^ The Pigeon Spy and His Work in War in Popular Science, vol. 88, Bonnier Corporation, 1916, pp. pag. 30-31.
  15. ^ Di seguito la didascalia applicata sull'immagine dall'istituzione tedesca Bundesarchiv:
    « Zentralbild Brieftaubenfotografie, Fotografie mit Hilfe eines kleinen fotografischen Apparates, der an einem der Taube umgehängten Brustschild befestigt wird. Der Verschluß des Apparates läßt sich so einstellen, das die Aufnahmen während des Fluges zu vorher bestimmten Zeiten erfolgen »
  16. ^ AA. VV., 1898, p. 380-402.
  17. ^ (EN) Carrier pigeons take photos automatically in Popular Mechanics, vol. 57, 1932, pp. pag. 216.
  18. ^ (EN) Carrier pigeons with cameras, The Canberra Times, 13 aprile 1932.
  19. ^ (EN) Pigeons carry cameras to spy for Nazi army, vol. 33, Popular Mechanics, settembre 1942.
  20. ^ (FR) Le pigeon espion in Lectures pour tous, vol. 55, febbraio 1932.
  21. ^ (DE) Photographieapparat mit schwenkbarem, mit selbsttätiger Auslösung versehenem Objektiv, insbesondere für Brieftauben., Espacenet, 1º dicembre 1937.
  22. ^ a b (FR) Des pigeons photographes? (in PDF), Musée suisse de l'appareil photographique, 2007. (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  23. ^ (DE) Ernst Schnug, Die Fototaube in Figuren-Magazin, vol. 1, pp. pag. 17-19.
  24. ^ (EN) CIA Museum virtual tour, Central Intelligence Agency. (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2011).
  25. ^ (EN) Ted Bridis, CIA gadgets: robot fish, pigeon camera, jungle microphones, USA Today, 26 dicembre 2003. (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2011.).
  26. ^ I piccioni fotografi di Neubronner, Baionette Librarie, 7 gennaio 2012. .
  27. ^ (EN) Amos Latteier, A report on pigeon aerial photography (in PDF). (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2011).
  28. ^ (DE) Goldener Spatz 2009 (Katalog), Deutsche Kindermedienstiftung Goldener Spatz, pp. p. 78.
  29. ^  (EN) Airborne, a 06:14. BBC One.
  30. ^ (EN) Caught on CatCam: What moggies get up to is no longer a mystery, MailOnline.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Riproduzione di un piccione fotografo in volo sita nello nello Stadtmuseum di Kronberg.

Bibliografia di riferimento[modifica | modifica sorgente]

  • (FR) AA. VV., Revue des deux mondes, vol. 146, Au Bureau de la Revue des deux mondes, 1898. (ISBN non esistente).
  • AA. VV., Technical world magazine, vol. 10, Technical World Co., 1908. (ISBN non esistente).
  • (DE) A. Hildebrandt, Die Luftschiffahrt, Monaco di Baviera. (ISBN non esistente).
  • (FR) Etat-Major Des Armées, France, Revue militarie de l'étranger, vol. 30, R. Chapelot & Cie, 1886. (ISBN non esistente).
  • (DE) Franz Maria Feldhaus, Ruhmesblätter Der Technik Von Den Urerfindungen Bis Zur Gegenwart, Lipsia. ISBN 1-143-54266-5.
  • (DE) Franziska Brons, Bilder im Fluge: Julius Neubronners Brieftaubenfotografie, vol. 26. (ISBN non esistente).
  • (DE) Jan Peter Wittenburg, Photographie aus der Vogelschau: zur Geschichte der Brieftaubenkamera in Photo deal, vol. 4, 2007.
  • (EN) John Hannavy, Aerial photography in Encyclopedia of Nineteenth-century Photography. ISBN 978-0-415-97235-2.
  • (DE) Julius Neubronner, 55 Jahre Liebhaberphotograph: Erinnerungen mitgeteilt bei Gelegenheit des fünfzehnjährigen Bestehens der Fabrik für Trockenklebematerial, Francoforte sul Meno, 1920. (ISBN non esistente).
  • (DE) Julius Neubronner, Die Brieftaube als Photograph in Die Umschau, vol. 12, 1908. (ISBN non esistente).
  • (DE) Julius Neubronner, Die Photographie mit Brieftauben, J. Springer, 1910. (ISBN non esistente).
  • (DE) Matthias Bruhn, Horst Bredekamp, Bilder ohne Betrachter, Akademie Verlag, 2007. ISBN 3-05-004286-9.
  • (EN) Maxwell Eden, The Magnificent Book of Kites, Sterling Publishing Company, 2002. ISBN 1-4027-0094-6.
  • (FR) Prudent René Patrice Dagron, La poste par pigeons voyageurs, souvenir du siége de Paris, spécimen identique d'une des pellicules de dépèches portées à Paris par pigeons voyageurs, 1ª ed., Parigi, Typographie Lahure, 1871. (ISBN non esistente).

Bibliografia di approfondimento[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Friedrich Wilhelm Oelze, Brieftaubensport und Brieftaubenphotographie, Grethlein, 1910. (ISBN non esistente).
  • (DE) Heinz Äschlimann, Die Entstehung des Bildes mit einer Brieftauben-Panoramakamera, 2008. (ISBN non esistente).
  • (DE) Julius Neubronner, Die Brieftaubenphotographie und ihre Bedeutung für die Kriegskunst, als Doppelsport, für die Wissenschaft und im Dienste der Presse. Nebst einem Anhang: 'Die Kritik des Auslandes, Dresda. (ISBN non esistente).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) How To Pigeon - blog di "Pigeon Guy", il quale adotta la tecnica dei piccioni fotografi
Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 12 agosto 2012vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Criteri di ammissione  ·  Segnalazioni  ·  Voci di qualità in altre lingue