Fortunella (film 1958)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fortunella
Titolo originale Fortunella
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, Francia
Anno 1958
Durata 100 min
Colore B/N
Audio mono
Genere commedia
Regia Eduardo De Filippo
Sceneggiatura Eduardo De Filippo, Federico Fellini, Ennio Flaiano, Tullio Pinelli
Produttore Dino De Laurentiis
Casa di produzione Dino De Laurentiis Cinematografica
Distribuzione (Italia) RKO (1958)
Fotografia Aldo Tonti
Montaggio Leo Catozzo
Musiche Nino Rota
Scenografia Mario Chiari
Costumi Maria De Matteis
Interpreti e personaggi

Fortunella è un film del 1958 diretto da Eduardo De Filippo.


Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film prodotto da De Laurentiis, affidato alla regia di Eduardo De Filippo, fu girato negli studi De Laurentiis alla Vasca Navale di Roma. Nella colonna sonora musicale del film, riscritta da Nino Rota,

☀lo elabora a partire da una sua composizione per banda, già edita molti anni prima e passata quasi inosservata. il tema di Fortunella è esattamente lo stesso che il compositore usò successivamente, ma con un ritmo più lento rispetto alla versione originale, come tema principale per la musica del celebre film Il padrino di Francis Ford Coppola.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La critica[modifica | modifica wikitesto]

  • Morando Morandini, nelle pagine della La Notte, di Milano del 15 marzo 1958 « È un film felliniano senza Fellini. La sceneggiatura è firmata da i tre autori che hanno realizzato I vitelloni, La strada, Il bidone, Le notti di Cabiria, Fellini, Flajano e Pinelli. La musica è di Nino Rota, che qui arriva al punto di plagiare se stesso, la fotogradia è di Tonti, C'è intorno alla Masina un gruppo di attori caro a Fellini, Sordi, Silvani, la Marzi. E Fortunella è un personaggio che discende direttamente da Gelsomina e Cabiria. Dei film felliniani c'è tutto il Barocchismo, il pittoresco, la solitudine, l'incomunicabilità tra gli uomini, l'anarchismo liberatorio. Se si aggiunge che la maggior parte della pellicola si svolge di notte, con una compagnia dei guitti il quadro è completo. La Masina lotta con il suo personaggio tentando faticosamente di dargli un'anima riuscendoci solo a tratti. Sordi, quasi inedito che disegna con un'intensità potente un personaggio da solidezza levantina...»

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema