Fluoruro di cloro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fluoruro di cloro
{{{immagine1_descrizione}}}
{{{immagine2_descrizione}}}
Nome IUPAC
monofluoruro di cloro
Nomi alternativi
fluoruro clorico
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare ClF
Massa molecolare (u) 54.45 g/mol
Aspetto gas incolore
Numero CAS [7790-89-8]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (kg·m−3, in c.s.) 1.62 g mL
(liquido, −100 °C)
Temperatura di fusione −155.6 °C
Temperatura di ebollizione −100.1 °C
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1) −56.5 kJ mol−1
S0m(J·K−1mol−1) 217.91 J K−1 mol−1
C0p,m(J·K−1mol−1) 33.01 J K−1 mol−1

Il monofluoruro di cloro o fluoruro di cloro è un composto interalogeno con la formula chimica ClF.
A temperatura ambiente si presenta come un gas incolore, ma quando viene raffreddato sotto i -100 °C condensa in un liquido giallo pallido.

Reattività[modifica | modifica sorgente]

Il fluoruro di cloro è un ottimo agente fluorinante perché converte metalli e non metalli ai loro fluoruri rilasciando del gas cloro.
Un esempio può essere la reazione del ClF con il tungsteno o con il selenio:

W + 6ClF → WF6 + Cl2
Se + 4ClF → SeF4 + 2Cl2

Il ClF può anche clorofluorinare dei composti aggiungendo loro legami covalenti o ossidandoli. Ad esempio aggiunge fluoro e cloro al triplo legame del monossido di carbonio formando il clorofluoruro di carbonile.

CO + ClF → Carbonyl-chlorofluoride-2D.png

Note[modifica | modifica sorgente]


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: Il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia