Forbante (Tessalo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Forbànte, figlio del re di Tessaglia: Triopa e di Orsinome. Liberò Rodi dai serpenti. Apollo, dopo la sua morte, lo collocò in cielo, nella costellazione detta del Serpentario.

Il Fatto viene citato nell'opera Astronomica di Igino:

(LA)
« Polyzelus autem Rhodius hunc Phorbanta nomine demonstrat, qui Rhodiis auxilio maximo fuisse demonstratur. Nam cum eorum insulam, serpentium multitudine occupatam, cives Ophiussam appellassent, et in ea multitudine ferarum draco fuisset ingenti magnitudine, qui plurimos eorum interfecisset, et patria deinque deserta carere coepisset, dicitur Phorbas Triopae filius ex Hiscilla Myrmidonis filia natus, eo tempestate delatus, omnes feras et eum draconem interfecisse. Qui cum maxime Apollini dilectus esset, locatus inter sidera dicitur, ut interficiens draconem laudis et memoriae causa videretur. »
(IT)
« …Secondo il poeta alessandrino Polizelo di Rodi, Ofiuco sarebbe stato Forbante (Fórbas). I cittadini di Rodi chiamavano la loro isola, invasa da tantissimi serpenti, Ophiussa. Tra essi vi era un enorme drago, che aveva ucciso centinaia di abitanti e aveva costretto i sopravvissuti a fuggire lontano dalla patria.

Phorbas, figlio di Triopa e di Orsinome, figlia dei mirmidoni, una volta spinto da una tempesta, approdò nell'isola. Non esitò nemmeno un minuto e uccise il mostro insieme con tutte le serpi che lo circondavano. Apollo decise allora di premiarlo per l'eternità sistemandolo in cielo con le sembianze di un uccisore di serpenti … »

(Igino Astronomo, Astronomica, II. 2,14)


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca