Football Club AlzanoCene 1909

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
A.S.D. AlzanoCene 1909
Calcio Football pictogram.svg
Scudetto alzanocene.png
bianconeri, seriani
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Nero e Bianco (Quadrati).png Bianco-Nero
Simboli Giglio
Inno Inno al Foot-Ball Club Alzano
Sala, Petronico
Dati societari
Città Alzano Lombardo,

Cene

Paese Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie D
Fondazione 1909
Scioglimento 2003
Rifondazione 2004
Presidente Italia Giancarlo Pezzoli
Italia Indro Scarpellini
Allenatore Italia Luciano De Paola
Stadio Carillo Pesenti Pigna
(1.900 posti)
Sito web www.alzanocene.it
Palmarès
Titoli nazionali 1 Campionato Nazionale Dilettanti*
1 Campionato di Serie C1*
Trofei nazionali 1 Coppa Italia di Serie C*
*(come Alzano Virescit)
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Sportiva Dilettantistica AlzanoCene 1909 è una società calcistica di Alzano Lombardo e di Cene della provincia di Bergamo. È in pratica l'erede dell'Alzano 1909 Virescit Football Club, ma solo di fatto, non avendone rilevato il titolo sportivo.

Nell'estate 2007 le società F.C. Alzano 1909, che militava in Prima Categoria, e Ardens Cene, che militava in Eccellenza, decidono di fondersi e dar vita alla nuova entità sportiva. La sede degli incontri interni è lo stadio Carillo Pesenti Pigna di Alzano Lombardo. Come Alzano Virescit partecipò a un campionato di Serie B, a sei di Serie C1, a uno di Serie C2 e a due dell'allora CND prima di cessare l'attività dopo aver pagato tutti i debiti per evitare il fallimento. Attualmente milita in Serie D; partecipa inoltre a nove campionati giovanili e collabora con tre scuole calcio del territorio.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

Alzano Lombardo vede comparire il calcio nel 1909: il 25 luglio si forma la prima rappresentativa calcistica di Alzano Lombardo in seno alla Società Ginnica. La prima partita di cui si ha memoria scritta viene giocata contro una rappresentativa svizzera. L'attività nell'ambito della ginnastica non ha termine con l'adesione dell'FC Alzano alla F.I.G.C. che approva l'affiliazione il 12 aprile 1910 come risulta dal giornale "Foot-Ball" di Milano, ma parteciperà ancora a varie manifestazioni sportive indette dalle associazioni ginnico sportive cattoliche.

Campioni Bergamaschi '36

La squadra però non prende parte ai campionati, ma soltanto ai tornei approvati dal Comitato Regionale Lombardo F.I.G.C. perché non in possesso di un campo avente dimensioni minime 90x50 per poter partecipare all'attività ufficiale. Fino all'inizio della Prima Guerra Mondiale l'attività è comunque limitata a livello locale e provinciale.

Il primo dopoguerra si apre con l'era del presidente Carillo Pesenti Pigna, adoperatosi a dotare la società di un impianto valido, e l'Alzano si dimostra subito pronta per disputare i campionati regionali. Il periodo che segue è un susseguirsi di alterne prestazioni che vedono, nell'arco di vent'anni, varie scalate fino ad arrivare al massimo livello regionale. Anche in questo caso l'incombenza della guerra vede la fermata dei campionati.

Dopo il secondo dopoguerra, c'è il primo grande risultato sportivo: nella stagione 1946-47 disputa il campionato di Serie C. La presenza nel calcio nazionale dura solo un anno e dal 1947 inizierà una fase in cui l'Alzano parteciperà ai vari campionati regionali.

Dagli anni cinquanta agli anni ottanta[modifica | modifica sorgente]

Gli anni cinquanta vedono una continua militanza nel campionato di Prima Divisione, ma si chiudono, nel 1959, con la retrocessione in Seconda Divisione. L'Alzano riconquista immediatamente la serie superiore. Nel 1961 arriva la seconda promozione consecutiva, che permetterà ai bianconeri di giocare nel campionato di Prima Categoria. Nel 1964 con l'ultimo posto retrocede in Seconda Categoria. Seguono 5 anni di incertezze e retrocessioni che portano l'Alzano fino in Terza Categoria. Nel 1970 arriva la svolta che permette ai bianconeri la scalata in 2 anni fino alla Prima Categoria, in cui rimarranno per altri 5 anni. Nel 1978 inizia una nuova crisi che porterà alla Terza Categoria nel 1982.

Formazione degli anni '80
Presenti gli odierni
vicepresidente Morosini e
direttore generale Marconi

Anni ottanta[modifica | modifica sorgente]

L'estate del 1983 è il momento di svolta nella storia bianconera. Il sindaco e alcuni imprenditori locali lanciano il “Progetto Alzano” con l'obiettivo di ridare lustro alla gloriosa società. In 3 anni sotto la guida del presidente Lino Scarpellini, l'Alzano ritorna in Prima Categoria. Nel 1986 viene inaugurato il nuovo stadio comunale e la presidenza passa a Franco Morotti. Fino al 1990 c'è un altalenarsi tra Prima e Seconda Categoria, ma nel 1991 si conquista la Promozione e nel 1992 l'Eccellenza.

La fusione con la Virescit e la scalata al professionismo[modifica | modifica sorgente]

Logo
1993-'97

Dieci anni dopo la rifondazione, l'estate del 1993 riserva un'altra sorpresa: la fusione con la Virescit Boccaleone, squadra del quartiere Boccaleone di Bergamo che aveva disputato diverse stagioni in Serie C. La squadra viola è ormai in caduta libera sia sul piano delle prestazioni, retrocessa in Serie D, sia su quello economico, fortemente indebitata. L'Alzano rileva così il titolo sportivo e si fa carico dei debiti della Virescit. Il nuovo Football Club Alzano 1909 Virescit, erede del F.C. Alzano, parte dal Campionato Nazionale Dilettanti. Le stagioni 1994-95 e 1995-96 vedono l'Alzano conquistare due promozioni in fila, la prima, con Giancarlo D'Astoli in panchina, mediante uno spareggio con l'Imola e la seconda grazie ai play-off, nel derby contro i bresciani del Lumezzane. Dopo un paio di stagioni di ambientamento alla Serie C1, i bianconeri nel 1998-99 riescono nell'impresa di arrivare in Serie B vincendo il girone settentrionale con 4 punti di vantaggio sul Como.

Festa in piazza per la conquista
della Serie B

La Serie B e la successiva caduta[modifica | modifica sorgente]

La squadra seriana non riesce a salvarsi in Serie B, nonostante un ottimo girone di andata, e retrocede anche dalla C1 l'anno dopo, mantenendo però la categoria grazie ad un ripescaggio. La stessa cosa succede al termine della stagione successiva, nel 2001-02: nuova retrocessione e secondo ripescaggio consecutivo. Retrocede infine nel 2003 in C2 ed a causa di problemi finanziari rinuncia all'iscrizione perdendo la possibilità di partecipare al campionato inferiore durante la stagione successiva.

Fine delle attività e ripresa[modifica | modifica sorgente]

Dopo 94 anni, per tutta la stagione 2003/04 Alzano Lombardo si vede privata del calcio, ma l'estate successiva un gruppo formato da ex-dirigenti dell'Alzano Virescit rifonda il F.C. Alzano 1909, che partecipa al campionato di Prima Categoria dalla stagione 2004/05 alla stagione 2006/07.

Durante l'estate 2007 lA.S.D. F.C. Alzano 1909 si fonde con lArdens Cene, costituendo la A.S.D. AlzanoCene 1909, che milita nel girone B di Eccellenza lombarda. Il 13 aprile 2008 viene conquistata la promozione in Serie D con tre giornate d'anticipo, che per Alzano Lombardo significa un ritorno nel calcio nazionale. La stagione si chiude con la conquista del Trofeo Regionale Lombardo il 9 maggio a Verolanuova.

Il primo anno in Serie D si conclude alle spalle di Pro Belvedere, Renate, Colognese e Sestese; la conquista del 5º posto permette ai bianconeri di partecipare ai play-off, dai quali vengono subito eliminati, perdendo 3-0 in semifinale.

2009: l'anno del Centenario - il presente[modifica | modifica sorgente]

Nonostante la società seriana si sia rinnovata più volte attraverso fusioni e cambi di denominazione e di proprietà, nel marzo 2009 sono cominciate le celebrazioni lunghe 9 mesi per festeggiare i cento anni di calcio bianconero ad Alzano Lombardo. Tra i numerosi appuntamenti si possono ricordare la Mostra Fotografica, la Camminata lungo il Serio, il Torneo Giovanile e il Triangolare contro Atalanta e AlbinoLeffe, vinto dai nerazzurri. Il campionato si conclude con il secondo posto dietro la Tritium, che permette di ottenere la partecipazione alla Coppa Italia Tim.
La stagione 2010-11 vede l'AlzanoCene uscire di scena subito, al primo turno, dalla Coppa Italia Tim, complice la sconfitta ai tempi supplementari per mano della Reggiana, la quale a sua volta è stata poi sconfitta dall'Empoli per 4-1. Nelle stagioni 2010-11, 2011-12 e 2012-13 l'AlzanoCene si posiziona a metà classifica ottenendo la salvezza in modo tranquillo.

Cronistoria[modifica | modifica sorgente]

Cronistoria del Football Club AlzanoCene
  • 1909 - Nasce il Foot-Ball Club Alzano.
  • 1910 - Si affilia alla F.I.G.C..

  • 1910-15 - Attività sportiva a livello locale.
  • 1915-18 - Inattivo a causa della Prima Guerra Mondiale.
  • 1919-20 - Attività sportiva a livello locale.

  • 1920-21 - Inaugura il campo sportivo disputando il campionato bergamasco organizzato dall'U.S. Bergamasca e vinto dall'U.S. Ardens. In aprile si riaffilia alla F.I.G.C. (2a affiliazione).
  • 1921-22 - 2° nel girone A della Terza Categoria lombarda, è ammessa alla 3ª Divisione lombarda.
  • 1922-23 - 4° nel girone A della Terza Divisione lombarda.
  • 1923-24 - 3° nel girone F della Terza Divisione lombarda.
  • 1924-25 - 7° nel girone C della Terza Divisione lombarda.
  • 1925-26 - 2° nel girone F della Terza Divisione lombarda, per peggiore quoziente reti nei confronti del G.S. Officine Meccaniche di Milano.
  • 1926-27 - Inattivo, lascia liberi tutti i giocatori.
  • 1927 - Si riaffilia alla F.I.G.C. (3a affiliazione).
  • 1927-28 - 5° nel girone D della Terza Divisione lombarda.
  • 1928-31 -Lascia liberi tutti i giocatori, inattivo per 3 stagioni.

  • 1931 - Rinasce col nome Unione Sportiva Alzano e si affilia al Comitato U.L.I.C. di Bergamo iscrivendo 2 squadre in Prima Categoria U.L.I.C.
  • 1931-32 - Campione Bergamasco U.L.I.C. battendo in finale la Juventus Rocca del Colle. Si iscrive ai campionati regionali F.I.G.C..
  • 1932-33 - 1° nel girone G della Terza Divisione lombarda, 2° nel girone semifinale A.
  • 1933-34 - 3° nel girone D della Terza Divisione lombarda.
  • 1934-35 - Inattivo anche a livello provinciale.
  • 1936 - Ricostituito col nome Dopolavoro "P.Poli" Sezione Calcio, si affilia al Direttorio Sezione Propaganda di Bergamo schierando una squadra in Seconda Categoria.
  • 1936-37 - Campione Bergamasco di Seconda Categoria S.P.
  • 1937 - Cambia nome in Dopolavoro Aziendale Cartiere Pigna e si reiscrive al campionato regionale.
  • 1937-38 - 1° nel girone D della Seconda Divisione lombarda, 2° nella semifinale B. È ammesso in Prima Divisione alla compilazione dei nuovi quadri stagionali.
  • 1938-39 - 7° nel girone C della Prima Divisione lombarda.
  • 1939-40 - 7° nel girone F della Prima Divisione lombarda.

  • 1940-45 - Inattivo, lascia liberi tutti i giocatori. Alla ripresa è ricostituito con la denominazione Football Club Alzano.
  • 1945-46 - 2° nel girone C della Prima Divisione Lombarda vincendo alla monetina gli spareggi con Castro e Vertovese. 2° nel girone finale B vincendo alla monetina lo spareggio con la Farese. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie C Nord.
  • 1946-47 - 14° nel girone F della Lega Nord di Serie C. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Prima Divisione.
  • 1947-48 - 8° nel girone M della Prima Divisione Lombarda. Rinuncia alla categoria di merito.
  • 1948-49 - 2° nel girone bergamasco A della Seconda Divisione Lombarda. Ripescato in Prima Divisione per meriti sportivi pregressi.
  • 1949-50 - 5° nel girone B della Prima Divisione Lombarda.

  • 1950-51 - 3° nel girone B della Prima Divisione Lombarda.
  • 1951-52 - 10° nel girone B della Prima Divisione Lombarda. La categoria è declassata.
  • 1952-53 - 9° nel girone B della 1ª Divisione Lombarda.
  • 1953-54 - 10° nel girone B della 1ª Divisione Lombarda.
  • 1954-55 - 8° nel girone B della 1ª Divisione Lombarda.
  • 1955-56 - 7° nel girone B della 1ª Divisione Lombarda.
  • 1956-57 - 7° nel girone B della 1ª Divisione Lombarda.
  • 1957-58 - 10° nel girone A della 1ª Divisione Lombarda.
  • 1958-59 - 13° nel girone B della 1ª Divisione Lombarda.
  • 1959-60 - 1° nel girone B della Prima Categoria lombarda, rinuncia alle finali per il titolo lombardo.

  • 1960-61 - 1° nel girone C della Prima Categoria lombarda battendo il Caravaggio 1-0 allo spareggio del 14 maggio 1961. È eliminato dal Pavia 1-4 e 1-2 alle finali per il titolo regionale.
  • 1961-62 - 13° nel girone A del Settore A della Prima Categoria lombarda.
  • 1962-63 - 7° nel girone B della Prima Categoria lombarda.
  • 1963-64 - 15° nel girone A della Prima Categoria lombarda. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Seconda Categoria lombarda.
  • 1964-65 - 13° nel girone C della Seconda Categoria lombarda. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Terza Categoria Provinciale bergamasca.
  • 1965-66 - 6° nel girone C della Terza Categoria bergamasca.
  • 1966-67 - 5° nel girone C della Terza Categoria bergamasca.
  • 1967-68 - 5° nel girone C della Terza Categoria bergamasca.
  • 1968-69 - 2° nel girone C della Terza Categoria bergamasca.
  • 1969-70 - 2° nel girone C della Terza Categoria bergamasca, ammesso alla Seconda Categoria causa ampliamento dei gironi regionali.

  • 1970-71 - 2° nel girone C della Seconda Categoria lombarda.
  • 1971-72 - 7° nel girone C della Seconda Categoria lombarda.
  • 1972-73 - 9° nel girone C della Seconda Categoria lombarda. Si fonde con lo Sporting Club 63 di Bergamo (4° nel girone B di Prima Categoria) e ne acquisisce il titolo sportivo.
  • 1973-74 - 2° nel girone B della Prima Categoria lombarda.
  • 1974-75 - 6° nel girone B della Prima Categoria lombarda.
  • 1975-76 - 4° nel girone B della Prima Categoria lombarda.
  • 1976-77 - 10° nel girone B della Prima Categoria lombarda.
  • 1977-78 - 15° nel girone C della Prima Categoria lombarda. Red Arrow Down.svg Retrocesso Seconda Categoria lombarda.
  • 1978-79 - 11° nel girone C della Seconda Categoria lombarda.
  • 1979-80 - 5° nel girone C della Seconda Categoria lombarda.

  • 1980-81 - 10° nel girone C della Seconda Categoria lombarda.
  • 1981-82 - 5° nel girone C della Seconda Categoria lombarda.
  • 1982-83 - 16° nel girone C della Seconda Categoria lombarda. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Terza Categoria bergamasca.
  • 1983-84 - 1° nel girone F della Terza Categoria bergamasca, promosso in Seconda Categoria lombarda.
  • 1984-85 - 1° nel girone D della Seconda Categoria lombarda, promosso in Prima Categoria lombarda.
  • 1985-86 - 8° nel girone C della Prima Categoria lombarda.
  • 1986-87 - 16° nel girone C della Prima Categoria lombarda. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Seconda Categoria lombarda.
  • 1987-88 - 1° nel girone C della Seconda Categoria lombarda, promosso in Prima Categoria lombarda.
  • 1988-89 - 4° nel girone C della Prima Categoria lombarda.
  • 1989-90 - 2° nel girone C della Prima Categoria lombarda, ammesso alla Promozione per ampliamento dei quadri stagionali.

  • 1990-91 - 3° nel girone D della Promozione lombarda, Green Arrow Up.svg Promosso in Eccellenza lombarda.
  • 1991-92 - 6° nel girone B dell'Eccellenza lombarda.
  • 1992-93 - 3° nel girone B dell'Eccellenza lombarda, si fonde con la Virescit Boccaleone diventando Alzano 1909 Virescit F.C. acquisendo la categoria della Virescit (C.N.D.).
  • 1993-94 - 3° nel girone C del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1994-95 - 1° nel girone C del Campionato Nazionale Dilettanti. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie C2.
  • 1995-96 - 3° nel girone A della Serie C2, vince i play-off contro Torres e Lumezzane. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie C1.
  • 1996-97 - 16° nel girone A della Serie C1, vince i play-out contro la SPAL.
  • 1997-98 - 3° nel girone A della Serie C1, perde la semifinale play-off contro il Livorno. Vince contro il Cesena la Coppa Italia di Serie C Coccarda Italia.svg.
  • 1998-99 - 1° nel girone A della Serie C1. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie B.
  • 1999-00 - 18° in Serie B. Retrocesso in Serie C1.

  • 2000-01 - 15° nel girone A della Serie C1, perde i play-out contro la Reggiana. Ripescato.
  • 2001-02 - 17° nel girone A della Serie C1, perde i play-out contro la Reggiana. Ripescato.
  • 2002-03 - 17° nel girone A della Serie C1, perde i play-out contro la Lucchese. Evita il fallimento, ma alla fine l'assenza di investitori fa sì che rimanga inattivo, viene radiato dai ruoli federali F.I.G.C.
  • 2004 - Rinasce col la denominazione F.C. Alzano 1909 ed è ammesso al campionato lombardo di Prima Categoria.
  • 2004-05 - 6° nel girone D della Prima Categoria lombarda.
  • 2005-06 - 12° nel girone C della Prima Categoria lombarda avendo perso lo spareggio di Pedrengo del 21 maggio 2006 0-1 con l'Aurora Seriate, salvo ai play-out.
  • 2006-07 - 6° nel girone C della Prima Categoria lombarda, si fonde con l'Ardens Cene diventando F.C. Alzano Cene 1909, acquisendo la categoria dell'Ardens (Eccellenza).
  • 2007-08 - 1° nel girone B dell'Eccellenza lombarda. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie D.
  • 2008-09 - 5° nel girone B della Serie D. Viene sconfitto dal Renate in semifinale play off per 3-0.
  • 2009-10 - 2° nel girone B della Serie D. Viene sconfitto dal Renate in semifinale play off per 0-3.

  • 2010-11 - 12° nel girone B della Serie D. Eliminato al primo turno di Tim Cup dalla Reggiana per 2-1 dts.
  • 2011-12 - 7° nel girone B della Serie D.
  • 2012-13 - 13° nel girone B della Serie D.
  • 2013-14 - 15° nel girone B della Serie D. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Eccellenza dopo aver perso i play-out contro il Borgomanero

Inno[modifica | modifica sorgente]

L'inno della squadra bianconera è l'Inno al Foot-Ball Club Alzano composto da Sala e Petronico all'inizio del Novecento.

Sul margin del Serio tra i verdi tappeti,
si formano gli atleti del foot-ball campion.

Più terso il bel cielo, più fine è la brezza,
si vince e si spezza ogni aspra tenzon.

Col nostro vessillo corriamo ogni sfida,
l'ardore ci guida e i nervi d'acciar.

Con colpi maestri e d'anca e di testa,
a tanti goals s'appresta vittoria a cantar.

Più snelli e più forti, coi petti gagliardi,
noi siamo gogliardi di slancio e d'ardir.

D'Alzano siam figli più baldi e più fieri,
noi siamo gli alfieri del nuovo avvenir!

Colori e simboli[modifica | modifica sorgente]

Divise storiche[modifica | modifica sorgente]

Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
FC Alzano (1909-1990)
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Alzano Virescit (casalinga 1995-1999)
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Alzano Virescit (casalinga Serie B)
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Alzano Virescit e FC Alzano 1909 (casalinga 2001-2006)
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Alzano Virescit e FC Alzano 1909 (da trasferta 1995-2006)
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Alzano Virescit (terza maglia 2002-2003)
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Maglia Centenario


Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Il Carillo
2008
1998-1999
1998
  • Campione Italiano Allievi
1997
1995

Competizioni disputate[modifica | modifica sorgente]

Campionati nazionali[modifica | modifica sorgente]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie B 1 1999-2000 1
Serie C 1 1946-1947 7
Serie C1 6 1996-1997 2002-2003
Serie C2 1 1995-1996 1
Serie D 7 1993-1994 2012-2013 7

Campionati regionali[modifica | modifica sorgente]

Coppe nazionali[modifica | modifica sorgente]

Tifosi[modifica | modifica sorgente]

Lost Boys

In una provincia dove il tifo organizzato è concentrato quasi esclusivamente nel capoluogo, l'AlzanoCene può vantare il seguito di un gruppo ultras: i Lost Boys. Questi nascono nel 2000 da una scissione dal gruppo storico del tifo alzanese. Seguono per due anni l'Alzano Virescit in tutte le trasferte e si confrontano con tifoserie ben più blasonate e importanti. Dopo la cessata attività il gruppo non si scioglie e una parte, per motivi personali, si presta per una stagione a seguire il Lecco. Quando Alzano, nel 2003, ritrova la propria squadra di calcio, i Lost Boys sono l'unico gruppo ultras alzanese a ritornare per sostenere i bianconeri, ripartiti dalla Prima Categoria.

Fonti ufficiali[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Tutto il calcio bergamasco di Pietro Serina (dalla 1ª edizione 1983-84 ad oggi) varie case editrici.
  • Bergamo in campo - 1905-1994: il nostro calcio, i suoi numeri di Pietro Serina (Impronta edizioni, Zanica).
  • Annuario italiano del Football di Guido Baccani, De Agostini Editore Novara, 3 edizioni: 1913-14, 1914-15 e 1919-20; presso la B.N.C.F. e la Biblioteca Estense Universitaria di Modena. Contiene l'elenco delle società affiliate al momento in cui va in stampa (tra agosto e settembre).
  • Annuario Generale Sports e Turismo edizioni A&S, Milano 1925: Biblioteca Nazionale Braidense e Biblioteca Comunale "Sormani" di Milano - contiene l'elenco delle società affiliate (anche U.L.I.C.) e i rispettivi direttivi.
  • Annuario Italiano del Giuoco del Calcio di Luigi Saverio Bertazzoni - 4 volumi editi a Modena: 1926-1927, 1929, 1930 e 1931; presso la Biblioteca estense universitaria di Modena e B.N.C.F.. Contiene l'elenco delle società affiliate e i rispettivi direttivi, ma solo per la prima edizione. Cronistoria completa dell'U.L.I.C..

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio