Floyd Patterson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Floyd Patterson
Floyd Patterson 1962.jpg
Floyd Patterson (1962).
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 183 cm
Pugilato Boxing pictogram.svg
Dati agonistici
Categoria Pesi mediomassimi, Pesi massimi
Ritirato 20 settembre 1972
Carriera
Incontri disputati
Totali 64
Vinti (KO) 55 (40)
Persi (KO) 8 (5)
Pareggiati 1
 
Olympic flag.svg

Floyd Patterson (Waco, 4 gennaio 1935New Jersey, 11 maggio 2006) è stato un pugile statunitense, giovanissima medaglia d'oro nei pesi medi alle Olimpiadi di Helsinki del 1952 e campione del mondo dei pesi massimi tra il 1956 ed il 1962, con un'interruzione nel 1959.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Fu eletto Fighter of the year (pugile dell'anno) dalla rivista americana Ring Magazine nel 1956 e nel 1960.

Match dichiarati Ring Magazine fight of the year:

Match dichiarato Ring Magazine upsets of the year:

La International Boxing Hall of Fame lo ha riconosciuto fra i più grandi pugili di ogni tempo.

La conquista del titolo[modifica | modifica sorgente]

Passato professionista nel 1955, il 30 novembre 1956 Patterson divenne il più giovane Campione Mondiale dei pesi Massimi della storia raccogliendo il titolo vacante dopo il ritiro dell'imbattuto Rocky Marciano. A Chicago Patterson sconfisse a sorpresa l'esperto Archie Moore con un KO all'ottavo round.

Pugile molto agile per la categoria dei massimi, Patterson difese con successo quattro volte il titolo ma il 26 giugno 1959 fu sconfitto dallo svedese Ingemar Johansson in un match dove subì ben sette atterramenti in sole 3 riprese. La sconfitta apparve sospetta, alla luce della successiva rivincita nel giugno del 1960, quando Patterson sconfisse lo svedese in 5 rounds.

Patterson fu quindi il primo peso massimo a riuscire a riconquistare il titolo, superato poi da Cassius Clay che ebbe modo di riconquistare il primato per tre volte.

Dopo alcuni incontri di scarso rilievo(compresa una inutile terza sfida con Johansson), Patterson esitava a mettere in palio il titolo contro il temibile Sonny Liston, un picchiatore dell'Arkansas nato come uno schiavo in una piantagione di cotone, che tra il 1958 ed il 1961 aveva rivoluzionato i rankings della categoria annientando a colpi di KO uno dopo l’altro i tredici principali sfidanti al titolo mondiale.

I procuratori di Patterson riuscirono ad ottenere vari rinvii, anche a causa del divieto di alcune commissioni pugilistiche tra cui quelle di Filadelfia e di New York, che avevano inibito l’attività a Liston a causa dei rapporti con alcuni boss mafiosi, tra cui Frankie Carbo e Blinky Palermo,che al tempo controllavano le scommesse sulla boxe. Inoltre nel 1961 la National Boxing Association aveva sospeso Liston dall’attività per le sue amicizie nella mafia.

Intanto la stampa premeva per l'incontro del secolo. La questione assunse importanza nazionale, tanto che lo stesso Presidente americano John Fitzgerald Kennedy chiese pubblicamente a Patterson, durante un party alla Casa Bianca, di mettere fine alla paradossale situazione e porre in palio il suo titolo contro il picchiatore dell’Arkansas. “Perché non affrontate Liston?“ chiese Kennedy, ed aggiunse: “È indubbiamente uno sfidante degno di voi“.

Il declino[modifica | modifica sorgente]

La tanto attesa sfida contro Liston si tenne il 25 settembre 1962, al Comiskey Park di Chicago: pur di affrontare il campione, Liston limitò la sua borsa a 250.000 dollari (a Patterson toccò cinque volte tanto). L'incontro, disputatosi sotto la presenza di Frank Sinatra, durò appena 2 minuti e 10 secondi: Liston sconfisse Patterson con un netto KO. Alla superiorità di Liston i cronisti reagirono dicendo che:

« sembrava un incontro tra pugili di categorie differenti. »

Nel 1963 si tenne la rivincita, ma l'esito fu lo stesso: Liston vinse per KO al primo round dopo aver atterrato per ben tre volte l'avversario.

Il 22 novembre 1965 Patterson tentò di riconquistare il titolo mondiale contro il campione in carica Muhammad Ali venendo sconfitto ai punti. Dopo la squalifica di Ali, Patterson tentò di riconquistare il titolo affrontando Jimmy Ellis nel settembre 1968: anche in questo caso fu sconfitto ai punti. Disputò l'ultimo incontro della sua carriera il 20 settembre 1972 ancora contro Muhammad Alì da cui venne battuto per KOT alla settima ripresa.

Floyd Patterson conta un record di 55 vittorie (40 KO), 8 sconfitte e 1 pareggio. In seguito al ritiro dal ring, divenne un allenatore.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 37596624 LCCN: n88159611