Fort Boyard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fort Boyard
Collocazione del forte
Vista dall'alto del forte

Fort Boyard è un forte collocato tra l'Île-d'Aix e l'Île d'Oléron nello stretto di Pertuis d'Antioche, sulla costa occidentale della Francia. Esso ha una lunghezza di 61 metri, una larghezza di 31 ed un'altezza di ben 20 metri.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione del forte venne iniziata per la prima volta sotto il regno di Luigi XIV tra il 1661 ed il 1667, il quale volle fortemente tale progetto, anche contro il parere del suo ingegnere militare, il famoso Sébastien Le Prestre de Vauban, il quale aveva notato l'impossibilità di costruire in un terreno così accidentato e lontano da punti di rifornimento o attracco. Lo scopo era ovviamente per l'epoca quello di difendere una parte della costa occidentale francese dai possibili attacchi della flotta inglese che si trovava appunto in guerra col Regno di Francia.

La costruzione rimase però abbozzata ed eseguita solo in minima parte sino al 1801 quando, per ordine di Napoleone, la struttura ebbe un notevole impulso evolutivo. La struttura venne edificata per gli stessi scopi di Luigi XIV, cioè difendere l'arsenale di Rochefort dalle possibili incursioni della flotta inglese.

In un primo momento si riscontrarono le medesime difficoltà costruttive evidenziate da Vauban nel Seicento, ovvero la stabilità delle fondamenta. Dovettero infatti essere apposti dei blocchi di pietra che rinsaldassero il suolo sabbioso dell'isolotto su cui il forte avrebbe dovuto prendere corpo. Ci si accorse però che la distanza tra le due isole a cui il forte era posto a guardia era eccessiva e come tale i cannoni dell'epoca non riuscivano ad impedire il passaggio sullo stretto ad un'eventuale flotta nemica e così facendo il progetto decadde già a partire dal 1809. Nel 1837 il progetto venne ripreso sotto la direzione di Luigi Filippo, a seguito delle rinnovate tensioni col Regno d'Inghilterra. La fortificazione venne finalmente completata nel 1857, con stanze sufficienti ad ospitare 250 uomini di guarnigione, anche se ormai il progredire delle tecnologie belliche aveva reso superficiale il ruolo di difesa del forte.

Sotto la Comune di Parigi del 1871, il Fort Boyard venne usato per breve tempo come carcere per poi essere abbandonato alcuni anni dopo. Presto il forte iniziò a deteriorarsi lasciando che alcuni massi crollassero rovinosamente nel mare circostante.

Nel 1961 il governo vendette il forte al dipartimento di Charente Marittima. Sei anni più tardi esso fu l'ambientazione del film Les Aventuriers.

Nel 1988 iniziarono i veri lavori di restauro del Fort Boyard, di modo da prepararlo per il famoso show televisivo che da esso prese il nome di Fort Boyard. Al forte venne apportata la luce elettrica e venne inoltre costruita una piattaforma presso la struttura per facilitare l'accesso con le imbarcazioni. I restauri terminarono nel 1989 e le riprese del programma iniziarono nel 1990. Attualmente esso è ancora il set del programma, che da venti anni va in onda ogni estate su France 2, e al quale si ispirò Jocelyn per Il grande gioco dell'oca.

La struttura[modifica | modifica wikitesto]

La struttura di Fort Boyard è quanto di più particolare si possa intendere per un forte di difesa marittima. Nella sua costruzione definitiva, infatti, è stato sfruttato tutto lo spazio possibile sul piccolo isolotto e come tale la struttura sembra letteralmente sorgere dalle acque.

La struttura è austera, imperiosa, con pareti stondate ai lati e con poche aperture, il che rende la fortezza davvero inespugnabile.

Il cortile interno è molto simile a quello di un carcere, organizzato con due ordini di archi con passerelle rialzate per accedere più velocemente da un lato all'altro del forte.

L'area, come si è detto, dispone di un moderno attracco per le barche ed è guardata a vista da una torre di vedetta che si erge sul tetto della struttura come avvistamento e difesa. Recentemente è stata creata una serie televisiva chiamata Fort Boyard: l'ultima sfida.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]