Ford Model T

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ford Modello T)
(EN)

« Any customer can have a car painted any colour that he wants so long as it is black. »

(IT)

« Ogni cliente può ottenere una Ford T colorata di qualunque colore desideri, purché sia nero.[1] »

(Henry Ford[2])
Ford Modello T
1911 Ford Model T Touring.jpg
Modello T del 1911
Descrizione generale
Costruttore Stati Uniti  Ford
Tipo principale torpedo
Produzione dal 1908 al 1927
Sostituisce la Ford Model S
Sostituita da Ford Model A (1927)
Esemplari prodotti 15.007.034
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Passo 2540 mm
Massa (versione base) 680 kg
Altro
Progetto Henry Ford
1923 Ford Model T UPS.jpg
La Model T del 1923 della UPS

La Ford Model T, conosciuta anche come Tin Lizzie (lucertolina di latta), Flivver (macinino) o semplicemente Ford T, è stata una vettura prodotta dalla Ford Motor Company dal 1908 al 1928.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Primo Model T di serie uscì dallo stabilimento di Piquette (Detroit) il 24 settembre 1908 e fu la prima vettura prodotta in grande serie utilizzando la tecnica della catena di montaggio (il primo modello in assoluto ad essere assemblato con questa tecnica fu l'Oldsmobile Curved Dash[3]). La Model T venne progettata da Henry Ford, Charles Harolde Wills e da due emigrati di origine ungherese, József Galamb e Jenő Farkas.

Non rappresenta la prima vettura prodotta da Ford in quanto molti altri modelli, tra i quali diversi prototipi, ne precedettero l'uscita.

Il primo modello prodotto dalla Ford fu la Model A, alla quale seguirono 19 vetture tra prototipi e versioni definitive, riconoscibili dall'uso delle lettere seguenti dell'alfabeto. Il modello che precedette direttamente la Model T fu infatti il modello Model S, che a sua volta era una versione migliorata del Model N. Contrariamente a quanto si possa supporre il modello di produzione successivo non utilizzò la lettera U quale segno distintivo, ma venne presentata una nuova Model A.

Il 18 dicembre 1999 viene votata Auto del secolo fra una lista di 700 candidate.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il motore a valvole laterali della Ford T
Un altro esemplare di Ford T conservato a Londra

La rivoluzionaria vettura era dotata di un motore 4 cilindri in linea di 2893 cm³ di cilindrata, con alesaggio e corsa rispettivamente di 95,2 mm (3,75 pollici) e 101,6 mm (4 pollici). La potenza erogata era di 20 hp (15 kW).

La trazione era posteriore e il cambio era un epicicloidale a 2 velocità+retromarcia. Questo tipo di cambio era per allora (1908) rivoluzionario, poiché permetteva il passaggio dalla prima alla seconda marcia senza l'uso della frizione. Le frizioni di allora erano infatti assai poco funzionali. La lubrificazione del motore era a sbattimento attivato dal volano che aveva anche la funzione di centrifugare l'olio, il quale lubrificava anche il cambio. I freni erano a tamburo sulle sole ruote posteriori, con comando meccanico e a nastro, con comando a pedale, sulla trasmissione. Il radiatore per il raffreddamento era sprovvisto di pompa di circolazione, sfruttava la circolazione per convezione. Visto il periodo storico era previsto che la circolazione avvenisse perlopiù sulle piste utilizzate dalle carrozze a cavallo dell'epoca, la carreggiata dell'auto di 1422 mm venne calcolata di conseguenza.

Il telaio era in longheroni di acciaio al vanadio, con sospensioni molto semplificate con una singola balestra trasversale, sia all'avantreno che al retrotreno. La strumentazione era molto povera, c'era infatti il solo amperometro.

L'avviamento era affidato alla classica manovella dell'epoca, quello elettrico arrivò come optional solo nel 1919, mentre diventò di serie dal 1922. Le ruote erano provviste di raggi rigorosamente in legno per far sì che potessero essere facilmente riparate anche dagli stessi artigiani che riparavano quelle delle carrozze.

I primi progetti prevedevano anche la possibilità di un propulsore alimentato a etanolo di canapa ma ben presto l'idea venne accantonata sia a causa del proibizionismo sia a causa della discesa dei prezzi del petrolio. La crisi petrolifera (che privilegiò la quantità alla qualità) portò ad un abbassamento del rapporto di compressione dagli originali 4,5:1 a 4,2:1 nel 1917, infine a 3,98:1 dal 1919 in poi, causando una perdita di potenza di 2cv (si passò da 22 a 20).

Il motore era dotato di un albero con tre cuscinetti e di valvole laterali. La velocità massima era di 72 km/h. Recenti prove hanno accreditato la Model T di un consumo di circa 40 - 48 km con un gallone (ca. 3,80 litri) di benzina (ovvero circa 10,5 - 12,6 km/litro ). L'alimentazione era a carburatore al quale la benzina giungeva per gravità dal serbatoio posizionato, fino al 1925, sotto al sedile anteriore, poi, come sulla futura model A, dietro il cruscotto.

Altra peculiarità tecnica era il sistema di accensione progettato da Thomas Alva Edison, amico di Ford, che progettò un impianto con un enorme volano magnete che alimentava quattro Rocchetti di Ruhmkorff (quelli che poi perfezionati furono nominati bobine di accensione), che trasformavano la bassa tensione in alta. Le quattro bobine, collocate in una cassetta di legno nel cruscotto, alimentavano individualmente ogni candela.

La Model T fu prodotta in 15.007.033 esemplari fino al maggio del 1927 quando lo stabilimento Ford fu chiuso fino a settembre per essere adattato alla costruzione della Model A. La produzione dei motori, sia per ricambi che per usi industriali continuò fino ai primi anni quaranta.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Una Ford T

Lo stabilimento di Piquette non poteva far fronte alla domanda. Infatti furono solo 11 le vetture che uscirono da questa fabbrica nel primo mese di produzione. Nel 1910, dopo che la produzione di Model T aveva ormai raggiunto le 12.000 unità, la produzione venne spostata nel nuovo complesso di Highland Park. La Model T fu la prima vettura prodotta in grandissima serie utilizzando la catena di montaggio, la costruzione con parti intercambiabili che venne proposta alla classe media. Tra il 1915 e il 1925, per velocizzare la produzione la Model T era disponibile in un solo colore: il nero opaco, meglio conosciuto come fondo, questo per risparmiare sui costi. In questa fase della produzione si deve la frase, frequentemente citata, attribuita a Henry Ford secondo la quale ognuno poteva avere una Model T del colore che preferiva purché questo fosse il nero. In realtà tra il 1908 e il 1914 e nel biennio finale 1926 - 1927 la model T era disponibile anche in colori differenti dal nero in particolare, verde, marrone, grigio e blu.

Ford Model T Coupe

A partire dal 1914 per costruire una Model T erano necessari solo 93 minuti grazie agli sviluppi del processo di assemblaggio. In questo anno la Ford produsse da sola un numero di vetture superiore a quello di tutti gli altri concorrenti messi insieme. Il successo commerciale di questa vettura fu enorme tanto che è stato calcolato che tra la metà degli anni dieci e degli anni venti la metà di tutte le vetture circolanti, a livello mondiale, era costituito da Ford Model T. Questo successo permise alla Ford di continuare le vendite pur non acquistando, tra il 1917 e il 1923, nessuno spazio pubblicitario.

In totale sono state 15.007.033 le Ford Model T prodotte. Le prime costavano 850 dollari USA, dell'epoca, contro i 2.000 - 3.000 dollari della vetture concorrenti. Le ultime, grazie all'aumento di efficienza e di volume della produzione costavano meno di 300 dollari USA. Nello specifico la versione base, la roadster nel 1926-27 a listino costava 285 dollari, la più ricca e accessoriata tudor sedan ben 580. Inoltre è importante ricordare che già dal 1914 Henry Ford aveva elevato la paga dei suoi dipendenti a ben 5 dollari al giorno (circa il doppio del settore industriale), consentendo loro in questo modo di acquistare l'automobile che essi stessi producevano, arrivando ad essere i meglio retribuiti con 8 dollari al giorno contro una media di 5,5 della concorrenza pur lavorando un'ora in meno.

La Ford interruppe la produzione in massa di questo modello il 27 maggio del 1927. La produzione dei motori però, continuò fino al 4 agosto del 1941, ne vennero costruiti circa 170.000 per usi industriali e per ricambi.

Oggi tutte le parti della Model T continuano ad essere prodotte, su licenza Ford, per gli appassionati americani e molte Model T vengono dotate di carrozzerie in fibra di vetro realizzando gli hot rod in stile T-bucket.

A questa categoria di hot rod è stata anche dedicata una canzone dal gruppo di surf-rock Jean and Dean che composero la canzone, ripresa anche dagli Who, T-Bucket.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Traduzione letterale di una nota del 1909 riguardante il Modello T.
  2. ^ Ford, pp. 71-72
  3. ^ (EN) Robert Domm, Michigan Yesterday & Today, Voyageur Press, 2009, p. 29, ISBN 0-7603-3385-8. URL consultato il 25 dicembre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Henry Ford, Samuel Crowther, My Life and Work, Garden City, Garden City Publishing Company, 1922.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]