Fluvoxamina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Fluvoxamina
{{{immagine1_descrizione}}}
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C15H21F3N2O2
Massa molecolare (u) 318.335 g/mol
Numero CAS [54739-18-3]
Codice ATC N06AB08
PubChem 5324346
DrugBank APRD00425
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
Orale
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 302
Consigli P --- [1]

La fluvoxamina è un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina (SSRI). È usata prevalentemente per il trattamento della depressione e del disturbo ossessivo-compulsivo (OCD).

Nonostante che i suoi effetti siano in parte simili a quelli degli altri SSRI, la fluvoxamina ha differenti effetti farmacologici. Per questa ragione può essere usata per creare un beneficio nei pazienti che hanno provato effetti collaterali limitanti o non usuali. Nel complesso la Fluvoxamina sembra causare minori effetti collaterali rispetto agli altri SSRI, soprattutto in relazione alla perdita di desiderio sessuale; inoltre questa molecola associa all'azione antidepressiva un effetto ansiolitico divenendo così utile nelle forme di depressione ansiosa. Ancora la fluvoxamina è riconosciuta essere un farmaco di grande efficacia nelle depressioni in corso di psicosi, e nelle manifestazioni di deficit del controllo degli impulsi. La fluvoxamina non deve essere somministrata in associazione con inibitori delle monoamminoossidasi (IMAO), così come è sconsigliata l'associazione con antidepressivi triciclici, di cui aumenta i livelli plasmatici. Essa inoltre è un inibitore del citocromo P450 1A2 (CYP1A2) che metabolizza la caffeina, teofillina, clozapina, tacrina, gli antidepressivi triciclici, il paracetamolo e la fenacetina.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fluvoxamina è stato il primo tra gli antidepressivi SSRI ad essere utilizzato (1984 - Svizzera) e fu sviluppata da Solvay Pharmaceuticals. Negli Stati Uniti venne impiegata nel 1994 e fu il primo SSRI in Giappone (1999).

Effetti indesiderati[modifica | modifica sorgente]

I principali effetti indesiderati della fluvoxamina sono nausea, sonnolenza, insonnia, agitazione, nervosismo, vertigini, tremori, anoressia, dispepsia, stipsi, diarrea, xerostomia, sudorazione, palpitazioni, cefalea, astenia. N.B. Nel 2004 la FDA allerta per il rischio di un aumento di ideazioni suicide per un peggioramento del comportamento, soprattutto negli adolescenti in terapia con gli SSRIs.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 28.08.2012 riferita al maleato

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Michele Conte. Psicofarmaci. Usi e abusi, verità e falsi miti, caratteristiche ed effetti collaterali. Firenze, Eclipsi. ISBN 978-88-89627-06-8.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina