Forte Santa Caterina (Verona)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Forte Santa Caterina
Werk Hess
Fortificazioni austriache
Vista del forte
Vista del forte
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Ubicazione
Stato Austria-Ungheria Austria-Ungheria
Stato attuale Italia Italia
Regione Flag of Veneto.svg Veneto
Città Verona Verona Verona
Coordinate 45°25′20.65″N 11°00′34.87″E / 45.422403°N 11.009686°E45.422403; 11.009686Coordinate: 45°25′20.65″N 11°00′34.87″E / 45.422403°N 11.009686°E45.422403; 11.009686
Informazioni generali
Tipo Forte
Utilizzatore Austria-Ungheria
Primo proprietario Esercito austro-ungarico
Stile stile neoclassico
Inizio costruzione 1850
Termine costruzione 1852
Armamento 2 cannoni da 9,5 cm

29 cannoni

2 mortai da 24 cm
Altezza 60 m s.l.m.
Presidio 525 fanti
100 artiglieri

[senza fonte]

voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Forte Santa Caterina, originariamente chiamato Werk Hess, è un forte austriaco di Verona, progettato dal maggiore Conrad Petrasch, direttore della Genie Direction di Verona. Il forte è stato costruito tra il 1850 ed il 1852. La sua denominazione iniziale deriva dalla cappella dedicata alla santa senese (Santa Caterina), preesistente presso l'antica strada che dal cinquecentesco Lazzaretto di San Pancrazio conduceva a Porta Nuova, venne poi ufficialmente intitolato al barone Heinrich von Hess (1788-1870), generale d'artiglieria, Capo di Stato Maggiore nell'armata di Radetzky e sottoscrittore dell'Armistizio di Salasco.

Nel quadro del paesaggio veronese, per il suo inserimento naturalistico e ambientale, il forte di Santa Caterina era ed è un'architettura di notevole bellezza. Si imponeva come caposaldo architettonico e prospettico della città fortificata per la sua posizione dominante, adattata con sapienza e calcolo al ciglione naturale, agganciata al corso dell'Adige, in relazione visiva con i forti collaterali, la cinta magistrale e i più remoti forti collinari, sulla riva opposta, a settentrione.

Architettura[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di un grande forte a tracciato poligonale, con ridotto centrale e ridotto di gola. Impianto simmetrico a lunetta con fianchi divergenti verso il fronte principale, dotati di spalle arrotondate verso il fronte di gola, perfettamente rettilineo.

Posizione[modifica | modifica sorgente]

Il forte, situato presso la riva fluviale, concludeva il primo campo trincerato a destra d'Adige, a oriente. Faceva sistema, sulla destra, con il forte Porta Nuova e con la torre Tombetta, sulla riva sinistra con il forte San Michele. Tuttavia era prevalentemente concepito come caposaldo autosufficiente, in posizione dominante sul ciglione di Santa Caterina, il cui terrazzamento chiudeva verso sud-ovest la grande ansa fluviale di San Pancrazio. La principale funzione del forte, già stabilita da Scholl, consisteva nella difesa indiretta del ciglione di Santa Lucia-San Massimo. Era infatti ordinato come testa di ponte offensiva per le sortite operate da unità di combattimento, predisposte sulla riva sinistra, e condotte attraverso il ponte da guerra, sulla riva destra, sotto la protezione del forte. Radunati nel grande trinceramento annesso al fronte di gola, a formare una piazza d'armi tra il forte e la riva dell'Adige, i reparti, non visti sino a quel momento, avrebbero intrapreso sortite offensive contro il fianco del nemico, diretto verso il rideau di Santa Lucia. Le sue artiglierie esercitavano un esteso dominio sulla campagna circostante. Sulle opposte rive battevano il Campo del Matto (Basso Acquar), il Campo Marzo, il ponte della ferrovia, i dintorni di Tombetta, Tomba, Palazzina, le strade per Legnago e Zevio; con le artiglierie del fronte di gola batteva l'ansa di San Pancrazio, la scarpata del ciglione di Santa Caterina, e le opposte bassure di sinistra d'Adige, verso la stazione di Porta Vescovo. Anche dopo la costruzione della linea avanzata del secondo campo trincerato, il forte mantenne una speciale importanza difensiva, rispetto alla doppia ansa fluviale di Campo Marzo-San Pancrazio.

Progettazione[modifica | modifica sorgente]

Dal complesso progetto di Franz von Scholl per i tre forti della grandiosa testa di ponte di Santa Caterina, elaborato negli anni 1834-1838, Johann von Hlavaty dedusse il progetto più economico per un singolo grande forte, nel quale erano riassunti i compiti funzionali e le disposizioni architettoniche del disegno originario. Il progetto di Hlavaty viene poi realizzato negli anni 1850-1852, sotto la direzione di Conrad Petrasch, in quegli stessi anni progettista del celebre arsenale d'artiglieria della Campagnola e del forte Chievo. Il forte Santa Caterina era una complessa macchina, accuratamente studiata nell'aspetto tattico, realizzata con maestose forme architettoniche. Nel suo insieme la disposizione del forte rispondeva al criterio della compartimentazione dell'opera, a settori isolabili, per la sicurezza e la difesa progressiva.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Fotografia ottocentesca del forte Santa Caterina

Il forte era diviso al suo interno in quattro parti, separate da fossati asciutti di sicurezza. Si distinguono: l'opera principale di combattimento formata dal terrapieno con le postazioni d'artiglieria e dal piazzale interno, i due orecchioni di fianco, il ridotto. Dal fronte di gola, rivolto verso l'Adige, si accedeva al forte attraverso quattro portali bugnati, ad arco, con ponte levatoio. I due portali più interni comunicavano con la grande corte del ridotto casamattato, composto di due parti. Verso il centro dell'opera è collocato il ridotto principale, su impianto arcuato, derivato per estensione dalla torre circolare per artiglieria con corte centrale. Si eleva su un solo piano, con copertura terrapienata, ordinata per l'artiglieria a cielo aperto. Alle postazioni si accedeva, dal cortile, per mezzo di una lunga rampa mediana, retta da archi. Anche il piano terra, oltre ai ricoveri per la guarnigione e a due polveriere, era ordinato per l'artiglieria in casamatta. Le opposte testate del ridotto erano collegate da corpi rettilinei minori al fronte di gola, nel mezzo del quale si protendeva all'esterno il ridotto secondario, o ridotto di gola. Anch'esso si eleva su un solo piano, con copertura terrapienata; conteneva i ricoveri per la guarnigione, una polveriera, ed era ordinato per le artiglierie in casamatta. Dalla corte del ridotto, attraverso portali e ponti levatoi, si passava alle due corti laterali, direttamente accessibili anche dall'esterno attraverso gli altri due portali, con ponte levatoio, inseriti nel fronte di gola.

Dalle corti laterali si accedeva alle corti degli orecchioni, ulteriormente separate dal muro di sicurezza a feritoie. Anche gli orecchioni, concepiti come estensioni del ridotto e come caponiere, si elevano su un solo piano, con duplice ordine di fuoco: sulla copertura terrapienata, per fucilieri e artiglierie occasionali; nelle casematte, al piano terra, per le artiglierie di fiancheggiamento, ossia di difesa ravvicinata. Nei locali voltati, oltre ai ricoveri per la guarnigione era prevista la polveriera.

Usciti dalle corti laterali, ancora attraverso portali e ponti levatoi, si supera il grande fossato, anteposto al ridotto principale, che divide il forte interrompendo, sui fianchi, anche il terrapieno. Si accede al vasto piazzale interno avviluppato dall'opera principale di combattimento: il terrapieno con le postazioni di artiglieria. Al livello delle postazioni di combattimento, la continuità tra terrapieno e orecchioni era assicurata da ponti di legno, rimovibili, posti sul fossato divisorio interno.

Sul saliente centrale sporgeva la caponiera casamattata per il fiancheggiamento del fosso esterno, provvista di cannoniere e feritoie per fucilieri. Vi si accedeva dalla poterna mediana alla quale erano annesse polveriere e due rami di gallerie per fucilieri, destinate a integrare l'azione della caponiera dalle facce del saliente retrostante.

La vastità dell'opera, e il suo numeroso presidio, richiedevano adeguate riserve d'acqua. In diverse posizioni erano collocati cinque pozzi: sotto la rampa del ridotto principale, un pozzo a doppia canna; due pozzi nelle corti degli orecchioni; due pozzi nel piazzale interno, in prossimità del terrapieno.

L'opera era completata dal fossato asciutto perimetrale, nel quale domina l'alto muro di scarpa, che riveste il terrapieno. La controscarpa del fossato è di terra a pendenza naturale; muri di rivestimento sono inseriti solo in corrispondenza della caponiera e degli orecchioni. Sul fronte principale, e sui fianchi dell'opera, lo spalto raccorda discendendo il ciglio della controscarpa al piano naturale di campagna.

All'esterno del fronte di gola, due linee trincerate campali, di sola terra, delimitavano la vastissima piazza d'armi per la raccolta delle unità di combattimento, provenienti dalla riva sinistra. Le sortite controffensive potevano essere condotte attraverso due varchi laterali del trinceramento, oppure dal fosso del forte, risalendo le rampe predisposte davanti agli orecchioni. Il Forte Santa Caterina era l'opera più complessa e grandiosa tra le molte edificate nel famoso Quadrilatero. La sua architettura riassume la tecnica e l'arte fortificatoria di Franz von Scholl. Nelle parti ancora conservate risalta la qualità del taglio della pietra, particolarmente nei paramenti di tufo a opus poligonale, che rivestono le sue potenti strutture. Paramenti rustici, con apparecchio a corsi di ciottoli reclinati, secondo la tradizione costruttiva scaligera, rivestono i muri di controscarpa della caponiera e degli orecchioni.

Armamento[modifica | modifica sorgente]

  • 2 cannoni da 9,5 cm ad avancarica con anima rigata
  • 29 cannoni ad avancarica con anima liscia
  • 2 mortai da 24 cm

Riserve di munizioni: 520 barili di polvere da 112 kg

Presidio di guerra[modifica | modifica sorgente]

Presidio di emergenza: 660 uomini

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

Nel periodo tra le due guerre mondiali, ancora in uso all'esercito, il forte era utilizzato come campo scuola per l'addestramento dei minatori. Così, con le ripetute operazioni di mina, il forte è stato parzialmente smantellato. Gravi danni ha subito anche per l'esplosione di un deposito di munizioni, avvenuta alla fine della seconda guerra mondiale. Cessato l'uso militare della struttura fortificata, dopo un periodo di abbandono, negli anni settanta, il forte è stato usato come pista da motocross: ciò ha prodotto ulteriori danni e manomissioni. Il forte è stato poi completamente abbandonato.

Totalmente incustodito è divenuto preda di vandalismo, di danneggiamenti, di usi e di occupazioni incongrue, e dell'invasione della vegetazione spontanea. Sono state demolite le seguenti opere: parte del ridotto principale, le sue ali di collegamento al fronte di gola, e parte della rampa per le artiglierie; tratti del fronte di gola con i quattro portali d'ingresso, parte della poterna e la caponiera; completamente spianato il trinceramento esterno anche in seguito alla rettifica del corso dell'Adige (fine Ottocento). Tuttavia, ciò che rimane del forte permette di immaginare il suo originario e grandioso impianto architettonico e spaziale. Da alcuni anni è in concessione alla Cooperativa Sociale Verona Territorio, che ha compiuto una prima opera di recupero con il completo disboscamento e ha avviato lavori di restauro con la finalità di restituire l'opera e le sue pertinenze all'uso pubblico, per attività culturali e del tempo libero.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • AA. VV, Il Quadrilatero: nella storia militare, politica, economica e sociale dell'Italia risorgimentale, Verona, Comune di Verona, 1967.
  • G. Barbetta, Le mura e le fortificazioni di Verona, Verona, Vita veronese, 1970.
  • G. Beltramini, Le strade di Verona entro la cinta muraria, Verona, 1983.
  • A. Sandrini e P. Brugnoli, Architettura a Verona nell'età della Serenissima, Verona, Banca popolare di Verona, 1988.
  • A. Sandrini e P. Brugnoli, Architettura a Verona dal periodo napoleonico all'età contemporanea, Verona, Banca popolare di Verona, 1994.
  • AA. VV, Verona. La città e le fortificazioni, Roma, 2005.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Verona Portale Verona: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Verona