Forbes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Forbes Magazine)
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Forbes (disambigua).
Forbes
Logo di Forbes
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Lingua Inglese
Periodicità bisettimanale
Genere rivista di economia
Fondazione 1917
Sede New York City
Editore Forbes publishing
Direttore Steve Forbes
ISSN 0015-6914
Sito web forbes.com
 

Forbes è una rivista statunitense di economia e finanza fondata nel 1917 da Bertie Charles Forbes, noto come B.C. Forbes (1880-1954).

Dopo la morte di Forbes, nel 1954, e quella del suo primogenito Bruce, nel 1964, la direzione della rivista passò al secondogenito, Malcolm Stevenson Forbes (1917-1990). Oggi la rivista, che ha anche una versione online e una radiofonica, è diretta da Malcolm Stevenson Forbes Jr., noto come Steve Forbes (1948–) e dai suoi fratelli.

La sede della rivista è sulla quinta strada a New York. Da Forbes sono derivate molte riviste tra cui Forbes FYI, Forbes Asia e 7 edizioni in lingue diverse dall'inglese. La stessa società pubblica anche American Heritage, American Heritage of Invention & Technology e American Legacy. Steve Forbes e i giornalisti della rivista danno anche consigli sugli investimenti una volta a settimana sulla rete televisiva Fox nel programma Forbes on Fox.

Il sito internet della rivista, Forbes.com, fondato da David Churbuck, si caratterizza per l'approfondimento dei fatti di attualità economica. Il sito divenne famoso quando scoprì le frodi giornalistiche di Stephen Glass della rivista The New Republic. Questo scoop contribui a dare credibilità al giornalismo su internet.

Da Forbes è derivato anche il sito internet di auto di lusso ForbesAutos.com.

La rivista Forbes è conosciuta ai più per la stesura annuale della classifica degli uomini più ricchi del mondo (definibili anche come High net worth individual). Recentemente il cantante degli U2, Bono Vox, insieme con alcuni soci, ne ha acquistato il 40%.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]