Formazione di Fur

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pesce fossile dell'Eocene inferiore.
Insetto fossile della famiglia dei Panorpidae, l'ottimo stato di fossilizzazione ha preservato tracce della colorazione originaria delle ali.

La Formazione di Fur è un deposito marino di diatomee e minerali argillosi, dello spessore di circa 60 m, che si trova nell'isola danese di Fur (comune di Skive).

. Vi sono stati ritrovati numerosi fossili di pesci, insetti, rettili, uccelli[1] e piante. La formazione di Fur si è depositata proprio sopra il livello di separazione Paleocene-Eocene, circa 54-55 milioni di anni fa; la sua flora tropicale e sub-tropicale indica che il clima successivo al massimo termico Paleocene-Eocene era ancora piuttosto caldo, con una temperatura stimata tra 4 e 8 gradi maggiore di quella attuale.

Questa formazione è suddivisa in due unita': il livello inferiore detto Knudeklint, dal nome di una località della stessa isola, e il livello superiore e denominato Silstrup, dal nome di un'altra località del distretto di Thisted.

Strati di ceneri[modifica | modifica wikitesto]

Nei depositi argillosi della formazione di Fur, sono stati individuati più di 200 strati di cenere vulcanica di composizione prevalentemente basaltica; di questi, i 179 più rilevanti hanno ricevuta una numerazione distintiva. Un confronto con gli strati di ceneri dei pozzi petroliferi del Mare del Nord indica che i sedimenti di Fur sono coevi con la Sele Formation e la Balder Formation del Mare del Nord.[2] Simili strati di ceneri sono stati trovati anche in altri siti della Danimarca, in Inghilterra e nella Baia di Biscayne.

Scogliera costiera nell'isola di Fur: visibili gli strati di ceneri e argille.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dyke, G.J., Waterhouse, D.M. and Kristofferson, A.V., 2004, Three new fossil landbirds from the early Paleogene of Denmark, Bulletin of the Geological Society of Denmark, volume 51, pag. 47–56, http://www.ucd.ie/zoology/DYKE/Dykeetal2004.pdf
  2. ^ Pedersen, S.A.S, 2008, Paleogene diatomite deposits in Denmark: geological investigations and applied aspects, Bulletin of Geological Survey of Denmark and Greenland, volume 15, pag. 21–24, http://www.geus.dk/publications/bull/nr15/nr15_p21-24.pdf

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Kurt Hucke: Einführung in die Geschiebeforschung - 132 S., 50 Tafeln, Verlag: Nederlandse Geologische Vereniging-Oldenzaal, 1967.
  • Steen Andersen & Steen Sjørring (Red.): Det nordlige Jylland (erschienen als dritter von fünf Bänden in der Reihe Geologisk set) - 208 S., zahlr. Abb. und Karten, Geografforlaget, Brenderup (DK) 1997 (2. Auflage der 1. Ausgabe).
  • Stig Schack Pedersen, Gunver Krarup Pedersen & Per Noe: Moleret på Mors - Mors Kort og godt Nr. 1. Morsø Lokalhistoriske Forlag 1994. (Die Publikation ist auch in deutsch und englisch erschienen).
  • Pedersen, S.A.S, Paleogene diatomite deposits in Denmark: geological investigations and applied aspects in Bulletin of Geological Survey of Denmark and Greenland, vol. 15, 2008, pp. 21-24.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]