Fossa infratemporale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fossa infratemporale
Anatomia del Gray subject #46 184
Dorlands/Elsevier f_14

La fossa infratemporale conosciuta anche come fossa zigomatica è quello spazio posto nella parete laterale della faccia, posteriormente alla mascella e situato inferiormente e medialmente all'arcata zigomatica. Appare come la diretta continuazione verso il basso della fossa temporale.

Visione della fossa infratemporale

Limiti[modifica | modifica sorgente]

In alto è delimitata dalla grande ala dello sfenoide, posta medialmente al processo pterigoideo, e dalla fossa temporale da cui è delimitata idealmente dalla cresta infratemporale dell'osso sfenoide. Lateralmente dal ramo della mandibola, medialmente dalla lamina laterale del processo pterigoideo, in avanti dalla tuberosità mascellare. Posteriormente e inferiormente non vi sono pareti ossee ma la parotide e le strutture del collo.

Comunicazioni[modifica | modifica sorgente]

La fossa infratemporale comunica con:

Contenuto[modifica | modifica sorgente]

Regioni e strutture adiacenti[modifica | modifica sorgente]

Vasi[modifica | modifica sorgente]

Nervi[modifica | modifica sorgente]

La componente nervosa è costituita essenzialmente dalla branca mandibolare del trigemino (con fibre somatiche motrici e sensitive), che entra nella regione attraverso il foro ovale e dal ganglio otico.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Luciano Fonzi, Anatomia Funzionale e Clinica dello Splancnocranio, Ed. Edi Ermes, ISBN 88-7051-238-x