Fluorocromo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con il termine fluoroforo (o fluorocromo) si indicano quelle molecole che, dopo avere assorbito fotoni di una certa lunghezza d'onda, esibiscono fluorescenza.[1] Esistono diversi tipi di fluorofori, caratterizzati da diversi spettri di assorbimento e di emissione. I fluorocromi che vengono maggiormente utilizzati nell'ambito delle tecniche biologiche sono l'isotiocianato di fluoresceina, conosciuto anche con l'acronimo FITC, e l'isotiocianato di tetrametilrodamina (TRITC).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) fluorophore, definizione IUPAC Gold Book

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia